'The Labor Of Lunch': cosa c'è di veramente sbagliato nel programma del pranzo scolastico americano?

Genitorialità
lavoro-di-pranzo-1

Per gentile concessione di Jennifer E. Gaddis

Se hai figli in età scolare, è probabile che tu abbia opinioni sulle loro scelte per il pranzo scolastico. Forse i tuoi figli adorano ciò che la scuola offre per il pranzo caldo (ho un bambino che lo compra tutti i giorni). Forse pensano che sia disgustoso. Forse non approvi la rotazione settimanale di crocchette di pollo/pizza/hamburger o sei frustrato dal fatto che ai bambini non venga offerta abbastanza frutta e verdura fresca.

Se sei stato in diverse scuole, sia come studente, genitore, insegnante o personale, sai che i programmi del pranzo in questo paese variano. Alcune scuole hanno caffetterie splendidamente luminose e pulite e ai bambini vengono offerte insalate fresche e frutta biologica. Altre scuole hanno mense squallide con la vernice scrostata, personale della mensa esausto e oberato di lavoro che dà da mangiare ai nostri bambini e pranzi che consistono in panini freddi e un cucchiaio di poltiglia sul vassoio.



Come molti aspetti dell'istruzione americana, il programma della mensa scolastica della nostra nazione ha bisogno di una profonda revisione. Il Fatica del pranzo: perché abbiamo bisogno di cibo e lavori reali nelle scuole pubbliche americane di Jennifer E. Gaddis ci dice come possiamo farlo, affrontando i due problemi principali che troppe delle nostre scuole devono affrontare: la mancanza di un'alimentazione adeguata e gli addetti alla mensa a corto di personale e sottopagati.

Una di queste lavoratrici è Lisa, un'assistente cuoca di 48 anni a New Haven, CT, che racconta la sua storia di aver lavorato per 16 anni come addetta al pranzo nel dipartimento di ristorazione della città all'apertura di La fatica del pranzo. Lei, come molti dipendenti della caffetteria in tutta la nostra nazione, si preoccupa davvero dei bambini che serve. Ma a causa delle cattive condizioni di lavoro e della mancanza di una gestione adeguata, il suo lavoro ne soffre, il che significa che i bambini soffrono.

cappelli invernali per bambini con paraorecchie

Per gentile concessione di Jennifer E. Gaddis

I miei colleghi ed io, con un immenso costo personale, abbiamo cercato di mantenere gli standard e impedire che i bambini ne fossero colpiti, compreso il lavoro straordinario senza retribuzione. Ma ci stiamo esaurendo rapidamente sotto una mentalità manageriale aziendale, con salari che non sono in linea con il costo di andare al lavoro, per non parlare di nutrire le nostre famiglie, ha dichiarato Lisa in una riunione del Board of Education, a nome suo e di lei altri membri del sindacato.

Lisa continua anche a esprimere la sua disapprovazione nella scuola che vende nuovi e allettanti extra ai bambini che possono permettersi di pagarli, come patatine, bevande e caramelle di marca. E i bambini del programma gratuito ea pranzo ridotto ricevono cibo che, secondo Lisa, non è di qualità decente.

La storia di Lisa è simile alla storia delle lavoratrici della caffetteria (spesso donne e spesso chiamate signore del pranzo) in tutta l'America. Si preoccupano dei bambini della loro scuola, ma non ricevono la giusta quantità di ore, risorse o paga per svolgere bene il proprio lavoro. Proprio come ci aspettiamo dai nostri insegnanti, ci aspettiamo anche che il senso di colpa materno entri in gioco e spinga il personale della mensa come Lisa ad andare oltre, usando il proprio reddito e tempo, per garantire che i bambini ottengano ciò di cui hanno bisogno.

Gaddis afferma in La fatica del pranzo che il vero cambiamento avverrà solo se le scuole saranno in grado di abbracciare una nuova economia della cura. Che cosa significa? Bene, per iniziare, dobbiamo annullare il danno che l'amministrazione Trump ha fatto nel 2018 quando ha annullato gli aggiornamenti nutrizionali contenuti nell'Healthy, Hunger-Free Kids Act del 2010 (HHFKA) nel tentativo di rendere di nuovo fantastico il pranzo scolastico.

Questa inversione ha sacrificato la salute e il benessere dei bambini per un guadagno politico e ha incanalato dollari per la mensa scolastica alle aziende Big Food che vendono alimenti trasformati a basso costo invece di utilizzare dollari pubblici per sostenere le diverse economie alimentari della comunità, spiega Gaddis.

Un'economia di cura significa due cose, spiega Gaddis a Scary Mommy:

– programma di pranzo scolastico universale, gratuito ed ecologico che serve cibo sano, gustoso e culturalmente appropriato a tutti i bambini

– migliori salari e condizioni di lavoro per i milioni di lavoratori della catena alimentare a basso salario che coltivano, raccolgono, lavorano, distribuiscono, preparano, servono e puliscono dopo i pasti che i bambini mangiano a scuola.

Per gentile concessione di Jennifer E. Gaddis

Quindi, fondamentalmente, una buona alimentazione per i nostri bambini e la possibilità di pagare le bollette e sfamare le proprie famiglie per i lavoratori della caffetteria. Perché non è già la norma?

