Ho sofferto di un'emorragia postpartum secondaria dopo il mio cesareo

Manodopera E Consegna
impronta-sul-mio-schiena-1

Per gentile concessione di Jess Waldron

Dieci giorni dopo aver dato alla luce mia figlia, ho sofferto di quella che viene chiamata un'emorragia postpartum secondaria. Tra il mio cesareo d'emergenza e l'emorragia, ho perso metà del mio volume sanguigno. Mi ci sono volute sei settimane per smettere di sanguinare, tre mesi per lasciar andare l'ansia del sangue e otto mesi per sentirmi di nuovo pienamente funzionante. Quattordici mesi dopo, ho ancora l'impronta sulla schiena dell'epidurale che ho fatto per due giorni. Questa è la storia del mio cesareo indolore che si è trasformato in un'orribile emorragia.

citazioni sui rapporti tra fratelli e sorelle

Sono trascorsi due giorni dalla data del parto quando mi si rompono le acque a casa sul mio divano. Avevo passato la giornata a chiedermi se sentivo le contrazioni o no. Quando arriviamo in ospedale, le infermiere sono pronte a mandarmi a casa perché non sembro molto travagliato. Ma sono dilatata di quattro centimetri e pronta per l'epidurale. Trascorriamo alcune ore in sala travaglio mettendomi in posizioni diverse per cercare di abbassare la testa del mio bambino. Dopo alcuni tentativi, il battito cardiaco va fuori controllo. Questo fa sì che le infermiere mi portino di corsa in sala operatoria per un cesareo d'emergenza.



Quando arriviamo alla stanza successiva, il battito cardiaco torna alla normalità e vengo rimandato nella mia stanza del travaglio. Il mio medico è preoccupato che la testa sia ancora nel Connecticut. Il battito del cuore va di nuovo fuori strada. Il mio dottore mi guarda e in tono calmo dice che dovremo avere un bambino dall'altra parte. La guardo e le dico semplicemente, okay.

Le infermiere e i medici impiegano un po' di tempo a preparare la sala operatoria. Ricordo che mi sentivo solo, desideravo che qualcuno mi parlasse. Mio marito entra ed è seduto proprio accanto alla mia testa mentre l'anestesista è seduto proprio dietro di me. Chiedo se sentirò qualcosa; mi dice di no, e che farò l'epidurale per due giorni dopo. I miei medici stanno parlando di ciò che significa Juniper, poiché è così che chiamiamo nostra figlia che apparirà davanti ai nostri occhi in pochi istanti. La prima cosa che dicono quando la tirano fuori è: guarda che capelli rossi! Non potevo crederci e non vedevo l'ora di vederla. La mettono delicatamente con la testa sulla mia spalla mentre le lacrime mi scendono sul viso.

Quando chiamo l'ospedale, mi viene detto che un'emorragia da un taglio cesareo sarebbe molto rara. Mentre sto in piedi, è come se un gallone di sangue mi cadesse letteralmente fuori.

Mentre stanno ripulendo Juniper, mi stanno ricucendo insieme. A un certo punto il mio dottore si china sul lenzuolo che ci separa e mi chiede: Stavi cercando da un po' di avere un bambino? Perché sei coperto di endometriosi. intendo coperto . È incredibile che tu sia rimasta incinta. Rispondo No, abbiamo provato una volta.

Essere ricuciti sembra un'eternità. Quando finalmente iniziamo a rotolare fuori dalla stanza, il mio dottore si riferisce alle linee IV come spaghetti. Le chiedo se posso avere degli spaghetti. Lei ride e mi dice che comincerò con una dieta liquida. Non avevo idea di cosa avrebbe comportato questo recupero.

soprannomi dolci per chiamare la tua ragazza

Cast83 Fotografia

Il mio recupero del cesareo non è niente di cui lamentarsi. non ho dolore. Sono sull'epidurale per due giorni e un altro farmaco per fermare una sensazione di bruciore. Mi alzo e vado in giro per l'ospedale e vado avanti e indietro in bagno bene. Sono stato mandato a casa con una ricetta per Motrin per bambini perché io non riesco a ingoiare pillole pill , e devo prenderne così tanto che lo bevo da un bicchierino. Mi assicuro di prendermela comoda, perché è quello su cui le infermiere hanno insistito.

Passano dieci giorni e sento che la mia emorragia sta andando fuori controllo. Quando chiamo l'ospedale, mi dicono che avere un'emorragia da un taglio cesareo sarebbe molto raro. Decido che devo comunque essere controllato. Mentre mi alzo per uscire dalla macchina, è come se un gallone di sangue cadesse letteralmente fuori da me. Giù per la mia gamba, a terra, ovunque. Non posso spiegare come ci si sente; è irreale. Entro in ospedale con il sangue sulle gambe. Giuro che la signora alla scrivania è terrorizzata dal modo in cui mi guarda. Mi portano una sedia a rotelle con le imbottiture che la coprono per raccogliere il sangue. Mentre le infermiere mi portano all'ascensore, continuo a chiedere cosa sta succedendo, ma tutto quello che possono dire è che sei nel posto giusto ora. Hai fatto la cosa giusta.

Salgo al piano di sopra nella stanza del triage, dove un'infermiera cerca di ripulirmi e cerca di misurare la quantità di sangue che sto perdendo. È ovunque. Un dottore mi controlla e dice che dobbiamo far contrarre di nuovo il mio utero. Ciò richiede di farmi assumere pitocin attraverso una flebo fredda. Mi dà anche due pillole attraverso il culo per entrare più velocemente nel mio sistema. La buona notizia è che questi farmaci funzionano per rallentare l'emorragia; la cattiva notizia è l'effetto che hanno su di me. Agito in modo incontrollabile per quasi due ore. Mi coprono di coperte calde pensando che i farmaci mi abbiano dato la febbre.

Una volta che l'agitazione si è attenuata, vado a fare un'ecografia per assicurarmi che i medici abbiano rimosso tutto all'interno del mio utero. Torna chiaro, quindi al mattino i medici devono riparare il danno fatto. Per prima cosa, una trasfusione di sangue, poiché avevo perso metà del mio volume sanguigno. In secondo luogo, un ECG a causa di una frequenza cardiaca elevata. Terzo, una serie di test per la mia pressione sanguigna. E infine, tre diversi antibiotici da trattare per una possibile infezione.

Torno a casa due giorni dopo, il giorno prima del mio compleanno. Ho un controllo con il mio medico di base. Me lo dispone in questo modo:

cosa dovrei regalare a mia madre per i suoi 50 anni?

Non sappiamo perché sia ​​successo.

Abbiamo raschiato il tuo utero durante il cesareo.

Avrai dei coaguli, è normale.

Il tuo utero non è cooperativo e ha smesso di contrarsi.

FORSE l'allattamento al seno l'avrebbe tenuto a contrarsi, ma non lo sappiamo per certo.

Non sappiamo con certezza se hai un'infezione, è solo una precauzione.

quando un bambino dovrebbe andare all'asilo?

Cast83 Fotografia

Non l'hai fatto a te stesso. Non sei a riposo a letto. Devi alzarti e muoverti. Non camminare per il centro commerciale o altro, ma dovresti muoverti.

Non accadrà di nuovo perché sono passate due settimane e sei più avanti nel recupero di sei settimane.

Sono sicuro che va tutto bene, eppure la mia nuova ansia per il sangue non me lo farà credere. Vado fuori di testa alla vista del sangue e temo che succeda di nuovo.

Parlo con un mio vecchio amico che è un'infermiera del travaglio e del parto. Lei mi spiega esattamente come funziona e si ripara l'utero , che è qualcosa che nessun medico ha mai spiegato durante questo processo. Ho bisogno di capire la scienza dietro tutto questo. Non mi è mai stata diagnosticata la depressione o l'ansia post-partum. Non temo mai nulla del mio bambino, solo del mio stesso corpo. Tutto quello che voglio è prendermi cura del mio bambino. Voglio pulire la casa, uscire con gli amici, fare la spesa, mangiare fuori e fare la doccia. Voglio svegliarmi la mattina. Voglio correre un miglio, fare yoga e scalare una montagna. Voglio così tanto, ma mi sento bloccato.

Il recupero postpartum è un processo lungo per qualsiasi tipo di nascita. Credo che l'ulteriore perdita di sangue abbia reso il recupero ancora più lungo per me. Eccomi qui, un anno dopo, e finalmente sto facendo yoga, scalando montagne, correndo un miglio, vivendo la mia vita senza fare pisolini o pillole di ferro. Mia figlia è bellissima, meravigliosa e ha un sonno fantastico. Mio marito è amorevole, premuroso e divertente.

Non cambierei nulla della mia storia di nascita. Ogni pezzo è importante per chi sono oggi. Fa parte anche della storia di mia figlia, il suo ingresso in questo bellissimo mondo. Il peso che porto sulla schiena dal mio viaggio di avere un bambino è la vera impronta. Dalla gravidanza al travaglio, a un cesareo d'urgenza, a un'emorragia secondaria post-partum, al recupero del mio corpo. Il mio corpo porta le cicatrici fisiche, ma ciò che è stato impresso nella mia mente sarà anche con me per sempre.