celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Ero una mamma casalinga con una tata a tempo pieno

Salute E Benessere
tata-per-sahm-1

Cavan Images/Getty

Quando il quinto test di gravidanza a casa è risultato positivo, sapevo per certo che avrei avuto un terzo bambino. A 41 anni, questo non doveva succedere. Anche il mio ginecologo non mi ha creduto quando l'ho chiamata con la notizia. Secondo i miei livelli ormonali, la possibilità di rimanere incinta alla vecchia maniera era inferiore al 5%. Era scioccata dal fatto che avessi battuto le probabilità anche se non ci stavamo davvero provando.

essere una mamma single è difficile

Beh, non lo eravamo non provando. Per anni, mio ​​marito voleva un terzo figlio e io ero sul recinto, incline più al lato del no che perché no? Per lui è stato un gioco da ragazzi. È uno dei tre ragazzi e per lui più è di più. Ma avere un altro figlio mi terrorizzava.



I ricordi della madre che sono stata per tanti anni quando le mie due bambine erano piccole mi hanno fatto rabbrividire. Non volevo tornare alle battaglie quotidiane che ho condotto contro il me triste e ansioso del passato. Le continue richieste dei miei figli mi rendevano irritabile. Preoccuparmi di prendere o meno le decisioni giuste mi sfiniva.

Ho cercato di tenere i miei sentimenti negativi dentro o almeno lontano dalle mie adorabili ragazze, ma non sempre ci sono riuscito. Ho perso troppo le staffe, ho pianto molto e credevo davvero che stavo fallendo nella maternità. Quando le mie ragazze mi abbracciavano e mi baciavano, pensavo di non meritarmelo. Quando mio marito ha sorriso e mi ha detto che ero una mamma meravigliosa, non gli ho creduto.

Cavan Images/Getty

Guardando indietro, mi rendo conto di aver sofferto di depressione post partum con la nascita del mio primo figlio e di una ricaduta con il mio secondo. Ero troppo imbarazzato per dire a qualcuno del sopraffatto che provavo. Non potevo sopportare di pensare che la mia tristezza potesse significare che non amavo mia figlia o che ero una persona terribile che non riusciva a trovare la gioia nella maternità. Sono stato educato a credere che se mi fossi sforzato abbastanza, avrei potuto superare qualsiasi cosa. Invece di chiedere aiuto, mi sono convinto che avrei potuto gestire da solo i miei sentimenti di paura e inadeguatezza.

Quando è nata la mia prima figlia, ho continuato il mio lavoro di consulenza un po' flessibile, rifiutando di assumere una tata. Mi affidavo alle babysitter quando avevo riunioni con i clienti o dovevo lavorare in loco. Ho lavorato quando il bambino ha fatto un pisolino e nel bel mezzo della notte dopo l'allattamento. Ero esausta e irritabile, ma non volevo che nessun altro facesse da madre a mio figlio. Avrei voluto essere una mamma, quindi ero dannatamente bene che lo diventassi - tutto il tempo.

Quando la mia seconda figlia è arrivata due anni e mezzo dopo, sapevo che non potevo mantenere il mio orario di lavoro, ma invece di trovare un'assistenza all'infanzia, ho lasciato e sono rimasta a casa a tempo pieno. Pensavo che se avessi potuto concentrarmi solo sulla maternità, sarei stata una mamma più felice e migliore.

Ma la depressione non funziona in questo modo. Non scompare e basta, anche se ho fatto finta che fosse così. Ho sviluppato strumenti per aiutarmi a gestire. Ho preso tutti i time-out che ho dato, respirando profondamente tre volte proprio come avevo insegnato a fare alle ragazze quando si sentivano fuori controllo. Ho smesso di provare a fare tutte le cose e ho assunto una governante per venire una volta alla settimana. Ho cercato di non innervosirmi per il fatto di fare sempre appuntamenti di gioco o di iscrivere le ragazze a più attività. Ho lasciato che mio marito facesse parte della genitorialità invece di insistere sempre che fossi io al comando. Ho lavorato duramente per notare la bellezza e la brillantezza: la mia figlia maggiore che imparava a leggere, la più giovane che cavalcava gioiosamente il suo triciclo. Sono riuscito a reprimere il mio dolore e la mia irritabilità per la maggior parte del tempo, ma ciò non significava che quei sentimenti fossero spariti.

cose adatte ai bambini da fare a Lubbock tx

filadendro / Getty

Proprio mentre mia figlia più piccola stava iniziando l'asilo e il turbinio di sentimenti confusi che avevo intorno alla maternità dei bambini sembrava che stesse per scomparire, mi sono trovata inaspettatamente incinta. Il pensiero di tornare a quei lunghi giorni e quelle notti insonni mi spaventava a morte. Non volevo fare da madre a un altro bambino in un modo che mi lasciasse impoverito, vergognoso e convinto di non essere abbastanza bravo o, peggio, di rovinare attivamente mio figlio con le mie emozioni negative. Se dovevo avere un terzo figlio, avevo bisogno di un aiuto concreto. Avevo bisogno di una tata a tempo pieno.

cose sexy per mandare messaggi a tuo marito

Rendendomi conto che avevo bisogno di aiuto per chissà quanto tempo è stata una rivelazione e non una comoda. Ammettere la depressione che la maternità ha innescato in me e ammettere che non potevo gestirla di nuovo da sola mi ha inzuppato di vergogna. Ero imbarazzato per avere aiuto sapendo che sarei rimasto di nuovo a casa a tempo pieno con questo nuovo bambino.

Essere abbastanza fortunati da permettersi un aiuto a tempo pieno si sentiva indulgente e privilegiato. Allo stesso tempo, chiedere aiuto è stato un immenso sollievo. Questa volta, con questo bambino, avrei avuto sostegno quando avrei sentito i tremiti della tristezza scuotermi le viscere. Potrei consegnare il mio piccolo a un altro adulto amorevole mentre mi prendevo cura di me stessa, riprendevo il mio centro e tornavo alla maternità pronta a dare e ricevere.

Ho assunto la nostra tata poche settimane prima che arrivasse la nostra terza figlia. Non esagero quando dico che averla in casa quasi tutti i giorni per quattro anni mi ha reso una mamma migliore. Sapere che era lì per condividere il suo grande cuore con me e tutte e tre le mie ragazze ha aiutato a scacciare un po' della mia ansia e tristezza. Sicuramente anche la terapia ha aiutato.

Ora la mia piccola è all'asilo, le sue sorelle alle medie e alle superiori, e io sono tornata a lavorare part-time. È difficile sapere di cosa abbiamo bisogno come madri, figuriamoci chiederlo, e se hai bisogno di aiuto, per favore dillo a qualcuno. So che la mia scelta non è certo per tutti, ma il messaggio centrale è lo stesso per tutti noi: non dobbiamo fare la madre da soli.