Non va mai bene chiedere a un bambino di mantenere un segreto

Bambini
segreti-bambini-1

Prakasit Khuansuwan/EyeEm

ex si rifiuta di parlarmi del bambino

Stavamo organizzando un incontro di gioco a casa nostra con diverse mamme e bambini piccoli. Circondati da vestiti eleganti e dalle nostre tazze di caffè, abbiamo chiacchierato per ore, fermandoci per prendere la merenda dei bambini o per asciugarci il naso. Ad un certo punto, i bambini stavano facendo un finto tea party. Il mio amico sorrise, sporgendosi verso l'orecchio del mio bambino in età prescolare, e chiese: Posso dirti un segreto? Ha continuato a emettere suoni sibilanti silenziosi nell'orecchio di mio figlio, facendo ridere mio figlio di gioia.

Naturalmente, stavano semplicemente scherzando, godendosi un po' di giochi tra adulti e bambini. Eppure, non riuscivo a superare il fatto che il mio amico avesse insinuato che i segreti fossero sciocchi, sicuri e appropriati, parte di una normale interazione adulto-bambino.



Quando io e i miei fratelli eravamo bambini, mia madre ci ha ben preparati per il pericolo sconosciuto, come era noto negli anni '80. Avevamo una frase in codice che qualsiasi adulto doveva dichiarare prima di poterci venire a prendere a scuola nel caso in cui mia madre non potesse. Ci è stato detto che i nostri corpi appartenevano a noi. Se un adulto ci ha mai esortato a mantenere un segreto, dovremmo sempre dirlo ai nostri genitori. Mia madre ci ha anche fatto sapere che non ci saremmo mai messi nei guai per aver detto la verità.

I segreti sono un grosso problema? Ebbene sì e no. A volte ciò che una persona definisce un segreto in realtà non è nulla di vergognoso, privato o inappropriato. Spesso si tratta solo di drammi infantili o pettegolezzi per adulti. Tuttavia, non posso contare sui miei figli per capire la differenza, specialmente non sui miei figli più piccoli che non hanno ancora sviluppato la maturità per discernere cosa è cosa.

Monica Fecke/Getty

Ho insegnato ai miei quattro figli da quando erano abbastanza piccoli che i segreti non vanno bene. Questo è particolarmente vero per gli adulti che dicono loro di mantenere un segreto o chiedono: Il mio segreto è al sicuro con te? Un adulto non dovrebbe mai dire a un bambino nulla che dovrebbe essere tenuto nascosto, come mai . Tuttavia, questo si estende anche ai loro coetanei che forniscono informazioni private che potrebbero insistere che mio figlio non dica mai a un'altra anima.

Alle medie, uno dei miei migliori amici mi ha raccontato un segreto. L'estate prima, il suo patrigno la stava coccolando sotto una coperta sul divano del soggiorno, facendo scivolare ripetutamente le mani appena dentro la sua cintura e vicino ai suoi seni in erba. Mi ha detto che la metteva a disagio, ma non voleva dirlo a sua madre. Dopotutto, e se si fosse messa nei guai? Forse era solo amichevole? Allora non sapevo che esistesse un termine e una definizione per questo: abuso sessuale.

La segretezza grava sempre sulla vittima e sulla persona che viene a conoscenza del segreto e ha giurato di tenerlo nascosto, a volte indefinitamente. Nel mio caso, ho deciso di non dirlo ai miei genitori, incerto su cosa avrebbero fatto in risposta, e mi pento di quella decisione, fino ad oggi. A causa di questo importante incidente, ho avvertito i miei figli che se qualcuno sente il bisogno di dire loro delle informazioni e li prega di non condividerle, è un campanello d'allarme. È sicuramente qualcosa che deve essere affidato a un adulto sicuro.

Certo, c'è una parola che permetto alla mia famiglia di usare, e quella parola è sorpresa. Ad esempio, quando stavamo organizzando una festa a sorpresa per il sessantesimo compleanno di un parente. È stato un gesto adorabile che non volevamo rovinare versando accidentalmente i fagioli al parente. La sorpresa è andata bene perché è arrivata da mamma e papà, due persone sicure, ed è stata una cosa felice. Un'altra sorpresa sarebbe sapere cosa c'è dentro un regalo incartato sotto l'albero di Natale e prendere la decisione consapevole di non rovinare la sorpresa dicendo al destinatario. Raccogliere donazioni da presentare a qualcuno che ha affrontato una tragedia è un'altra sorpresa appropriata.

Siri Stafford/Getty

Tuttavia, abbiamo avvertito i nostri ragazzi che le sorprese sono poche e rare. Ci sono solo una manciata di circostanze in cui accade una sorpresa. La maggior parte degli altri voti da tenere a te stesso riguardano qualcosa che un adulto fidato deve assolutamente conoscere: al più presto.

Più che mai, è importante insegnare ai nostri figli il consenso, la consapevolezza dell'estraneo, compreso il traffico sessuale e le cose sicurezza dei videogiochi e dei social media . A causa dell'anonimato, qualcuno può presentarsi come chiunque desideri, una realtà terrificante.

Tra queste conversazioni essenziali, dobbiamo includere la spiegazione della differenza tra un segreto e una sorpresa. La discussione deve allontanarsi dalla paura e dalla vergogna, ei genitori dovrebbero sottolineare l'importanza della sicurezza, inclusa la sicurezza emotiva, prima di tutto il resto.

I nostri figli sanno che non importa quanto qualcuno li implori di mantenere segrete le informazioni, o minacci di vendicarsi se le condividono, è loro responsabilità dircelo in modo che possiamo aiutarli a navigare nel passo successivo. A seconda di cosa sia, potremmo non fare nulla. Potremmo aver bisogno di più informazioni. Oppure, il segreto potrebbe rivelarsi piuttosto serio e richiedere che gli adulti se ne occupino. Ci sono molte possibilità, nessuna delle quali implica che i bambini vengano biasimati o disciplinati per aver raccontato.

So che alcuni genitori pensano che sia esagerato. Tuttavia, ho intenzione di rimandare all'idea che è meglio prevenire che curare. Che male c'è nel sapere un segreto che è solo ridicolo infantile o un'infrazione minore che non merita una risposta? Preferirei di gran lunga essere il genitore affidabile, mamma-non-giocare, piuttosto che quello senza tracce.