Introversi: ecco come combattere quella sensazione di esaurimento dopo troppa gente

Stile Di Vita
Introversi-Combattimento-Quel-sentimento-prosciugato-dopo-troppe persone

Vectorium/Shutterstock

giochi a cui puoi fare un pigiama party

L'unico postumi di una sbornia che ha fatto girare la stanza davanti a me è stato durante il mio primo anno al college, quando mi sono ubriacato a faccia in giù in Messico. Ero in compagnia di buoni amici, che dopo una notte trascorsa a bere, parlare e bere ancora, mi hanno messo su un taxi, hanno minacciato il tassista - in spagnolo - e lo hanno informato di cosa gli sarebbe successo se non l'avessi fatto arrivare sano e salvo alla mia famiglia ospitante. Mi hanno mandato via, con la testa pesante e lo stomaco in subbuglio.

La mattina dopo avrei voluto non aver finito l'ultimo bicchierino di tequila. Ma il mio corpo non era l'unica cosa a risentirne: ero anche emotivamente esausto. Perché da introverso, fare chiacchiere la sera prima con amici e sconosciuti allo stesso modo aveva prosciugato anche la mia energia. Non avevo solo a che fare con una sbornia, quella provocata dall'alcol, ma anche con una sbornia introversa.



Gli studi lo dimostrano 25%-40% della popolazione identificarsi come introversi, un tratto della personalità che ha una base scientifica. Una teoria dallo psicologo Hans Eysenck dice che, gli introversi sono quelli che hanno naturalmente alti livelli di eccitazione. Poiché gli introversi tendono a sperimentare livelli di eccitazione cronicamente elevati, tendono a cercare attività e ambienti in cui possono sfuggire alla sovrastimolazione. A causa dei loro livelli di eccitazione naturalmente elevati, sono più vigili e assorbono più informazioni dall'ambiente.

Per alcune persone, fare chiacchiere, organizzare cene settimanali, chattare al telefono (eh, perché non mandare messaggi di testo) e stare semplicemente con le persone sono attività divertenti. Io chiamo quelle persone estroverse. Non sono uno di loro. Sì, mi inserisco nello stereotipo di quello scrittore che può passare lunghi periodi da solo. E ho bisogno di farlo, per funzionare e ricostituire le mie riserve di energia. Una semplice ricerca su Google produrrà oltre 600.000 risultati per definire cos'è una sbornia introversa. In poche parole, è l'esaurimento che segue qualcuno (un introverso) durante e dopo la socializzazione con le persone o il burnout sociale.

Se tutto (anche le piccole cose) ti dà sui nervi, stai lottando per prendere decisioni, non riesci a pensare chiaramente e, soprattutto, hai un intenso desiderio di essere solo – potresti soffrire di una sbornia introversa. Allora, cosa facciamo per recuperare?

Ecco cinque suggerimenti.

Ascolta la tua voce interiore.

Quella voce non è lì per sfinirti; ti sta dicendo esattamente il contrario. Quando senti il ​​bisogno di lasciare una situazione sociale, quando quella vocina dice, penso che tu ne abbia avuto abbastanza, d'accordo con esso e allontanati da quella situazione sociale. Saprai quando è il momento di lasciare quella festa, l'appuntamento di gioco di tuo figlio, beh, hai capito. Non ignorare quell'impulso.

Spegni il cellulare.

Lo so, questo è più facile a dirsi che a farsi, ma il giorno dopo, quando ti senti esausto, rispondere a quella telefonata oa quel messaggio di testo ti sta togliendo energia preziosa di cui hai bisogno per riorganizzarti. Quindi, vai avanti e accendi il tuo non disturbare.Emily Shaw, una scrittrice con Introverso, caro , dice, Il mondo delle telefonate e i messaggi di testo non sono stati creati pensando agli introversi . Sarò fiutato in un libro, o penserò a qualcosa di importante, e poi ding! In breve, non lasciare che il tuo telefono suoni mentre ti riprendi dalla sbornia introversa.

Ritaglia del tempo da solo.

Potrebbe anche arrivare ad aggiungere il tuo nome nel tuo calendario Apple. Questa parte è essenziale quando si tratta di ricostituire le riserve di energia. Non importa cosa hai pianificato, annullalo e dai la priorità alla tua solitudine. Se hai bambini, chiedi se qualcuno può portarli a fare una breve pausa o almeno, occupali con qualcosa mentre ti siedi in silenzio per alcuni.

