celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Parliamo Di Sesso

Mamma Spaventosa: Tweens & Teens
Parliamo di sesso con i nostri figli

Pixabay

NFT

Parliamo di sesso. Ora, se sei come me e sei cresciuto ascoltando Salt-N-Pepa, probabilmente non puoi leggere quella frase senza taggarti, Ba-by... (E se sei veramente come me, non puoi leggere quella frase senza divagare da qualsiasi cosa tu stia facendo per rappare l'intera canzone .) Ma indipendentemente da quello che stavi ascoltando nei primi anni '90, probabilmente non puoi leggere - o sentire - parliamo di sesso senza diventare un po' nervoso. Quindi parliamo di sesso. (Argh. Facciamo? avere a?) Sì. Dobbiamo assolutamente.

Ho un ricordo vivido della guida in macchina con mia madre e il mio fratellino un giorno in cui alla radio è uscita quella canzone di Salt-N-Pepa. Era la metà degli anni '90 e stavo iniziando ad attraversare la pubertà. Mia madre ha deciso che avrebbe colto l'occasione per iniziare una conversazione con me, quindi ha chiesto molto casualmente, sai cosa stanno dicendo? o qualcosa del genere. Sono stato preso dal panico. Non! Ho urlato a squarciagola mentre mi lanciavo in avanti per cambiare stazione radio. Era troppo tardi per me.



Mia madre è a detta di tutti una persona intelligente, gentile e premurosa e la sua strategia era simile a quella della maggior parte dei genitori ben intenzionati che conosco. Per la maggior parte della mia infanzia, ha cercato di proteggermi da qualsiasi mezzo che ritenesse inappropriato per la mia età. Per lo più, ciò significava che non mi era permesso guardare la televisione o film che potessero ispirarmi a fare domande sul sesso. Ho attraversato presto la pubertà - è stata piuttosto dura, in realtà - ma mia madre ha abilmente adattato il suo piano per la mia nuova adolescenza. Mi ha mostrato come usare un assorbente. Mi ha letto libri con diagrammi di seni e tube di Falloppio. Mi ha detto che i ragazzi potrebbero iniziare a prestarmi attenzione e che se avessi mai avuto domande, sarei dovuto venire da lei.

NFT

Ma, come ho detto, era troppo tardi per me. Sapevo già che il sesso era cattivo e sbagliato. Sapevo che c'era qualcosa di profondo icky su di esso, soprattutto per le ragazze. Sapevo che andava bene ridere di baciare ragazzi, ma che nessuno avrebbe mai potuto sapere come a volte mi strofinavo un cuscino tra le gambe prima di addormentarmi. O come a volte immaginavo come sarebbe stato per un ragazzo toccarmi sotto la camicia. Quando i miei compagni di classe alla fine mi ha etichettato come la troia della scuola dopo che il mio primo ragazzo ha diffuso voci su di me, sapevo di vergognarmi. Sapevo a malapena come funzionava il sesso, ma sapevo che le troie erano inutili.

Sapevo tutte queste cose quando ho finito la pubertà, e forse lo sapevi anche tu. E nessuna di noi era una preadolescente oggi, nel 2016. Per mia madre negli anni '90, il compito di proteggere un bambino da materiale inappropriato era piuttosto scoraggiante. (Io e mia sorella maggiore alla fine abbiamo infranto il codice per sbloccare la nostra TV in modo da poter guardare Singled Out dopo la scuola.) Ma oggi è impossibile. Risorse fantastiche come Media di buon senso può aiutare i genitori a fare scelte sagge su ciò che permettono ai loro figli di vedere, ma su ciò che i genitori permettere un bambino da vedere è solo un piccolo sottoinsieme di tutte le cose che quel bambino effettivamente vede.

Per estensione, possiamo prendere la decisione di non insegnare loro il sesso, ma i bambini sono curiosi e impareranno. Impareranno solo disinformazione dai loro amici come abbiamo fatto noi. E impareranno tutti i miti di Hollywood dai film come abbiamo fatto noi. Ma impareranno anche guardando e condividendo post sexy sui social media. E impareranno quando inciamperanno o - preparatevi - cercare tutti i diversi tipi di porno online. (Nota a margine: non riesco davvero a immaginare come debba essere passare attraverso la pubertà sempre a un clic del mouse da tutto ciò che qualcuno ha mai trovato sexy. Internet ha davvero cambiato il gioco.)

Ma anche i bambini sessualmente meno precoci continueranno a guardare spot pubblicitari per catene di fast food che inviano un messaggio molto chiaro su cosa significhi essere una donna. Vedranno ancora annunci pop-up sui loro dispositivi per un determinato marchio di abbigliamento che, nonostante essere un marchio di abbigliamento, presenta modelli drappeggiati in modo seducente sul dorso di elefanti e che svolgono ogni tipo di attività irragionevoli senza vestiti. Non possiamo impedire a questo tipo di media di raggiungere i bambini, ma possiamo prepararli parlando di sesso in modo semplice e comodo fin dall'inizio.

Un modo per normalizzarlo è avere conversazioni frequenti, a basso rischio, adatte all'età e rispondere a tutte le domande che hanno onestamente e senza vergogna. Quindi andranno nel mondo armati di informazioni accurate e di un sano atteggiamento nei confronti del sesso, in grado di pensare in modo critico ai messaggi che ricevono non solo dai media, ma anche dai loro coetanei. Come dice Lea Grover, non stiamo facendo alcun favore ai bambini mentendo loro sul sesso; piuttosto, li guidiamo in una direzione sana dicendo loro la verità, tutta la verità, e lasciando che affondi in modo che possano fare le loro buone scelte.

Quando ci pensi, molto di ciò che rende l'adolescenza così orribile per così tante persone è l'umiliazione e la paura che derivano dal non avere idea di cosa diavolo stia succedendo sessualmente. Ma non deve continuare in quel modo. Non dobbiamo caricare i nostri figli con lo stesso bagaglio.

Ho imparato molto dalle mamme che sono in grado di mettere in pratica questo concetto. Quello che serve è un impegno per superare quella sensazione spiacevole che affiora quando un bambino chiede senza mezzi termini del sesso. Invece di farti prendere dal panico, consideralo come un invito a modellare come sembra parlare di sesso in modo diretto come una parte sana, importante e divertente della vita di molti adulti. O quando ci rendiamo conto che c'è una scena di sesso in arrivo nel film che stiamo guardando in famiglia, possiamo usarla come un'opportunità per iniziare una conversazione più tardi. Non dobbiamo andare in giro a tirar fuori il sesso dal nulla in ogni momento; possiamo comunque usare i media con cui i nostri ragazzi interagiscono per fare parte del lavoro per noi. Il sesso e le questioni ad esso correlate, come il consenso, l'autonomia corporea e la diffusione di voci, verranno sicuramente fuori.

Quando ciò accade, abbiamo solo due opzioni: possiamo continuare l'assurda tradizione secondo cui la maggior parte di noi è cresciuta in noi stessi, oppure possiamo porre fine al ciclo imbarazzante.

Chiudiamo il ciclo. Non alleviamo un'altra generazione di persone terrorizzate da qualcosa che è fondamentale per l'esperienza umana. Parliamo di sesso.