celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Se pensi che una parola possa essere offensiva, allora trova una nuova parola

Questioni Sociali
Se pensi che una parola possa essere offensiva, allora trova una nuova parola

anot-poloskun / iStock

Ho usato le parole. Li ho usati inconsapevolmente, poi li ho usati, in seguito, in privato, seccato che la polizia del PC me li avesse portati via. Non capivo chi o cosa stavo facendo male. Ora lo faccio, e me ne vergogno. Non mi rendevo conto del potere divino del linguaggio per plasmare il nostro mondo, i nostri atteggiamenti. Semplicemente non ho capito: che queste parole normalizzano cose terribili, che emarginano interi gruppi di persone. A differenza del vecchio canto da cortile, bastoni e pietre possono spezzarmi le ossa, ma le parole possono davvero ferirmi.

L'alt-right mi chiamerà un patetico piccolo fiocco di neve. I conservatori deplorano l'idea di correttezza politica, a cui il resto di noi piace riferirsi come la cura degli altri. Ma ci sono alcuni là fuori a cui importa davvero, che vogliono davvero sapere cosa dovrebbero e non dovrebbero dire in compagnia educata - o in qualsiasi compagnia, davvero. Anche noi mancini/progressisti a volte siamo accecati da una parola. Quindi abbiamo creato un elenco, con le spiegazioni, per aiutare le persone a capire quali parole evitare se ti va di fregarsene dei sentimenti di qualcun altro.



Noioso

Come in, quel video di YouTube era zoppo. Secondo Merriam-Webster, per zoppo si intende avere una parte del corpo e soprattutto un arto talmente disabile da compromettere la libertà di movimento; disabile fisico. Quando usi questa parola, identifichi qualcuno che non può camminare - senza zoppicare, senza stampelle, senza sedia a rotelle - a qualcosa di stupido e inutile. Non va bene. Usavo questa parola, e mi arrabbiavo per i suoi connotati offensivi, fino a pochi mesi fa. Noi di sinistra non siamo immuni qui.

Ritardato

Come in, quando qualcuno dice qualcosa di stupido, sei ritardato? Ritardato era un termine medico per deficienti mentali. Ora lo usiamo per significare che qualcuno è stupido. Cosa trasmette questa parola ai nostri bambini e adulti con bisogni speciali? Sindrome di Down, X fragile, Angelman o qualsiasi altra condizione spesso allineata con ritardi cognitivi. Non sono stupidi e quella nomenclatura suona troppo vicino a casa. A proposito, lo stesso vale per le parole tard e tarded. Ma non userei mai la parola per riferirmi a una vera persona mentalmente deficiente! tu dici. Sì, ma quando lo usi, perpetui uno stereotipo pericoloso che valorizza la normalità e la tipicità sopra ogni altra cosa. E tu non sei Hitler, quindi solo STFU.

le rose sono le viole rosse sono gli insulti blu

Psico/Matto/Schizo/Bipolare

Tutta questa roba linguistica non mi ha colpito fino a quando non ho iniziato a sentire queste parole con nuove orecchie, perché con il disturbo bipolare e la depressione resistente al trattamento, stavano confrontando le cose con me. Qualcuno non è psico (tic) quando ti urla contro. Non sono pazzi quando non aggiungono la panna al caffè. E non sono schizo (frenici) quando cambiano idea un sacco. L'uso di queste parole banalizza condizioni mentali reali e dolorose che causano alle persone sofferenze indicibili. La mia malattia non è banale. Non trattarlo come tale e chiama la tua migliore amica bipolare perché le piacciono sia la Coca Cola che la Pepsi.

gay

Questo è gay. Sei così gay. A meno che tu non ti riferisca a qualcuno a cui piace fare l'amore con persone dello stesso sesso, questa parola è off-limits. È entrato nell'uso popolare per significare stupido o stupido, proprio come la parola zoppo, e in quegli usi emargina coloro che non sono eterosessuali. Quando dici che qualcosa di stupido è gay, dici che le persone che sono gay sono stupide. Ha senso? Non farlo.

papoose

I portatori di bambini lo sentono molto. Che carino piccolo papoose! No semplicemente no. È stato, come Imbrogli della ricerca storica dice, appropriato nella lingua inglese dall'Algonquin, probabilmente perdendo molte sillabe lungo la strada. Non è appropriato utilizzarlo in riferimento a bambini non nativi. E anche con i bambini nativi, può sembrare un insulto che esce da una bocca non nativa. Quindi non usarlo.

