Il video della mamma spiega perché diventare genitori di un animale domestico e genitori di un essere umano non sono la stessa cosa

Tendenza
Schermata 01/02/2018 alle 3.54.10 PM

Immagine tramite Juggling the Jenkins

il modo migliore per fare sesso in macchina

Questo video illustra perfettamente le differenze tra la genitorialità animale e quella umana

Tiffany Jenkins è una mamma e la voce dietro il blog Giocoliere con i Jenkins . La sua pagina Facebook è piena di video su argomenti come il recupero dalla dipendenza, la genitorialità, il matrimonio e l'umorismo generale sulla vita di tutti i giorni. Una delle sue clip recenti affronta un argomento piuttosto controverso nel mondo dei genitori: essere genitori di un animale domestico rispetto a genitori di un essere umano.

E perché non sono affatto uguali.



Abbatte le grandi differenze in poco più di un minuto.

Il video si intitola Quando il mio amico mi dice che avere un cane è come avere figli e inizia con Jenkins che interpreta se stessa e la sua amica. La mamma dice come i bambini impazziranno con la pioggia in arrivo e l'amico è d'accordo.

Ma i figli dell'amica sono in realtà i suoi cani. Questo spinge il genitore degli umani a spiegare perché questo non è un confronto che può davvero essere fatto.

Perché per quanto ci piacerebbe averli completamente contenuti, probabilmente è contro la legge e decisamente non è una grande genitorialità mettere tuo figlio in una gabbia quando ne hai bisogno per stare in un posto.

Immagine tramite Jugging the Jenkins

È anche generalmente disapprovato scacciare i tuoi figli fuori quando hanno bisogno di andare in bagno. Anche se mentirei se non ammettessi che mio figlio fa spesso pipì dietro un cespuglio nella piscina del nostro vicino insieme al suo piccoletto così possiamo evitare le impronte di un ragazzo bagnato all'interno della sua casa, ma comunque, è decisamente non è una cosa per tutto l'anno.

Immagine tramite Juggling the Jenkins

Poi c'è il momento della pappa, e ancora, ci sono stati momenti in cui sono stato tentato di spargere la cena sul pavimento per occupare i miei bambini piccoli (se comunque finisce spesso lì), ma di solito tutti mangiano a tavola. Con utensili. Generalmente .

come aprire un portale della tavola ouija

Immagine tramite Juggling the Jenkins

E ovviamente, anche se il nostro istinto potrebbe dire il contrario, dobbiamo lasciare che i nostri figli si siedano sui mobili. Animali domestici? Non così tanto.

Immagine tramite Juggling the Jenkins

divertimento per bambini a san antonio

Jenkins, la cui figlia Chloe ha recitato nel video, racconta a Scary Mommy la sua ispirazione per realizzarlo. Le donne che non sono mamme salterebbero nelle sezioni dei commenti dei miei video e darebbero i loro consigli genitoriali in base alla loro esperienza con i loro cani. Mi ha fatto ridere e ho pensato che sarebbe stato divertente mostrare il contrasto tra cani e bambini.

Naturalmente no tutti trovato divertente. Molte persone hanno frainteso il messaggio, dice. Non ho mai detto che non puoi amare un cane come puoi amare un bambino, o che non puoi 'considerarlo' come un bambino. Stavo semplicemente mostrando i modi in cui prendersi cura di un cane è diverso dall'allevare un bambino.

Ed è esattamente così. Nessuno sta dicendo che un genitore di cani non possa provare un amore per il proprio animale domestico che vedono come simile a quello che un genitore prova nei confronti di un bambino umano, solo che allevare le due specie comporta alcune differenze piuttosto significative. Jenkins intendeva prendere alla leggera queste differenze e, poiché attualmente qualcuno sta allevando un cucciolo insieme a due bambini umani, mi sono fatto una bella risata. Amo il mio cane come un matto, ma non è umano. Questo è semplicemente un dato di fatto.

Le mamme di animali domestici e le mamme di umani non hanno bisogno di combattere. È tutta una questione di capire da dove viene l'altro e che entrambe le parti proveranno frustrazioni diverse. Ma alla fine della giornata, tutti noi amiamo i nostri figli e vogliamo il meglio per loro, che siano pelosi o meno.