I miei figli saranno sempre in lutto: io sono genitore di conseguenza

Perdita E Lutto
Bambina triste che si siede

Scary Mommy e seksan Mongkhonkhamsao/Getty

I miei figli stanno soffrendo. Sono in lutto da quasi quattro anni. Se conti il ​​dolore anticipatorio, è più vicino a sei. Il che significa che sono stato genitore di bambini in lutto per quattro anni, senza contare quegli anni in cui il dolore non aveva nome e volto.

Nei primi giorni del loro dolore, i giorni subito dopo la morte del loro padre, mio ​​marito, il loro dolore era viscerale. Era visibile, in lacrime e scoppi d'ira e dolori allo stomaco nel bel mezzo della notte.

La mia genitorialità si è adattata a quel dolore viscerale e visibile. Ogni scelta, dall'andare al ristorante per colazione al fatto che un amico potesse dormire sopra, è stata fatta con la consapevolezza che il dolore era crudo e appena sotto la superficie. Quando mio figlio ha agito, invece di arrabbiarsi, l'ho abbracciato fino a quando le sue grandi emozioni non si sono calmate. Ho attraversato le porte sbattute di mia figlia con voce calma. Ho consentito dessert extra e non ho sempre insistito sul fatto che la stanza dei giochi fosse riordinata. Sapevo da lontano che sembrava che gli stessi lasciando fare quello che volevano senza conseguenze. Ma quella è stata una scelta. Non potevo disciplinare un capriccio o una porta sbattuta come avrei potuto fare una volta, perché la causa sottostante del capriccio e della porta sbattuta era cambiata. Il loro dolore ha dettato il modo in cui sono stato genitore.

Nel tempo, il loro dolore è diventato meno viscerale, meno visibile. Sono felici, più che no. Possono parlare del loro papà e le loro voci non tremano di lacrime. Ma il loro dolore è lì, che emerge con una nitidezza mozzafiato quando meno previsto. Il primo compito di scrittura gratuito di mia figlia per la lezione di inglese è un esempio. Ha scritto di cancro. Più specificamente, sul cancro al cervello di suo padre. Nel suo saggio, ha descritto momenti che ero sicuro di aver dimenticato, di momenti in cui la sua rabbia ha preso il sopravvento (a causa dei farmaci che stava assumendo) e momenti in cui la sua frustrazione è aumentata (perché le parole nella sua mente non erano le parole che stava dicendo.) L'ho letto e il mio cuore si è spezzato sapendo che il dolore e quei momenti occupano ancora spazio nella sua mente, nel suo cuore. E lo faranno sempre.

laflor / Getty

Poiché il loro dolore è cambiato, anche la mia genitorialità è cambiata. I giorni dei dolci extra a tutte le ore sono finiti. Devono ripulire se stessi e partecipare alla famiglia. I capricci e le scelte sbagliate vengono discusse e disciplinate o meno, a seconda dell'incidente coinvolto. È tutta una genitorialità molto semplice, simile alla genitorialità pre-lutto. Solo che non è affatto così. Perché il dolore è ancora lì. Più in profondità sotto la superficie, ma lì. Si insinua in determinati momenti e influisce sul modo in cui agiscono o non agiscono. Di conseguenza, ogni decisione genitoriale che prendo è influenzata da quello strato di dolore che so esistere.

Significa che a volte dico di no a situazioni piene di fattori scatenanti del dolore, perché è mio compito proteggerle. Significa che a volte dico di sì, e poi (provo a) insegnare loro come navigare in tutti i fattori scatenanti del dolore, perché hanno bisogno di imparare che i fattori scatenanti sono spesso inevitabili. Significa che esamino ogni comportamento attraverso una lente color dolore. A volte un capriccio è un capriccio, uno sbalzo d'umore è uno sbalzo d'umore, ma mi chiedo sempre se il dolore stia sfornando parte dell'emozione. Mio figlio ha appena lasciato una situazione in cui era circondato dai suoi amici e dai loro padri? Mia figlia ha dovuto ascoltare un riepilogo approfondito del ballo del papà eseguito dai padri dei suoi amici?

Essere genitori in lutto significa che il loro dolore influenza ogni decisione che prendo, anche quelle minori. Il loro dolore è sempre nella parte posteriore della mia mente.

Ad alcune persone, potrebbe sembrare che io stia ancora coccolando i miei figli, cercando scuse per le loro cattive scelte di comportamento (quando le fanno). Non sono. Hanno dei confini. Fanno progetti con gli amici. Sono bambini, con uno strato di dolore al centro. Saranno sempre in lutto, il che significa che sarò sempre genitore di bambini in lutto e la mia genitorialità rifletterà sempre questo. Non sono lo stesso genitore che ero nei primi giorni del dolore, ma non sono più lo stesso genitore che ero prima che il dolore entrasse nelle nostre vite.

La realtà è che alcune perdite ti cambiano: il modo in cui vivi, mangi, dormi, vedi il mondo. Il dolore per quelle perdite non ha un punto di arrivo. Si trasforma con il tempo. La vita cresce intorno a quel dolore. Ma quel dolore c'è, cambia il modo in cui vivi, mangi, dormi, vedi il mondo. Il dolore e la perdita hanno cambiato in modo permanente l'infanzia dei miei figli. Non saranno mai i bambini che avrebbero potuto essere una volta. Di conseguenza, è cambiato il modo in cui sono genitore. Non sarò mai il genitore che avrei potuto essere una volta.

È estenuante, certamente, fare i genitori in questo modo. Ci sono molte seconde supposizioni coinvolte. Molta incertezza. Ma c'è anche qualcosa di speciale nell'essere genitori in questo modo. Significa che il più delle volte, faccio il genitore intenzionalmente. Significa che lavoro sodo per essere in sintonia con le emozioni dei miei figli. (Non posso sempre esserlo, ma ci provo sempre.) Significa che i miei figli (si spera) si sentono sempre ascoltati e protetti e stanno crescendo in una casa che incoraggia l'empatia. Anche i miei genitori prima del lutto avrebbero sperato in questo.

Condividi Con I Tuoi Amici: