celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Avevo paura di stare da sola con il mio bambino, e troppo spaventata per parlarne con qualcuno

Salute Mentale
Madre che soffre di depressione post-natale

Scary Mommy and Monkeybusinessimages/Getty

Sabato sera mio marito è andato in città per partecipare a un evento per la prima volta dall'inizio della pandemia. Dopo 18 lunghi mesi di socializzazione a malapena, questa è sembrata un'occasione importante.

Era eccitato e io ero felice per lui. Devo dire che ero un po' nervoso per le cose sul COVID. È vaccinato e tutte le persone che hanno partecipato all'evento sarebbero state vaccinate, inoltre era fuori. Ma, sai, COVID è un bastardo subdolo, quindi ho passato la giornata a rivedere i protocolli con lui, come mantenere una certa distanza e indossare una maschera quando il distanziamento sociale non era possibile.

Mentre se ne andava, mi aspettavo di provare una residua fitta di preoccupazione, ma invece mi sono sentito sollevato. A differenza di me, è un estroverso e sapevo che socializzare avrebbe nutrito la sua anima. Ma provare quel senso di sollievo mi ha ricordato qualcos'altro: mi ha ricordato quanto ero arrivato lontano da quando i nostri figli erano piccoli, e non potevo assolutamente sopportarlo quando usciva la sera.

similac richiamo sensibile 2021

Suona un po' folle, vero? Eravamo entrambi adulti quando i nostri bambini erano piccoli. Ero pienamente in grado di prendermi cura dei nostri figli senza di lui. Avrei dovuto stare bene con lui che usciva ogni tanto.

Tutte queste cose erano vere, ma all'epoca di cui parlo stavo vivendo un caso non trattato di ansia postpartum e non ne avevo idea. Questo è stato quando il mio primogenito era piccolo. Subito dopo la sua nascita, ho iniziato ad avere sintomi di ansia postpartum: pensieri ossessivi, incapacità di dormire. Ma l'ho attribuito alla nuova maternità e alla privazione del sonno, e non ho fatto molto al riguardo. Inoltre, non è stato così intenso, almeno non ancora.

Poi, quando mio figlio aveva circa due anni e mezzo, le cose sono andate male. Ho avuto un aborto spontaneo precoce la stessa settimana in cui mio figlio è svenuto mentre faceva il bagno. Alla fine è andato tutto bene: il mio aborto spontaneo era sconvolgente, ma ero in buona salute; l'episodio di svenimento di mio figlio è stato innocuo, ma spaventoso. Tuttavia, sono stato innescato.

Tutti i mesi di preoccupazione e ansia, insieme a un'enorme privazione del sonno, sono arrivati ​​​​a un crescendo e sono praticamente diventato un pasticcio ansioso 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Avevo attacchi di panico regolari. Stavo vivendo tempi di dissociazione e spersonalizzazione, che poi hanno portato a più panico.

Kaan Sezer/Getty

Una delle cose per cui mi sono spaventato di più in quel periodo è stata essere lasciata sola con mio figlio, soprattutto di notte.

Mio figlio aveva un sonno terribile. Molti bambini hanno il sonno difficile. Ma mio figlio era un esperto. Non solo si svegliava ancora più volte a notte all'età di due anni, ma era impossibile addormentarsi. Non importa quello che abbiamo fatto, farlo addormentare è stata una lotta epica. La maggior parte delle sere, ci vorrebbero 1-2 ore di storie della buonanotte, zittite, dondolanti... e altre storie della buonanotte, zitte e dondolanti.

Abbiamo provato a farlo addormentare prima, dopo, facendolo fare un pisolino, non facendolo dormire, ecc. Semplicemente non era programmato per addormentarsi facilmente. Alcune notti erano più facili di altre, ma era sempre una cosa. Ogni notte ero piena di terrore all'idea di metterlo a letto, e quando i miei sintomi di ansia postpartum peggioravano, questa paura si trasformava in paura.

