Letteralmente un promemoria che sei molto più del tuo stipendio

Mamma Che Lavora
Donna all

Malte Mueller/Getty

nutramigen esaurito

Una manciata di anni fa, sono andato su a viaggio di lavoro in Italia con mio marito. È stata un'opportunità straordinaria, ma nei giorni e nelle settimane precedenti il ​​viaggio, ho avuto il terrore che le persone mi chiedessero, cosa fai? e non avrei una risposta. Non avevo un titolo di lavoro di lusso o un grande stipendio. Sono rimasto a casa con i miei figli e ho fatto lavori di scrittura freelance mentre loro facevano un pisolino o andavano all'asilo.

Ero saltato fuori dalla carriera di Big Law anni prima e, anche se ero sinceramente contento della mia decisione, ero anche molto insicuro al riguardo. Onestamente, a volte lo sono ancora.

Il mondo in cui viviamo prospera più grande e migliore. Stipendio maggiore. Titolo di lavoro migliore. Casa più grande. Macchina migliore. Stipendio maggiore. Titolo di lavoro migliore. E così via fino a quando non ci esauriamo, ci rompiamo o scendiamo dalla ruota del criceto.

Sono sceso dalla ruota del criceto decenni fa, ma continuo a combattere questi sentimenti di inadeguatezza e mancanza di autostima. Sospetto di non essere solo in questo.

Un meme virale affronta questo focus sbalordito su ciò che facciamo piuttosto che su chi siamo, su quanti soldi guadagniamo piuttosto che su quanto ci godiamo la vita.

Sebbene la salute fisica e mentale non debba necessariamente essere una misura del successo, il meme solleva punti interessanti su ciò che apprezziamo e riteniamo importante nella nostra cultura.

Sarò schietto. Viviamo in una cultura che vive di capitalismo tossico. Giusto, tossico capitalismo. Negli Stati Uniti, il capitalismo è considerato americano come la torta di mele. Almeno io la pensavo così. Dopotutto, questo è il messaggio che ci viene dato da quando siamo bambini piccoli. Il successo significa salire la scala: più soldi, un lavoro migliore, più cose. Destra?

Nei miei primi anni '20, ho iniziato a chiamare stronzate su questa traiettoria ascendente che siamo nutriti da tutti gli angoli della nostra vita. Ho lasciato un lavoro ben pagato come avvocato in Big Law per un lavoro che pagava letteralmente la metà di quello che stavo guadagnando. Nei successivi 15+ anni, la mia carriera ha preso molti cali e curve e percorsi laterali, e sono stato bravo in questo. Per la maggior parte.

Perché anche se io sapere nel mio cuore quel più grande-meglio-di più non è la chiave della felicità, qualcosa nel mio corpo e nella mia psiche interiore a volte chiede, è? Evito intenzionalmente lo stile di vita capitalista. Mio marito ed io scegliamo di spendere i nostri soldi viaggiando e donando a cause in cui crediamo piuttosto che acquistare più cose. Viviamo in una piccola casa e condividiamo un'auto tra noi due perché vogliamo ridurre al minimo le cose nelle nostre vite. Mi sento a mio agio con le scelte che stiamo facendo e con la vita che stiamo vivendo.

sorbetto/Getty

Eppure, a volte mi ritrovo a sentirmi un po'... non so, meno di . Soprattutto quando sono circondato da persone che si concentrano sul guadagnare di più, salire la scala e giocare – un gioco che sappiamo tutti è comunque truccato. A volte sono consumato dal chiedermi cosa sarebbe stato se avessi continuato con la traiettoria del successo professionale che ci viene detto di volere, invece di saltare da quel treno per uno stile di vita che volevo davvero. Mi chiedo se dovrei solo lavorare di più o essere più ambizioso. Sarei più rispettato, più degno, più importante?

Eff quel rumore.

Sarò onesto, lotto con questi sentimenti. Molto. Scrivo questo tanto come promemoria per me stesso quanto come messaggio per le masse di altre persone là fuori che lottano con gli stessi sentimenti di inadeguatezza perché le tue scelte di vita non sono in linea con la bugia che ci è stata raccontata da quando siamo nati - vale a dire, che il nostro successo è misurato da qualcosa di diverso dalla nostra felicità.

Non fraintendermi, questo non significa che non dovremmo essere orgogliosi dei nostri risultati professionali. Ma sono solo un parte di chi siamo e cosa significa vivere una vita di successo. Inoltre, non sto suggerendo che diventiamo tutti edonisti. Al contrario, credo fermamente che tutti noi abbiamo la responsabilità di lasciare il mondo migliore di come lo abbiamo trovato. Ma questo fa non significa fare più soldi e salire la scala aziendale. Ciò non significa avere sale riunioni intitolate a te o documentari realizzati sul tuo impero . Significa nutrire la tua anima, condividere la tua scintilla e riposare per un po' nella tua contentezza.

urbano/Getty

Questo è più facile a dirsi che a farsi, ovviamente. Ho passato ore e ore in terapia a lavorare su questi problemi. Ho pianto e sono caduto in una spirale di insicurezze perché il mio stipendio non era tanto quanto quello di qualcun altro o perché il mio titolo di lavoro di libero professionista non è prestigioso come quello di qualcun altro.

Ma nel profondo, conosco la verità; A volte lo dimentico. E la verità è questa: il successo non è definito solo dalla targhetta fuori dalla tua porta o dai numeri sulla busta paga.

Forse il successo – nella misura in cui può anche essere definito o misurato – è il migliore riassunto da Maya Angelou : Il successo è piacere a te stesso, amare ciò che fai e amare come lo fai.

Dobbiamo smettere di legare la nostra autostima al nostro stipendio o titolo di lavoro. Io certamente sì, e potresti farlo anche tu. Ma come?

mantra per l'intuizione

Bene, sarò onesto, sto ancora cercando di capirlo da solo. Vorrei che ci fosse una pillola magica, ma non c'è. Penso che sia necessario circondarsi intenzionalmente di persone che condividono i tuoi valori, che ti fanno sentire bene con te stesso, con cui hai cose in comune che non sono legate al lavoro. Penso che serva ricordare a te stesso che solo perché salire la scala è ciò che gli altri cosa, non deve essere quello che vuoi. Come ha detto Amy Poehler, Buon per te, non per me. E penso che sia necessario riconoscere che evitare la misura capitalista del successo che si basa esclusivamente sullo stipendio e sul titolo di lavoro è radicale e controcultura, e che decidere di combattere questo paradigma è, di per sé, un po' un successo.

Condividi Con I Tuoi Amici: