celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

'Mamma, possiamo parlare?' - La confessione di mio figlio che non ho mai visto arrivare

Adolescenti
Mamma-Possiamo-Parlare

Credito fotografico: caro mondo

Mamma, possiamo parlare?

Ogni mamma che ha sentito queste quattro parole sa che quello che segue potrebbe essere un messaggio serio e forse difficile da parte di tuo figlio.



Queste parole vogliono essere un avvertimento, un'opportunità per te di prepararti perché qualcosa di grande sta per essere detto. Quindi, quando mio figlio è entrato nella mia camera da letto durante una pausa dallo studio per gli esami di maturità, ho capito che aveva bisogno della mia piena attenzione.

Mamma, c'è qualcosa che devo dirti. Nell'ultimo anno sono stato depresso, seriamente depresso. Di recente, ho parlato con ____ a scuola (un insegnante che io e lui adoravamo entrambi), e mi hanno incoraggiato a parlare con te e papà. Infatti, oggi hanno insistito. Hanno detto che entrambi avreste ascoltato, e voi siete gli unici che potevano darmi l'aiuto di cui avevo bisogno e io ho bisogno di aiuto.

Sarò onesto: non era quello che mi aspettavo. Sto lottando con lo studio per questa finale, sono esausto per tutto quello che ho fatto, sono stressato per l'ultimo anno e per l'inizio del college – qualcuno di questi potrei aver visto arrivare.

Ma questo – sono depresso – non l'ho mai visto.

quando l'altro genitore è tossico

So che aspetto ha la depressione da adulto: non riesce ad alzarsi dal letto, non ama più le attività o gli amici preferiti, è triste, arrabbiato e letargico. Nessuno di questi comportamenti descriveva minimamente mio figlio.

Lavoro da un ufficio a casa che è direttamente dall'altra parte del corridoio rispetto al suo. Lo sentivo letteralmente ridere ad alta voce per un video divertente che stava guardando, ogni giorno. L'ho visto interagire con gli amici, fare sport, fare teatro, alzarsi ogni mattina luminoso e pronto per partire.

Un milione di cose quando nella mia mente – Volevo sbottare, Non sei depresso, ti sento ridere. Non sei chiuso: parliamo e ridiamo tutto il tempo. Ti alzi ogni giorno e sembri fantastico. Quello che non sapevo in quel momento era che la depressione adolescenziale si manifesta in modo diverso – può manifestarsi come intorpidimento, apatia, nessun sentimento per nulla, un'oscurità che non capiscono – anche se esteriormente sembrano a posto.

Quello che sapevo in quel momento era che era serio e questa conversazione era molto difficile per lui. Mio marito stava allenando una partita di lacrosse e non era a casa, quindi come gestirlo dipendeva da me e sapevo che la posta in gioco era alta.

In fondo alla mente pensavo anche all'amico il cui figlio era morto suicida. Un ragazzo tutto americano al suo primo anno al college. Un ragazzo che amava la scuola e i suoi amici ed era molto vicino ai suoi genitori. In effetti, i suoi genitori erano in città - dove era al college - per un matrimonio. Un matrimonio in cui ha promesso a sua madre il primo ballo. Gli avevano parlato ore prima della sua morte. Era ottimista e felice e stava chiedendo a sua madre se portava i gemelli di cui aveva bisogno per la sua camicia da smoking; aveva. Hanno parlato di incontrarsi il giorno successivo in modo che tutta la famiglia potesse andare insieme al matrimonio.

Credito fotografico: caro mondo

Sono rimasti assolutamente scioccati nell'apprendere solo poche ore dopo che si era tolto la vita.

Conoscere questo ragazzo e la sua famiglia, e avere due figli miei, mi ha perseguitato. Suo padre ora parla nei college: condivide coraggiosamente la loro storia per aiutare gli altri a capire cosa hanno imparato sulla depressione, l'ansia e il suicidio nei giovani adulti. Hanno istituito hotline suicidi e stanno salvando vite, e ho notato tutto ciò che hanno condiviso. Abbiamo parlato con entrambi i nostri figli di quello che è successo a questa famiglia e abbiamo chiesto se si fossero mai sentiti depressi. In quel momento, entrambi dissero: No.

amo mio marito ma voglio il divorzio

Ho capito seduto lì quella notte quando mio figlio ha chiesto, mamma, possiamo parlare?, che era del tutto possibile che mio figlio felice e fortunato si sentisse molto diverso dentro.

Sapevo che il modo in cui ho risposto era fondamentale, quindi ho scelto le mie parole con molta attenzione – mi dispiace così tanto che stai attraversando questo, ma sono molto felice che me l'abbia detto. Grazie mille per esserti fidato di me. Ti prometto che papà e io ti aiuteremo, non sei solo. Per favore, dimmi cosa sta succedendo. Era esattamente giusto – non lo so, ma era il meglio che potevo inventare in quel momento e sembrava essere quello che aveva bisogno di sentire.

