Anche gli uomini possono avere il ciclo e dobbiamo normalizzarlo

Lgbtq
anche gli uomini possono avere le mestruazioni

Francesca Yorke/Getty

Un amico ha pubblicato un meme che diceva questo: Cari ragazzi imbarazzati per l'acquisto di assorbenti interni, nessuno pensa che siano per voi.

Sospiro. E chi se ne frega se lo fanno?



Ho molto da dire su questo, ma ho semplicemente commentato che alcuni tizi hanno il ciclo. Perché lo fanno. Questo è un fatto.

Uno sconosciuto anonimo mi ha poi detto che il mio promemoria che gli uomini transgender e le persone non binarie sanguinano non ha bisogno di essere aggiunto su ogni singolo post del periodo mai fatto. Questa persona ha continuato, Per lo più le donne hanno il ciclo. Esistono più donne cis di chiunque altro pensi abbia il ciclo. Un po 'come un 'che dire degli UOMINI però' su ogni post femminile.

Ok, sconosciuto che sembra stia dando un sacco di privilegi alla conversazione, ecco perché ho bisogno di commentare ogni singolo post del periodo mai fatto.

Visualizza questo post su Instagram

E se sono per te, fai il tuo meglio, amico. #regram dal Mayfair Misfit @howtobeadad

Un post condiviso da La mamma polpo (@themotheroctopus) il 20 marzo 2019 alle 12:51 PDT

Prima di tutto, questo non era un posto da donna. Questo era specificamente pensato per dire agli uomini di crescere e di smettere di fare gli stronzi quando hanno bisogno di comprare assorbenti interni. E va bene.

Ma bisogna aggiungere altro alla conversazione. Gli uomini devono superare lo stigma che le mestruazioni sono grossolane, sporche, un problema solo per le donne o qualcosa che le eviri. Gli uomini hanno bisogno di ricordare che gli altri uomini possono sanguinare e non c'è nulla di intrinsecamente imbarazzante o sbagliato in questo. È assolutamente giusto che le persone presuppongano che i tamponi che gli uomini stanno acquistando siano per loro. Il mio commento era sicuramente un sentimento 'che dire degli uomini', ma questo non era un post di donne. E il mio commento non era un sentimento da poveri uomini. Il mio scopo non era quello di cullare l'ego maschile di alcun tipo, ma di controllarlo e rafforzarlo, in particolare l'ego degli uomini cisgender che sono troppo schizzinosi per sostenere le persone mestruate nelle loro vite.

Allora, che dire degli uomini? Innanzitutto, assicuriamoci che quando parliamo di uomini, includiamo anche uomini transgender e persone trans maschili non binarie. Insieme all'ego, gli uomini cis devono lasciar andare le loro fobie omosessuali e trans. Non @ me, gente. Quando insegno lezioni su argomenti LGBTQ, quando scrivo o pubblico cose queer sui miei canali di social media, indovina chi non si fa vedere? Uomini etero, cisgender. E non è perché sono persone emotivamente intelligenti, super consapevoli e fiduciose nella loro sessualità che sono così svegli che non hanno bisogno di imparare nulla; è perché gli argomenti LGBTQ spesso li mettono a disagio e temono di essere accusati di essere colpevoli di queerness solo per associazione a tali argomenti.

La cultura ha generato una mascolinità tossica e ora deve abortirla. Lungo l'attuale fottuto percorso che viene spesso utilizzato per allevare i ragazzi, agli uomini è stato insegnato che le qualità e le emozioni femminili non sono accettabili; hanno imparato che i ragazzi a cui piacciono i ragazzi e i ragazzi che una volta vivevano da ragazze non sono veri uomini. Anche quella merda deve sparire. Poiché gli uomini trans sono uomini e anche le persone non binarie possono identificarsi come maschi, sia attraverso la fluidità di genere o una combinazione di genere maschile e femminile.

Essere un uomo non significa avere un pene, ed essere un uomo può includere avere il ciclo. Quindi, grazie al commentatore che non lo capisce, questo meme non era un post di donne.

Inoltre, solo perché più donne cis hanno il ciclo rispetto a quelle che penso abbiano il ciclo non significa che dovremmo escludere le persone non cis. Non è questione di pensiero altre persone hanno il ciclo; So che lo facciamo. È anche questione di essere sicuri che quelli di noi non cis che sanguinano non si sentano ancora più spazzatura quando ci vergogniamo e ci picchiamo sulla testa con le stronzate di genere che accompagnano gli assorbenti o le coppette mestruali.

Infatti, oltre agli uteri che sono cretini, con tutti i crampi mensili, il gas e il disordine sanguinante, le mestruazioni per gli uomini transgender e le persone non binarie possono essere traumatizzanti e aggiungere alla disforia corporea quotidiana.

Il gonfiore, il seno gonfio e i fottuti ricordi esagerati che il mio corpo non è quello che voglio che sia mi fanno odiare di più il mio corpo. Mio la depressione peggiora e il mio senso di valore è andato durante questo periodo. Mi è stato detto che non dovrei commentare i post sui periodi. Perché finché non sarò incluso nella conversazione, continuerò a invitarmi a partecipare.

E che dire delle donne transgender che non passeranno mai attraverso il rito di passaggio per avere il ciclo? Sanguinare fa schifo, ma alcune ragazze trans sono molto ferite dalla consapevolezza che il loro corpo non può fare ciò che il loro cervello pensa che dovrebbe e ciò che il loro cuore vuole che faccia. Non possiamo dire che tutte le ragazze hanno il ciclo più di quanto possiamo dire che i ragazzi no.

Dico 'Caro ragazzo imbarazzato per l'acquisto di assorbenti interni, va bene se qualcuno pensa che siano per te. A volte gli uomini sanguinano, ma questo non ti rende meno uomo. Il sanguinamento non toglie la mascolinità e il corpo non è nulla di cui vergognarsi.

quando il tuo migliore amico è un ragazzo

Non dovremmo solo incoraggiare i ragazzi a comprare i tamponi o gli assorbenti per le persone con le mestruazioni nella loro vita, ma ricordare loro che va bene se anche loro hanno bisogno di usarli.

Ho cercato di spiegarne alcune al mio commentatore dalla mentalità chiusa. Hanno detto questo: non sono commosso dal tuo punto di vista, la mia opinione non cambia.

È un peccato perché, proprio come un tampone, devi cambiare le tue opinioni tossiche prima che facciano del male a te o a qualcuno che ami.