Non mi importava tanto quando mio marito era in giro. Era davvero un giocatore di squadra e avrebbe partecipato allo stesso modo al rituale della buonanotte. Semmai, mio ​​figlio si addormenterebbe più facilmente con l'aiuto di mio marito che con il mio. Inoltre, il cameratismo di avere qualcun altro lì per condividere la lotta ha aiutato immensamente.

Ma quando non era lì prima di coricarsi, ero un relitto. Era arrivato al punto in cui avrei avuto legittimi attacchi di panico quando lui se n'era andato. Ricordo in questo periodo che se ne andò per un fine settimana per una riunione del college. Gli ho quasi chiesto di non andare, ero così stressato dall'idea che se ne fosse andato. Ma ovviamente l'ho lasciato andare.

Questo non mi ha impedito di impazzire. Una di quelle notti, ricordo di essere tornato a casa con mio figlio. Mentre stavo lì davanti alla porta del nostro appartamento, armeggiando con le chiavi per farci entrare entrambi, il mio cuore iniziò a perdere il controllo. Lo sentivo battere. Riuscivo a malapena a respirare o ad aprire la porta. Tutto questo semplicemente perché mi sono ricordato che dovevo fare tutta la sera e la notte da solo con mio figlio.

Questo è stato uno dei tanti casi come questo. Ogni volta che dovevo stare da sola per ore con mio figlio, specialmente di notte, provavo una tale paura.

Non fraintendermi: ho amato mio figlio. Ero anche totalmente in grado di prendermi cura di lui e metterlo a letto. Non era questo il problema. Era la mia ansia per tutto ciò che era completamente fuori controllo.

Non ho detto a nessuno nemmeno dell'ansia, non per molto tempo. L'ho tenuto dentro. Mi sentivo incredibilmente in colpa e mi vergognavo per questo. Solo l'idea che stavo vivendo una tale ansia per un aspetto della maternità di cui avrei dovuto sentirmi sicura e capace, mi rendeva ancora più ansiosa. Mi sentivo una cattiva mamma, come se qualcosa non andasse in me.

Per fortuna, alla fine ho ricevuto aiuto per la mia ansia postpartum. Sono tornato in terapia e questo ha aiutato immensamente. Nel giro di poche settimane dal trattamento, i miei attacchi di panico si sono calmati, la mia dissociazione è diminuita e la mia paura di essere lasciata sola con mio figlio è svanita.

Penso anche che abbia aiutato il fatto che mio figlio sia diventato un po' più facile da mettere a letto in questo periodo. L'ansia può far sembrare le cose più difficili di quanto non siano in realtà, ma avere un bambino che impiega 1-2 ore per mettersi a letto ogni notte non è esattamente normale. Avevo ragione a sentirmi stressato per questo. Ma legittimare il panico quelle poche volte che mio marito non è stato in grado di aiutare, è stato piuttosto irrazionale.

Tuttavia, non ho mai detto a nessuno quanto fossi incredibilmente spaventato in quei giorni di stare da solo con mio figlio. Anche dopo tutti questi anni, sapendo che era una paura irrazionale e che ero (e sono) una mamma brava e capace, provo ancora una certa ansia nel condividere questo.

Ma so anche che ci sono altre mamme là fuori che potrebbero sperimentare anche questo. L'ansia postpartum è reale e può farti pensare e provare ogni genere di cose che non hanno senso e che ti convincono che stai fallendo in qualche modo.

Molti genitori sviluppano questo tipo di paure e ansie. È molto più comune di quanto pensi. Se hai paura di stare da solo con tuo figlio, o se qualsiasi altro aspetto della genitorialità ti sembra intensamente opprimente e terrificante, sappi che non sei solo. Non sei pazzo. Non sei rotto.

E per favore chiedi aiuto. Non posso sottolinearlo abbastanza.

Condividi Con I Tuoi Amici: