celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Non ero preparato per ragazze cattive adulte

Relazioni
Due donne che spettegolano in studio (B&N)

Mamma spaventosa e George Marks/Getty

Quando i miei ragazzi erano piccoli, discutevamo spesso del bullismo: cosa fare se lo vedevano o lo sperimentavano. Ho esposto i diversi modi in cui i bambini possono essere vittime di bullismo: fisicamente, mentalmente ed emotivamente, e durante i primi anni di scuola, io e le altre mamme eravamo sempre in allerta per il più debole sentore di bullismo. Una volta che i bambini hanno raggiunto la scuola superiore, la maggior parte di noi credeva di aver dato ai nostri figli una robusta cassetta degli attrezzi che li avrebbe aiutati combattere il bullismo .

Ma che dire di noi? Chi ci ha preparato per ragazze cattive adulte?

Per gran parte della mia vita adulta, sono stato circondato da donne meravigliose e accoglienti, del tipo che fa di tutto per includere i nuovi arrivati, sollevare coloro che soffrono e sentono che le donne dovrebbero sostenersi a vicenda.



Tutto è cambiato quando mi sono trasferito da San Francisco negli esurbi di Washington. Mi sono ritrovato immerso in un mondo tossico di donne alfa anziane che erano disperate di aggrapparsi alla loro giovinezza, e se qualcuno si fosse allontanato anche minimamente dalla linea, le avrebbe abbattute con sguardi cattivi, sfacciata esclusione e coltelli nella schiena .

Ero affascinato. Mi ha ricordato il liceo spinto in corpi meglio vestiti e alterati chirurgicamente. Queste donne si nascondevano dietro le facciate dell'essere gentili nel modo benedetto il suo cuore, ma in verità, giravano in cerchio come squali al primo accenno di debolezza o a qualsiasi minaccia percepita al loro territorio. Se un nuovo arrivato non aveva l'aspetto giusto, la casa giusta, o il giusto tipo di figli o marito, non veniva riconosciuto. In effetti, venivano spesso spettegolati e ridicolizzati.

Dopo alcuni anni di osservazione di questa spietatezza e della distruzione che ha lasciato, ho sentito di avere un'immagine chiara di come le donne adulte si fanno il prepotente a vicenda e ho scritto un romanzo basato sulle mie osservazioni. La risposta al libro si è suddivisa in due campi: la prima reazione è stata che le vere donne adulte non si comportano così; la seconda reazione è stata, sfortunatamente, che ha colpito troppo vicino a casa. Tra i lettori che hanno sperimentato il bullismo degli adulti, hanno citato 5 diversi modi in cui le donne si bullizzano a vicenda:

Esclusione

Questo può essere sottile come postare e taggare le foto a qualcuno su Facebook di una riunione a cui non sono stati invitati, o può essere sfacciato come fare piani di fronte a qualcuno e non chiedere se vorrebbe venire. Certo, nessuno è obbligato a invitarti da nessuna parte, ma c'è una linea chiara e definita tra l'essere gentile e l'essere cattivo.

Inclusione sulle regole

È qui che il gruppo fa pressione su se stesso per apparire o comportarsi in un certo modo. Come nel film Mean Girls, dove indossano sempre il rosa il mercoledì, le donne adulte si infastidiscono a vicenda in ciò che ritengono socialmente accettabile. Questo è il motivo per cui i disturbi alimentari, l'ansia e la depressione dilagano tra questi gruppi di donne adulte.

Mentale

Sei mai entrato in un evento, festa, scuola, davvero qualsiasi cosa e non hai conosciuto una sola persona? Può essere snervante, ma di solito qualcuno fa due chiacchiere con te. Ora immagina se entrassi in quella stessa festa e conoscessi molte delle donne lì. Non ti riconoscono, figuriamoci ti invitano. In effetti, e sicuramente te lo stai immaginando, sembra che ti stiano prendendo in giro. Ridono, voltano le spalle, si stringono intorno a un telefono, ridono ancora un po'. Forse stai diventando pazzo? Forse è nella tua testa?