Pocahontas

Oooh ragazzo. Al nostro Cheetonious overlord piace riferirsi a Elizabeth Warren come Pocahontas a causa dei suoi antenati nativi. Pocahontas era una persona reale. Non puoi usarla come un soprannome generico dei nativi americani. Riduce un intero popolo — intero gruppi di persone - a una donna single che ha sposato un tizio bianco ed è morta in Inghilterra, lontano dalla sua famiglia. Non puoi schierarla come soprannome.

Spaz

Spaz è l'abbreviazione di spastico, che Merriam-Webster definisce caratterizzato da muscoli ipertonici; paralisi cerebrale spastica. Quindi è una vera condizione medica, spesso dolorosa e debilitante. Non puoi usarlo per riferirti a qualcuno che è eccessivamente eccitabile. Questo denigra la sofferenza che le persone subiscono. Quelle persone non sono nemmeno più spastiche. Hanno spasmi. Il primo nome è obsoleto e offensivo.

Gypped

No, non è scritto jipped. Quando lo vedi scritto a macchina, ti rendi conto: oh merda, questo in realtà deriva dalla parola zingara. Significa, in parte secondo Dizionario urbano , per ottenere molto meno di quanto hai pagato, per essere truffato, per essere truffato. Gypsy è in realtà un termine selvaggiamente offensivo per il popolo nomade rom. Quindi quando usi questo termine, non solo dici che sono inclini a derubarti, li stai chiamando un insulto razziale. Rimuovi dal tuo vocabolario, stat.

butthurt

Lo usiamo per descrivere, secondo Conosci il tuo meme , una risposta eccessivamente emotiva. Tuttavia, butthurt originariamente deriva dalla sculacciata. Non è eccezionale, ma man mano che viene spostato nel lessico, ha acquisito connotazioni di violenza sessuale, in particolare stupro anale. Può essere scatenante per i sopravvissuti allo stupro, visti come omofobi, ed è brutto. Peccare per eccesso di cautela e non usarlo.

10 giochi paranormali a cui non dovresti giocare

Raccogli-cotone

Quando ero bambino, mio ​​nonno chiamava tutti così, indipendentemente dalla razza. Mi ci è voluto fino al college per fare due più due: I raccoglitori di cotone erano persone di colore. Questo è un insulto razziale per una persona afroamericana . Lo stesso vale per la forma aggettivale, cotton-picking. Un altro insulto afroamericano poco conosciuto tra i bianchi? Scimmia del portico. Questi sono tutti l'equivalente della bomba N.

Dirai che sono troppo PC. Dirai che puoi usare qualsiasi parola tu voglia, e sono solo parole, e dal momento che in realtà non le stai usando per applicarle alle persone che descrivono storicamente, non importa un cazzo. Oppure non ti interessa chi offendi perché farai quello che vuoi.

Sicuro. Bene. Che cosa mai. Nega che le parole abbiano potere. Nega che plasmino gli atteggiamenti e le percezioni che ci circondano. Nota come queste parole descrivono gli emarginati per razza o abilità. Nota come sono tutti negativi nel contesto e che non ho bisogno di spiegare la parola cracker. La gente ci ha chiesto di smettere di usare queste parole: le persone che sono oppresse, emarginate e offese da loro. Dicono che fanno male. Il minimo che possiamo fare, come esseri umani perbene, è ascoltarli. Trova una nuova parola.