La vita dopo l'asilo: una mamma casalinga torna al lavoro

Resta A Casa Mamma
La vita dopo l

LuminaStock / iStock



La scorsa settimana ho incontrato il mio amico per pranzo al parco giochi. Le nostre piacevoli date di gioco sono numerate; la sua più giovane inizia l'asilo questo autunno e lei è nel bel mezzo di diversi colloqui di lavoro. Sono così nervoso, ha detto.

Scommetto, dissi, con i palmi delle mani che cominciavano a sudare per simpatia. Il colloquio è così snervante.



contratto per figlio adulto che vive in casa


No, ha detto. Sono nervoso che mi faranno un'offerta. Allora è reale. Fino ad ora, è stata una piccola fantasia divertente, 'Oh, un giorno troverò di nuovo un lavoro'. Ma ora mi chiedono dello stipendio e del viaggio, e sto andando fuori di testa.

Il mio stomaco si capovolse per lei, e mi asciugai i palmi delle mani sui pantaloni della tuta, vicino alle macchie di gelatina. Anch'io vivevo nella mia terra fantastica Un giorno avrò di nuovo un lavoro. Ho sbattuto forte le palpebre: la maschera è alzata. In realtà sta tornando là fuori. Dovrà indossare pantaloni veri. Che ne sarà di lei?

Sei anni fa, ho lasciato il mio lavoro per stare a casa con mia figlia maggiore e c'era una quantità significativa di colpi di frusta che andava da cento a zero. Un periodo di adattamento, lo chiamò il mio medico, porgendomi un Kleenex e scrivendomi una prescrizione. Ero atterrato su un altro pianeta. Un pianeta in cui lo stress non veniva da una scadenza ravvicinata o da una grande presentazione: lo stress veniva dal sapere che potevo cadere dalle scale e morire alle 8 del mattino e nessuno l'avrebbe saputo fino alle 18:00. E anche allora mio marito potrebbe non venire a cercarmi finché non ha avuto fame.

Sono naufragato all'inizio , ma ho avuto altri due figli e mi sono sistemata nel mio piccolo bozzolo. A poco a poco la mia conoscenza del mondo aziendale è stata sostituita con orari delle storie e un catalogo mentale di parchi ombrosi. In sei anni ho imparato a camminare più lentamente e a mangiare più velocemente. Non compro pantaloni a meno che non servano anche come pigiameria e viceversa. Vado in tre diversi negozi di alimentari per fare un'insalata.

Le persone mi chiedono costantemente cosa farò una volta che i miei figli saranno tutti a scuola. Dicevo loro che stavo solo sdraiato a raccogliere ragnatele tutto il giorno, godendomi i frutti del mio lavoro. E all'inizio, quando i miei figli erano neonati e stavo lottando mentalmente, ero serio. Stare seduti tutto il giorno in silenzio senza far nulla sembrava un sogno che diventa realtà.

Ma ora non posso dire quelle parole senza sgorgare e la mia voce spezzarsi perché evoca immagini di me che parlo allo scopino. In questo momento mi sto spingendo lentamente quanto la mia sanità mentale lo consentirà; se vado più piano, cadrò all'indietro nell'oblio. Dicono che le mani oziose siano lo strumento del diavolo e, a casa mia, al diavolo piace mangiare tacos di pesce palla mentre spia i vicini. Non voglio essere quella ragazza.



Tra un anno e mezzo, indosserò i miei pantaloni da ragazza grande e uscirò dalla porta. Ed è terrificante. Nascondo dal mio piccolo bozzolo sicuro di lento e sicuro verso il grande sconosciuto, la proverbiale corsia di sorpasso. Il mio cervello funziona ancora? Penso tra me e me, trovando una mini Snickers tra i cuscini del divano, soffiandola via e mettendomela in bocca. E se devo lavorare fino a tardi? E se i miei figli si ammalassero? E l'estate? E se devo? * sussulto* multitasking ?

vasino addestrare un bambino di 3 anni

Anche agli animali viene concesso un periodo di transizione prima di essere rimessi in libertà: tecniche di sopravvivenza riprese e presentate con vari scenari simulati in un ambiente controllato per vedere come reagiranno. Circondati da persone che si assicurano di non prendere una decisione che li farà uccidere. Saltare in un ambiente completamente estraneo senza un conduttore significa che morirai di fame o verrai mangiato la prima settimana.

Lanciai un'occhiata al mio amico dall'altra parte del tavolo da picnic e presi un bel boccone della mia insalata. Siamo condannati.

Ho ripensato al mio vecchio lavoro: sembra passata una vita. Ricordo a malapena com'è passare più di 10 minuti senza chiedere a qualcuno se deve usare il vasino. Mi chiedo se ne sono capace o se lo sboccerò di riflesso nel bel mezzo di una riunione.

sveglia sveglia per i più piccoli

Poi mi sono ricordato che c'era qualcuno lì che ci preparava il caffè e riempiva il cassetto degli snack e un altro che veniva in giro e portava fuori la spazzatura e puliva il nostro bagno ogni notte.

Ehi, almeno se cadi dalle scale, qualcuno chiamerà subito aiuto, mi sono offerto.

Lei annuì. Forse è questa la carota su cui dobbiamo concentrarci in questo momento.