Quello che seguì fummo noi due seduti lì mentre condivideva tutto. Te lo sto dicendo: pensavo di conoscerlo dentro e fuori. Era così aperto con noi e abbiamo passato molto tempo insieme – pensavo davvero che avrei saputo se qualcosa di così grave non andava in lui, ma non l'ho fatto. Ce l'aveva nascosto molto bene, intenzionalmente o meno, quindi sono stato preso alla sprovvista.

Quella notte, è stato così chiaro e articolato su come si sentiva, cosa stava passando e ha chiesto aiuto. Abbiamo parlato di opzioni – conoscevo un terapeuta meraviglioso che lo avrebbe visto – poteva decidere se era adatta a lui o meno (per fortuna, lo era), abbiamo concordato che avrebbe consultato il suo medico di base per determinare se fosse necessario un farmaco , e gli ho chiesto se potevo contattare il suo insegnante per ringraziarlo per averlo supportato e guidarlo a parlare con noi. Gli ho assicurato che saremmo stati qui per lui.

Faremmo tutto il necessario per dargli l'aiuto di cui aveva bisogno. Questo non era più un segreto che doveva tenersi dentro. Era così visibilmente sollevato che era come se un enorme peso fosse stato sollevato dalle sue spalle.

Quando suo padre è tornato a casa, nostro figlio lo ha informato e abbiamo parlato tutti dei nostri piani. Nei mesi successivi abbiamo incontrato esperti. Ho fatto ricerche infinite imparando tutto quello che potevo. Abbiamo parlato (era difficile non fare il check-in ogni poche ore chiedendo, stai bene? Come ti senti? Avevo bisogno di sapere ma non volevo che si ritirasse). Non aveva tendenze suicide, ma avevo in mente il figlio di una mia amica e non volevo perdere nessun segnale. Abbiamo parlato onestamente di come stava e abbiamo parlato del suo trattamento. Abbiamo apportato modifiche fino a quando non è stato sulla giusta linea d'azione.

C'è voluto del tempo ma piano piano le cose sono migliorate.

quando un bambino dovrebbe iniziare la scuola materna?

Ci sono state molte volte in cui ho pianto – ho pianto pensando a quanto tempo aveva sofferto da solo. Ho pianto chiedendomi come avrei potuto non saperlo. Ho pianto immaginando cosa sarebbe potuto succedere se non ce lo avesse detto e non avesse chiesto aiuto. Ho pianto così tanto per il suo insegnante – che è andato da loro e che erano di supporto e hanno insistito perché ce lo dicesse. Avranno sempre un posto speciale nei nostri cuori.

All'orientamento universitario, tutte le matricole hanno fatto un esercizio chiamato Dear World: ogni persona racconta la propria storia in poche parole scritte con un pennarello nero sul proprio corpo. Quindi fanno scattare una foto professionale per catturare il momento. Nostro figlio ci ha inviato la sua foto senza dirci cosa ha scritto – nella foto ha il braccio sinistro di lato e in grassetto c'è scritto I CAN FEEL THE DAYLIGHT e sulla sua mano aperta la parola AGAIN.

Così potente, così coraggioso.

Quando l'ho visto ho pianto – ho pianto per quanto è arrivato lontano e perché racconta apertamente e volentieri la sua storia agli altri. Ha detto che sperava che parlando di quello che ha passato, qualcun altro sarebbe stato aiutato. Era entusiasta quando gli ho chiesto se potevo condividere la sua storia. Gli ho detto che pensavo potesse aiutare altri genitori che potrebbero non sapere che i loro figli stanno soffrendo. Ha subito detto che mi sarebbe piaciuto se ne avessi scritto. Sono assolutamente d'accordo che potrebbe essere fantastico.

Ecco cosa abbiamo imparato: parlare apertamente di depressione e ansia; condividi le tue esperienze e incoraggiali a condividere le loro; ascolta indizi verbali e osserva i segni di lotta; chiedi loro cosa fanno per alleviare lo stress e digli ripetutamente che sei lì per aiutarli se hanno bisogno di te.

E per favore, racconta loro la storia di mio figlio e chiedi se si sono mai sentiti in questo modo – insensibili, come se niente contasse, come se ci fosse solo un'oscurità intorno a loro. La ricerca che abbiamo letto mostra che parlare di depressione e ansia non le renderà manifeste nel tuo bambino. Parlare di loro lo porta allo scoperto e mette le parole ai loro sentimenti: il primo passo per ottenere aiuto.

Mamma, possiamo parlare?

Sempre, a qualsiasi ora del giorno e della notte...