Il mio bambino è cresciuto e vorrei avere solo un po' più di tempo

Mamma Spaventosa: Tweens & Teens
nido vuoto

Mio figlio mi ha informato l'altro giorno che non scrivo un post da quasi un anno. E non per mancanza di materiale. Onestamente, in quel periodo si sono verificate alcune cose abbastanza degne di Internet.

Avrei potuto scrivere di quando mi sono tagliato parte del pollice con una mandolina. Di come ho raccolto il pezzo del mio pollice che ho tagliato via, l'ho rimesso al suo posto, avvolto un tovagliolo di carta intorno, e in realtà discusso per alcuni minuti, indipendentemente dal fatto che avessi bisogno di cure mediche. Ho scoperto che ne avevo bisogno di diversi settimane di cure mediche. Immagino che solo un vero italiano sacrificherebbe parte di un dito in modo che la sua famiglia potesse affettare perfettamente le melanzane fritte.

Potrei aver scritto di come subito dopo quello che ora viene chiamato l'incidente del mandolino, mi è stato diagnosticato un cancro della pelle alla testa. Ma la mia scrittura di solito è più divertente e non riuscivo davvero a capire come trasformarla in qualcosa di esilarante. Sto benissimo ora, comunque. Scherzo su di te, carcinoma a cellule squamose.



Un altro argomento degno di Internet di cui potrei aver scritto: il mio figlio maggiore si è diplomato al liceo. Questo è un grande evento, giusto? È stata accettata all'Università di Washington, la sua scuola di prima scelta, e le nostre famiglie sono volate su per la sua laurea, ed è stato divertente e bello e probabilmente ho versato qualche lacrima durante la cerimonia. sinceramente non ricordo.

E poi quest'estate ha lavorato per risparmiare denaro e abbiamo parlato delle cose di cui avrebbe avuto bisogno per la scuola. Abbiamo comprato nuovi letti per il suo dormitorio. Ed è stato emozionante, e stavo bene. Abbiamo comprato cassetti e un mini-frigo. E stavo bene. Qualche giorno fa abbiamo ordinato i suoi libri di testo online e li abbiamo spediti al suo indirizzo di dormitorio. E comunque stavo bene.

E poi ieri abbiamo caricato tutto in macchina, abbiamo portato la macchina sul traghetto e siamo partiti per l'UW a Seattle. L'abbiamo trasferita in un dormitorio pulito, luminoso, quasi nuovo di zecca. Poi abbiamo fatto una cena deliziosa con la sua coinquilina e la sua famiglia super simpatica, e tutto sarebbe dovuto andare bene.

Ma quando ho salutato mia figlia e l'ho vista camminare per le strade della città, lontano da noi, dalla sua famiglia, dai suoi protettori, è stato come guardarla uscire dalla sua infanzia. E verso l'ignoto. E poi non stavo bene. Quindi ora scrivo.

È come se fossi stato colpito dall'equivalente emotivo di un uragano. Voglio dire, ho pensato che sarei stato triste quando se ne sarebbe andata. Non puoi passare ogni singolo giorno di 18 anni con qualcuno e poi non perderlo quando si allontana, anche se tuo figlio è un rompiballe. Il mio non lo è, tra l'altro, il che probabilmente lo rende più difficile.

E sapevo che mi sarei sentito preoccupato, perché fino ad ora sapevo praticamente dove fosse mio figlio in ogni momento. Sapevo a che ora andava a letto, a che ora si svegliava e cosa mangiava a colazione. Ora, da un giorno all'altro, vive in una grande città e non so se ha dormito abbastanza o cosa indossa o se si è ricordata di portare una giacca. L'unica parola che mi viene in mente per descrivere tutto questo non sapere è... inquietante.

Insieme alla preoccupazione, stranamente, c'è il senso di colpa. Sto indovinando tutto quello che ho fatto come genitore. L'ho preparata adeguatamente per il mondo reale? L'ho spaventata troppo o non abbastanza? Riuscirà davvero a tenere lo spray al peperoncino nello zaino? Lo userà se deve? Perché non le ho fatto fare un corso di difesa personale? Lei sa come spedire un pacco? Le ho mai detto che l'ufficio postale chiude alle5:30?

Rabbia. Non mi aspettavo di provare rabbia. Sì, sono incazzato con il mondo in questo momento per non avermi preparato per questo. Quanti consigli non richiesti riceviamo nei nostri anni di genitorialità? Migliaia? Ad ogni altra pietra miliare, mi sentivo inondato di informazioni e opinioni. La gente parla all'infinito di quanto sia difficile avere un neonato, le notti insonni, l'allattamento al seno, il co-dormire. Il bambino fa i capricci. Bambini in età prescolare schizzinosi. Gli anni delle medie, gli ormoni, le ragazze cattive, il bullismo. Il liceo, la pressione dei pari, la droga, l'alcol, lo stress accademico. SMS e guida. E così via. Voglio dire, non puoi convincere la gente a sta 'zitto su quella roba.

Ma quando dici che tuo figlio sta partendo per il college, la risposta è stata invariabilmente, Oh, che emozione! e questo è praticamente tutto. Bene, ora che è successo, sono tipo, aspetta un minuto! Perchè nessuno dimmi, voglio dire veramente Dimmi che, Questo , Questo è la pietra miliare che è l'assoluto più difficile tempo genitoriale di tutti? Non una sola persona ha detto, Oh, tuo figlio sta partendo per il college? Mi dispiace tanto. Che schifo per te.

e di corso , sono felice per lei. e di corso , Sono emozionato per lei. E no, non preferirei che restasse a casa per sempre. Ma niente di tutto questo mitiga il fatto che per me, la mamma, in questo momento fa davvero schifo. Quindi ve lo sto dicendo ora, genitori di bambini più piccoli, perché nessuno me l'ha detto davvero. Fa schifo. Prego.

La gente dice: Oh, sei fortunato che sarà solo a un'ora di distanza, il che fino a ieri mi ha davvero confortato. Ma ho subito capito che non importa molto se non è nella sua camera da letto ed è a un'ora di distanza rispetto a se non è nella sua camera da letto ea cinque ore di distanza. In ogni caso, non è nella sua camera da letto. In ogni caso, la casa è troppo silenziosa.

Continuo ad avere questa visione nella mia testa della mia bambina che si allontana, verso il suo edificio, e in questa visione sto trattenendo le lacrime e urlando, Aspettare! Girarsi! Per favore, non ho ancora finito. Ho bisogno di più tempo... solo un po' più di tempo!

Ma il mio tempo è scaduto, e tutto quello che posso fare è sperare di averlo usato bene.

i nomi dei troll dei film troll

E anche se il mio cuore è pesante e le mie emozioni sono confuse, la mia testa è lucida e conosco la verità della questione. Potrei aver bisogno di un po' più di tempo... ma lei no. È forte, è intelligente, è bella ed è pronta. È tutta tua, mondo. Per favore trattala gentilmente.