Scrittore e autodescritto introverso Shawna Carter dice: Se preparo il mio calendario sociale troppo pieno, è probabile che sperimenterò una sbornia 'introversa' perché non ho lasciato il tempo per me stessa di essere sola e ricaricare le mie batterie mentali. Dai la priorità a te stesso, alla tua energia e te ne ringrazierai.

Ogni settimana, io e mia moglie ci concediamo del tempo libero, un momento lontano dalle responsabilità della nostra famiglia. La mia giornata è il sabato, ogni singola settimana, per sedermi in silenzio e stare da solo per qualche ora se lo desidero, ma quel tempo riempie la mia anima.

Holly, mamma di un figlio, ci dà un assaggio di ciò che l'ha aiutata nel corso degli anni: quando sono stata con altre persone, ho bisogno di costruire un po' di tempo per ricaricarmi usando strumenti sensoriali. La prima scelta è sempre camminare nella natura (da solo) senza musica o parlare al telefono o un podcast. Nient'altro che me, gli uccelli, la brezza, gli insetti, le foglie. Mi concentro sugli odori, i suoni, le sensazioni. Faccio oscillare le braccia con abbandono sconsiderato. A volte canto ad alta voce. Respiro sempre profondamente. Di tanto in tanto canto. Se una versione di questo non è un'opzione, cerco di trovare 10 minuti per sdraiarmi sul pavimento sulla schiena e ascoltare un canto tibetano o le ciotole di guarigione dei chakra (Youtube). Lascio che le vibrazioni offrano un ripristino del sistema. Le docce con il sapone profumato preferito aiutano in un pizzico. Respirando quel profumo che mi ha lenito per anni.

Una mamma di quattro figli, Christina, offre alcune idee su cosa fa quando si sente esausta a causa delle persone, ho scoperto che spesso ho bisogno di sedermi in una stanza tranquilla e fare quello che amo fare – leggere – senza interruzioni . Con quattro figli, quattro animali e un marito, non mi capita spesso, ma anche cinque minuti veloci di silenzio assoluto aiutano. Un'altra buona opzione per me è fare una passeggiata fuori. L'elemento chiave per me è il silenzio, anche se il rumore esterno non è poi così male.

Che dono respirare tutto ciò di cui hai bisogno per ricostituire quelle tue riserve di energia.

Fare un pisolino.

Questa è una cosa che non ho mai fatto. Mi alzo con il sole e vado a dormire ogni notte prima delle 22: alcune notti, nove! Ma ho sentito da altri che fare un pisolino li fa passare le giornate. Può significare un mondo di differenza per te mentre ti riprendi dalla sbornia introversa.

Gli introversi sono spesso insonni. In uno studio condotto da The Sleep Foundation, i ricercatori hanno scoperto che gli introversi diventano più poveri sonno di qualità e sperimenta più incubi e periodi di veglia. Hanno anche riferito di sentirsi più stanchi e meno vigili durante il giorno. Quindi, fai quel pisolino così puoi riprenderti.

Fai un giro... da solo.

Quella deviazione dopo aver accompagnato i bambini a scuola, aver fatto la lunga strada di casa dopo il lavoro o aver fatto un giro in macchina solo perché può lenire l'anima dell'introverso. Mi piace guidare, forse perché è qualcosa su cui ho il controllo (mi piace anche avere il controllo).

Courtney, mamma di tre figli, condivide, cerco di rubare un giorno o un pomeriggio per me ogni volta che posso, per andare in un museo o al cinema o qualcosa del genere per un po' di tempo da solo senza i bambini. Ma dal momento che quei momenti sono difficili da superare, cerco di sfruttare al meglio le opportunità che accadono ogni giorno. Come i giri in macchina da solista dopo che ho lasciato i bambini a scuola. Metto la mia musica preferita e sogno ad occhi aperti o mi vedo raggiungere obiettivi o celebrare qualcosa. A volte, quando arrivo a casa da solo il raro momento, devo convincermi a non fare sempre le faccende domestiche. Ma invece in quei momenti scegli di goderti una tazza di tè o di caffè. Oppure guarda o leggi qualcosa che mi piace per mezz'ora. Rimango sveglio anche più tardi di tutti gli altri solo per avere quell'ora per me dalle 23 a mezzanotte. Anche se spesso mi lascia esausto il giorno dopo. Gufo notturno per tutta la vita.

La morale della storia introversa è prendersi del tempo, ascoltare il proprio corpo e fare ciò che è giusto per te, indipendentemente da quello che dicono gli altri, e loro avranno qualcosa da dire se lasci la festa in anticipo. Ma non sono loro quelli che devono affrontare i postumi di una sbornia, quindi lascia che rimangano indietro e chiacchierano tutta la notte.