celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Mio figlio ha avuto un'adesione del pene ed è stato spaventoso

Bambini
Madre e figlio nello studio del medico

fotostorm/Getty

Una chiamata dal infermiera della scuola nel bel mezzo della giornata scolastica è sempre snervante. È particolarmente preoccupante perché stiamo combattendo una pandemia globale, ma una recente chiamata della mia infermiera scolastica mi ha mandato su un sentiero che non avevo mai percorso. Mio figlio di sette anni era nel suo ufficio a piangere. Era andato in bagno e il suo pene sanguinava. Super spaventoso per lui e allarmante per me. Ho abbandonato quello che stavo facendo e sono andato a scuola il prima possibile. La sua piccola faccia triste e lentigginosa mi guardò, mamma, ho paura. Parla di un crepacuore!

Siamo entrati subito dal pediatra e ci hanno mandato in bagno per un'urina semplice. Questo mi sembrava ragionevole. Ho avuto la mia parte di UTI e infezioni alla vescica e ho visto sangue nelle mie urine, quindi questo aveva senso. Quando tintinnava, c'era un po' di sangue sulle sue mutande, ma niente di estremo. Fece una smorfia e disse che stava bruciando. Adesso ero sicuro. Tutto quello che gli serviva era un po' di antibiotico e saremmo andati via.



Tornammo in camera e aspettammo l'arrivo del dottore. È entrato e ha detto che la sua urina era chiara. Eh? Come potrebbe essere? Gli chiese di arrampicarsi sul tavolo per poterlo esaminare. Il medico ha chiesto informazioni su dolore, lesioni o se gli fosse successo qualcosa di inappropriato. Ha detto di no. Dopo un brevissimo esame alzò lo sguardo in modo molto pratico e disse: Lui ha un'adesione del pene. È il mio terzo figlio e non ne avevo mai sentito parlare prima. Ma a quanto pare, è molto comune. Ma sfortunatamente, può anche essere molto scomodo.

non ho mai… fatto domande cattive

Esistono tre tipi di aderenze peniene e possono verificarsi sia per i peni circoncisi che per quelli non circoncisi. Quando è presente un'adesione, la pelle del pene aderisce efficacemente e può causare dolore. Secondo Verywell Mind, le adesioni si presentano in tre forme:

Adesione ghiandolare

Questo tipo di adesione si verifica quando la pelle che è attaccata al glande del pene (testa) copre il margine coronale, della linea viola che separa l'asta del pene dal glande.

Ponte della pelle del pene

Questa è un'adesione più spessa che può essere permanente e potrebbe richiedere un intervento chirurgico per correggere.

Cicatrice

Questa adesione è il tessuto cicatriziale che si sviluppa quando il pene ricade nel cuscinetto adiposo pubico, provocando la contrazione dell'area chirurgica. Questo essenzialmente intrappola il pene e rende impossibile l'esposizione del glande.

Le aderenze del pene sono generalmente visibili quando si cambia il pannolino di un bambino o si fa il bagno a un bambino, ma spesso non sono dolorosi. Il disagio entra in gioco man mano che il bambino cresce e spesso si correggerà naturalmente.

donne etero eccitate dalle donne

In un pene non circonciso, il prepuzio si rilascerà naturalmente dal glande man mano che il bambino cresce. Una volta che ciò accade naturalmente, il pene dovrebbe essere periodicamente retratto per aiutare a scoraggiare il verificarsi di aderenze peniene. Il prepuzio non dovrebbe mai essere forzato indietro sul pene di un neonato o di un bambino piccolo. Se il prepuzio non si rilascia naturalmente, quando un bambino invecchia, un medico cercherà segni di adesione.

In un bambino circonciso, può verificarsi un'adesione se la pelle non viene retratta abbastanza frequentemente durante la cura della circoncisione. Un'adesione del pene può verificarsi anche in un bambino circonciso poiché si sviluppa più grasso nell'area pubica. La pelle può irritarsi e il pene può apparire intrappolato o come se stesse scomparendo nella pelle del cuscinetto adiposo. In questo caso, anche la pelle dovrà essere ritratta spesso per prevenire l'adesione.

le ragazze raccolgono le battute ai ragazzi

Le adesioni si verificano più spesso nei bambini durante lo sviluppo. I diversi tipi di aderenze peniene richiedono diversi tipi di trattamento. Per trattare un'adesione ghiandolare, è normalmente necessario mantenere l'area umida con una sostanza come la vaselina. Ciò manterrà l'area morbida e alla fine si svilupperà smegma, un mix di cellule morte della pelle e secrezioni di olio. Anche se questo può sembrare pus, è perfettamente sicuro. Ma dovresti sempre contattare il tuo pediatra se non sei sicuro. Le erezioni spontanee aiutano anche a rilasciare naturalmente un'adesione.

Se il tuo bambino ha un ponte cutaneo, il trattamento può essere più complicato. I ponti cutanei possono normalmente essere rimossi chirurgicamente durante un trattamento ambulatoriale. In rari casi, potrebbe essere necessario eseguire una revisione della circoncisione.

Un bambino con una cicatrice o un pene intrappolato può richiedere l'uso di un corticosteroide. Questo può essere un modo efficace per evitare un intervento chirurgico, se viene utilizzato tre volte al giorno per tre settimane. Questo farmaco ammorbidisce la pelle abbastanza da consentire a un medico, in anestesia locale, di ritrarla manualmente. Questo non dovrebbe mai essere fatto a casa.

Mio figlio ha avuto un'adesione ghiandolare. Probabilmente è lì da molto tempo, ma non l'abbiamo mai notato prima perché non provocava dolore. Il pediatra ha spiegato che poiché sta crescendo, l'adesione sta iniziando a strapparsi, il che lo fa sanguinare e sentirsi a disagio. A causa del fatto che l'area ha poche ghiandole sebacee ed è piuttosto secca, lo strappo è doloroso. Lo trattiamo con un unguento antibiotico, per idratare e prevenire le infezioni, e l'irritazione scompare rapidamente. Ha spiegato che non richiede un intervento chirurgico, poiché non è spesso o grave, ma che si staccherà naturalmente da solo; ci vorrà solo del tempo per farlo.

Nella maggior parte dei casi, le aderenze del pene possono essere una parte normale dello sviluppo e non sono motivo di preoccupazione. Tuttavia, se provocano dolore, irritazione o sembrano essere infetti, è sempre una buona idea contattare il pediatra. È meglio prevenire che curare, in particolare quando si ha a che fare con un'area così delicata e sensibile.