Il mio adolescente cerca di logorarmi con le sue domande

Adolescenti
Madre che ha una conversazione seria con la figlia adolescente a casa

Mamma spaventosa e Daisy-Daisy/Getty

Prima di avere il mio primo figlio 15 anni fa, immaginavo mia madre amorevole e paziente, che offriva sempre con calma risposte a tutte le domande di mio figlio. Tutti i libri e le riviste che leggo (non articoli su Internet perché questo era prima che la parola google diventasse un verbo * sotto *) ha discusso di come i bambini si chiedano incessantemente perché e come fosse nostro compito di genitori cercare sempre di rispondere a questo perché.

Se non rispondi a tutte le domande di tuo figlio, o almeno gli dici come possono trovare le risposte da soli, schiaccia la loro naturale curiosità e polverizza le loro anime finché non rimangono altro che tristi gocce di catrame liquido.



le rose sono rosse le viole sono blu scherzo

Certo, è fastidioso ed estenuante rispondere a un milione di domande al giorno, ma tu ricercato maternità, vero? Quindi succhialo e rispondi alle loro domande! Non vuoi che il tuo bisogno egoistico di un momento di silenzio occasionale lo faccia rovina i tuoi figli, vero?

Quindi mi aspettavo davvero di essere il tipo di genitore che avrebbe sempre risposto con pazienza a ogni singola domanda che mio figlio mi ha rivolto, per sempre. Spiegherei con calma il mio ragionamento per varie regole domestiche. Mi unisco a loro per trovare le risposte alle domande per le quali non avevo una risposta pronta. non lo farei mai sempre ricorrere all'autoritario e al blasfemo perché l'ho detto io.

Ma ultimamente mi sono sentito di tanto in tanto spegnere il perché di mio figlio di 15 anni. È un ragazzo fantastico e sono fortunato ad essere sua madre, morirei letteralmente per lui, bla bla bla, tutte quelle dichiarazioni di non responsabilità. Lo adoro.

e inoltre, ha iniziato a tormentarmi con il perché come metodo per sfinirmi quando vuole qualcosa, ma gli ho già detto di no. Quando i libri e le riviste mi hanno detto di rispondere sempre al perché di mio figlio, hanno inquadrato lo scenario come un bambino di prima elementare dagli occhi da cucciolo che era curioso di sapere come funzionava il mondo. Non mi hanno avvertito che i miei figli sarebbero diventati adolescenti e avrebbero tentato di usare la mia disponibilità a rispondere contro di me.

Mio figlio di 15 anni ha recentemente fatto ricorso a spingere e spingere con il suo perché. L'esempio più recente è stato WHYYYY non posso stare al computer per l'intera giornata? Ha posto questa domanda durante un periodo di routine della giornata durante il quale lui e sua sorella di 11 anni non sono ammessi sugli schermi. Hanno un sacco di tempo sullo schermo, ma ho un pezzo del giorno in cui ho bisogno che trovino qualcos'altro da fare. Ho detto loro perché. Entrambi conoscono tutti i motivi per cui non è bello fissare uno schermo tutto il fottuto giorno.

Di solito non respingono. Ma in questo giorno particolare, mio ​​figlio non lo sentiva. Chiese perché non può essere ancora sugli schermi. Chiese perché è un grosso problema essere sugli schermi letteralmente per l'intera giornata? Gli ho ricordato alcuni dei motivi: la salute mentale, il nostro cervello ha bisogno di una varietà di diversi tipi di stimolazione, non fa bene ai tuoi occhi, ecc.

Ogni motivo che ho fornito è stato seguito da un altro Perché? Ha inquadrato le sue domande con un'aura di sincera curiosità, come se volesse onestamente conoscere i motivi per cui troppo tempo davanti allo schermo può influire sulla salute mentale di una persona, perché il nostro cervello ha bisogno di diversi tipi di stimolazione, perché non fa bene ai tuoi occhi (il mio gli occhi già fanno schifo comunque, chi se ne frega?).

Non era un bambino curioso che cercava di comprendere i significati più profondi dietro i confini che avevo creato. Questo era un adolescente che cercava di ottenere ciò che voleva.

Dopo aver risposto ad alcuni dei suoi perché, gli ho detto che è il benvenuto a cercare su Google i numerosi studi che fornirebbero risposte a tutte le sue domande. Ovviamente, gli ho detto, dovrai aspettare fino alla prossima volta che ti sarà permesso sugli schermi di fare tutte quelle ricerche. Gemette e si arrese.

Di solito come genitore, ti senti come se fossi dalla stessa parte di tuo figlio. Sperimentare la meraviglia della vita attraverso i loro occhi, condividere gioie e delusioni, andare a battersi per loro quando necessario e insegnare loro ad andare a battersi per se stessi.

E a volte ti senti come se fossi su un ring di pugilato, in senso figurato buttandosi a terra a vicenda finché uno di voi non viene soprannominato il vincitore. Ho vinto quel round. Sì, lo so che è un po' meschino. Ma so anche che mio figlio stava cercando di manipolarmi e gli ho mostrato che non sono uno da manipolare. Ma bel tentativo.

Il mio genitore aveva buone intenzioni giurando di essere un paziente che rispondeva a domande incessanti. E cerco principalmente di rispondere alle domande dei miei figli, soprattutto per quanto riguarda i limiti che ho messo in atto. Capiscono che ogni scelta che faccio come genitore ha l'obiettivo di fondo del loro benessere: la loro salute, la loro felicità, la loro sicurezza, il loro successo. Sanno che le mie regole non sono arbitrarie. Sanno anche che il mio obiettivo è essere autorevole, non autoritario.

Ma il mio pre-genitore non si rendeva conto che i bambini non sono sempre spugne di informazioni angeliche che cercano innocentemente di capire i misteri del mondo con il loro perché. A volte sono adolescenti manipolatori. A volte cercano di armare le tue gentili tecniche genitoriali contro di te.

I bambini sono intelligenti e parte del loro sviluppo normale e naturale è che metteranno alla prova i limiti e cercheranno di capire chi, esattamente, ha il controllo. Non perché siano futuri serial killer psicopatici, ma perché sono umani e gli umani a volte si mettono alla prova l'un l'altro. E va bene.

Quindi, anche se pre-genitore intendeva bene, un genitore esperto si è reso conto che nulla nella genitorialità è in bianco e nero, nessuna regola è dura e veloce e i tuoi figli troveranno sempre il modo di sorprenderti. E a volte devi trovare un modo per sorprenderli subito.

testi spiritosi da inviare a un ragazzo