Il problema è che, troppo spesso, i tentativi di aggiustare il programma della mensa scolastica o renderlo di nuovo fantastico non tengono conto del personale della mensa: gli esseri umani che danno da mangiare ai nostri bambini, li aiutano ad aprire il latte e a pulire il ketchup dai loro volti. Queste sono le persone che potrebbero notare il bambino seduto da solo o che non mangia e che ha bisogno di qualcuno che si abbassi e veda se sta bene.

Di cosa tengono conto? Profitto. E nient'altro. Che è l'opposto di prendersi cura dei bambini di oggi e del personale scolastico che li nutre.

Ma, dice Gaddis, quando la strada da percorrere è a buon mercato, l'impatto si fa sentire ovunque.

Idee per la festa di compleanno di una bambina di 6 anni

Gli alimenti economici, allevati in fabbrica e prodotti industrialmente che costituiscono il nucleo della 'dieta americana standard' ci stanno facendo ammalare, al punto che il trattamento di malattie alimentari prevenibili è diventato un'industria multimiliardaria, dice. Pratiche di produzione a basso costo contribuiscono al cambiamento climatico, che minaccia la nostra stessa sopravvivenza sul pianeta. E la paga a basso costo intrappola milioni di famiglie in povertà, comprese quelle di molti lavoratori dei servizi di ristorazione scolastica che lottano per sbarcare il lunario.

Economico non è solo sinonimo di basso costo, spiega Gaddis in travaglio del pranzo . È la filosofia politica ed economica guida, la strategia aziendale e le aspettative dei consumatori che modellano la nostra vita quotidiana, che ha avuto effetti disastrosi sulla salubrità dei pasti scolastici e nel resto del mondo.

Economico non è meglio. È peggio su molti livelli.

Rafforzare ulteriormente il National School Lunch Program (NSLP) in un'economia alimentare a basso costo che impedisce alle signore del pranzo di cucinare cibo sano e fresco per i bambini americani non è il modo per rendere eccezionale il pranzo scolastico, afferma Gaddis.

Il suo libro affronta anche la mancanza di valore attribuito al personale della mensa perché questo lavoro è in gran parte occupato da donne ed è visto come il lavoro delle donne più o meno come fare il bucato, dare da mangiare ai bambini a casa, aiutarli con i compiti, gestire le loro esigenze logistiche e di trasporto e preoccuparsi del loro futuro. Questo è tutto lavoro di cura che viene svolto per amore e dovere, e non è retribuito.

Quella stessa mentalità patriarcale porta nelle nostre scuole, poiché le signore del pranzo spesso si prendono cura dei nostri figli per amore e dovere e sono pagate male o per niente. Ancora una volta, ci si aspetta che le donne riprendano il gioco, sacrifichino il proprio benessere, salute e reddito. E molti di loro lo fanno, perché in realtà si preoccupano per questi bambini. Ma che dire dei propri figli a casa? E per quanto riguarda la loro salute mentale e fisica?

La fatica del pranzo introduce alcuni concetti di base che potrebbero migliorare il sistema estremamente danneggiato in cui operiamo attualmente:

– Investire nell'assistenza universale. (Ciò significa che tutti gli studenti ottengono le stesse scelte salutari per il pranzo, indipendentemente da dove rientrano nella scala del programma di pranzo gratuito e ridotto. Molte scuole in tutta la nazione hanno già iniziato questo, offrendo colazione e pranzo gratuiti a tutti.)

– Responsabilizzare i nostri giovani e coinvolgerli nell'educazione pratica su cibo e nutrizione.

– Costruire cucine scolastiche-comunitarie (ovvero una cucina pubblica che sia le scuole che la comunità possano utilizzare per garantire che non solo vengano nutriti gli studenti, ma anche gli anziani e le persone bisognose).

– Colmare le lacune e formare alleanze tra sindacati come UNITE HERE con insegnanti, altro personale scolastico e consumatori lungo la catena alimentare per garantire che tutti coloro che si prendono cura dei nostri bambini ricevano le cure adeguate.

Cos'altro possiamo fare direttamente, in questo momento? Bene, come ti direbbe qualsiasi sostenitore della giustizia sociale, spesso il cambiamento più efficace avviene a livello locale.La Fondazione Chef Ann ha un fantastico kit di strumenti per la difesa dei genitori per coloro che desiderano cambiare l'aspetto dei propri programmi di mensa scolastica, ci dice Gaddis. Tuttavia, è fondamentale anche sostenere il cambiamento a livello nazionale, quindi anche leiraccomanda di leggere il lavoro che FoodCorps sta facendo e di registrarsi per ricevere avvisi di policy tramite il loro centro di azione politica .

effetti psicologici della perdita di un genitore

Ecco la linea di fondo: dobbiamo spostare le nostre priorità da quello economico a quello che è effettivamente il miglior investimento per il futuro dei nostri figli. E il miglior investimento a lungo termine è questo: salari e condizioni di lavoro migliori per donne come Lisa, così come cibo reale, nutriente e di provenienza locale per i nostri bambini.

Gli editori hanno ricevuto una copia gratuita di Labor of Lunch: Why We Need Real Food and Real Jobs in American Public Schools. Tutte le opinioni sono nostre.