Fisico

Penso che questo sia più raro tra le donne rispetto agli uomini, ma le bevande versate rientrano sicuramente in questa categoria. Così fa spingere qualcuno contro un muro o urtarlo casualmente. L'obiettivo qui è intimidire in modo fisico.

regali per la festa della mamma fai da te dell'ultimo minuto

Molestie palesi

Pensa a tutti quei film degli anni '80 e '90 che guardavamo da bambini. Di solito c'era un personaggio che veniva apertamente ridicolizzato e deriso. Le donne cattive si fanno questo. Spettegolano. Diffondono voci. Segnalano le cose preoccupati. Cercano di elevarsi abbattendo gli altri.

Quando sei vittima di bullismo, è difficile sapere cosa fare. Dopotutto, le donne adulte lo sanno meglio, giusto?

Sbagliato.

Il bullismo non ha limiti di età e troppe donne cadono vittime della finta sorellanza dell'emancipazione femminile in cui l'unico requisito è fare a pezzi altre donne. Non è il tipo di gang di ragazze a cui chiunque dovrebbe voler appartenere, ma è stranamente allettante quando sembra che tu sia l'unico escluso.

Sfortunatamente, la cassetta degli attrezzi che ho creato per i miei figli non funziona con i bulli adulti fuori dal posto di lavoro. Non c'è nessuno a cui denunciare i bulli e non ci sono conseguenze per l'esclusione, i pettegolezzi o la vergogna del peso.

Allora cosa fai?

Dopo aver parlato con dozzine di donne che hanno subito atti di bullismo tra donne, ho scoperto che il nostro strumento più importante è la cura di sé. Ecco alcuni modi per proteggerti quando sei vittima di bullismo.

Allontanati dai social media o blocca le donne che ti maltrattano.

I social media sono un posto strano. Può aiutarci a rimanere in contatto con le persone a cui teniamo, ma può anche farci sentire malissimo. Se vedi le foto di riunioni a cui non sei stato invitato a farti del male, o soffri di FOMO, o stai cercando di tenere d'occhio il tuo bullo, devi mettere in pausa i tuoi social media. Per lo meno, blocca le donne che ti causano dolore. Non sono tuoi amici e non hanno bisogno di accedere alla tua vita (social media). Mentre premere il pulsante di blocco o uscire da Facebook può essere spaventoso, è anche liberatorio eliminare le relazioni tossiche dalla tua vita.

Parla con un amico/fratello/partner fidato.

Quasi ogni donna che conosco ha subito qualche forma di bullismo. Condividendo le nostre storie, ci rendiamo conto che non siamo soli e avere un orecchio comprensivo può aiutare a inquadrare il nostro dolore in un modo più comprensibile e convalidare i nostri sentimenti.

Parla con il clero o con un terapeuta.

Se ti trovi in ​​una posizione in cui non hai un amico intimo con cui parlare, parlare con un terapeuta o un membro del clero può aiutarti a risolvere i tuoi sentimenti e identificare i passaggi per portare più pace nella tua vita. Queste persone sono meravigliose nell'aiutarci a fare un passo indietro e vedere il quadro più ampio che a volte si perde quando siamo consumati dal dolore del bullismo.

Affermazioni positive.

Il bullismo distrugge la nostra autostima e può farci dubitare del nostro valore. Può essere difficile, ma prova a concentrarti su tre attributi positivi che possiedi. Ricordatene ogni giorno e concediti il ​​permesso di crederci.

Scrivilo.

Per quanto possa essere allettante scatenarsi, impegnarsi con un bullo spesso si traduce in un aumento del bullismo. Se hai bisogno di dire cose arrabbiate, scrivilo. L'atto di mettere i nostri pensieri sulla carta può liberare la rabbia repressa che abbiamo per le nostre circostanze e aiutarci a vedere la situazione più chiaramente. Personalmente, quando strappo le lettere, mi sento libero dalla mia frustrazione e ferita.

Perdonare.

Questo è il più difficile, ma sento che è il più importante. Quando perdoniamo, non è un'assoluzione dalle azioni offensive di qualcun altro, quanto uno strumento che ci consente di andare avanti senza dolore. Non devi dire al tuo bullo che lo perdoni, ma cercare di capire cosa fa esattamente agire il tuo bullo nel modo in cui lo fa, può portare chiarezza alla situazione. Le persone ferite feriscono le persone. Il perdono guarisce.

migliore sessuale preferiresti domande?

Se sei vittima di bullismo, non hai bisogno di soffrire e non sei solo. Come i bambini, abbiamo una cassetta degli attrezzi e possiamo respingere il bullismo prendendoci cura di noi stessi emotivamente, mentalmente e fisicamente.