celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Ho passato l'ultimo anno a curare pazienti affetti da COVID e sono abbastanza traumatizzato da lasciare il mio lavoro

Coronavirus
Paziente anziana a letto con personale medico interessato

JohnnyGreig/Getty

NFT

Lascio l'infermiera al capezzale.

Sono un'infermiera da dieci anni. Durante quel periodo mi sono tenuto per mano, asciugato le lacrime, pulito i volti, pettinato i capelli, medicato le ferite e iniziato la flebo. Ho prelevato sangue, avviato cateteri, pulito il vomito e monitorato i segni vitali. Ho lavorato sui codici e fatto compressioni toraciche e salvato vite di pazienti e ne ho perse altre. Sono stato lodato e ringraziato, e sono stato preso a pugni in faccia. Sono stato con i pazienti al loro primo respiro e all'ultimo. Sono stato con le persone nei momenti più umani, vulnerabili e difficili della loro vita. Lo faccio perché capisco il dolore, capisco la vulnerabilità. Sono una sopravvissuta a traumi e abusi. Per questo, come tanti, sono un'infermiera.



Per cinque anni sono stata un'infermiera domiciliare che si occupava di minatori di uranio malati terminali nelle loro case. In una giornata tipo somministravo trattamenti respiratori, valutavo i suoni del respiro e nascondevo le mie inclinazioni liberali mentre i miei pazienti fumavano sigarette e guardavano Gunsmoke .

NFT

Mi piace questa popolazione di pazienti. Ma il lavoro non è molto impegnativo. Mi mancano il ritmo veloce della terapia intensiva, le opportunità di apprendimento, la grinta e la sfida di lavorare in un'unità frenetica. Quindi accetto un secondo lavoro, lavorando su chiamata in un ospedale locale.

Poi arriva il Covid.

Non lavoro in un grande ospedale di ricerca o in un centro traumatologico. Il mio lavoro è in un piccolo ospedale rurale nel deserto delle alte pianure del Colorado occidentale. La città in cui lavoro è nota per la mountain bike, la politica conservatrice e l'Headless Chicken Festival, ora cancellato. Ci sono incendi nelle vicinanze che coprono la mia macchina di cenere. La gente del posto si lamenta degli sviluppi abitativi e di tutte le nuove persone che si trasferiscono da Denver. Dall'ospedale, una vista di scogliere di arenaria si libra su una valle di artemisia e ginepri. In lontananza, solitarie montagne azzurre si innalzano al cielo. È un bel posto.

Quando arriva la pandemia, le mie ore in agenzia si riducono, quindi lascio il mio lavoro a domicilio e vado a lavorare a tempo pieno per l'ospedale. Mi sento sollevato, perché non volevo esporre le persone più vulnerabili.

La mancanza di DPI rende l'entrare al lavoro una partita quotidiana alla roulette russa. Mi è stato dato un N95 inadatto in un sacchetto di carta. Mi preoccupo per il virus che contamini i miei vestiti. Chiedo alla direzione se possiamo indossare camici ospedalieri che vengono lavati in loco. Dicono che l'hanno considerato, ma non lo hanno ritenuto necessario.

Alla fine di ogni turno, la mia mente inizia a girare. L'ho preso questa volta? Sono stato attento? Per favore Dio, non lasciarmi passare questo ai miei figli. Eseguo la decontaminazione alla fine di ogni giornata, mi cambio il camice in garage e disinfetto le chiavi, l'auto, le scarpe e il telefono.

I miei vicini si allontanano socialmente, aggirando qualsiasi starnuto, tosse e contatto umano. li invidio. Invidio gli antipasti a lievitazione naturale che pubblicano sui social media, i loro orti e il tempo con le loro famiglie. Invidio la loro scelta di stare al sicuro. Contro le raccomandazioni sulla salute pubblica e sulla sicurezza, gli ospedali e le cliniche ci spingono a venire a lavorare malati. Una cultura del presenzialismo tossico resiste. A duemila miglia di distanza, il Congresso vota contro il rischio e l'indennità di malattia per gli operatori sanitari.

Una settimana sono esposto e devo mettermi in quarantena. Non ci sono periodi di malattia retribuiti. Sono intrappolato tra la mia coscienza e le bocche di tre bambini che devo sfamare. Non ho indennità di malattia, anche se lo stato del Colorado la garantisce agli operatori sanitari. Due settimane di email e telefonate restano senza risposta. L'amministratore delle risorse umane mi dice di chiedere la disoccupazione.

Dopo la quarantena, sono tornato al lavoro. Alla postazione dell'infermiera, sto fissando un muro di incarichi di pazienti: tutti positivi al Covid e nessun terapista respiratorio. Nessun assistente infermieristico o aiutante. Ci sono più pazienti di quanti posso curare in sicurezza. Parlo con la direzione. Mi dispiace, non possiamo fare niente. Il mio N95 ha più di un mese. Una delle infermiere sta singhiozzando in bagno, ha paura di portare a casa il Covid al suo neonato.

Alcuni giorni mi sento orgoglioso e realizzato. Lavoro su turni extra. Sento un cameratismo con i miei colleghi. Sono famiglia. Ci aiutiamo a vicenda a riposizionare i pazienti, diamo farmaci e distribuiamo i vassoi dei pasti. Diamo ai nostri pazienti isolati un'interazione umana limitata di cui hanno disperatamente bisogno. Ogni paziente che guarisce mi riempie di speranza.

linee di raccolta carine e di formaggio

sudok1 / Getty

Ma la maggior parte dei giorni sono contemporaneamente sopraffatto e insensibile. Sto dando tutto mentre spiritualmente sono controllato. Sei ore dopo l'inizio del mio turno, abbiamo finito i vestiti. La mia maschera puzza dei miei starnuti e dei miei batteri. Gli scanner di mediazione e i computer nelle stanze dei pazienti non funzionano. Corro costantemente su una ruota da criceto di carichi elevati di pazienti, farmaci, grafici, valutazioni, luci di chiamata ed enormi pile di richieste dalla leadership che richiedono più di quanto io sia fisicamente ed emotivamente capace.

In una sala Covid non ci sono né politica né comizi con persone arrabbiate senza maschera che chiedono tagli di capelli e viaggi da Applebee. C'è un lavoratore di una casa di cura che tossisce senza sosta mentre aspetta in attesa per due ore con la disoccupazione. C'è un immigrato dal Vietnam che accumula frutta e succo di mela dai suoi vassoi. Chiede aiuto per completare la sua richiesta di buoni alimentari, ma non ho tempo. Ci sono semplicemente troppi pazienti da curare.

C'è un operaio di un giacimento petrolifero con un'embolia polmonare che insiste che il Covid sia una bufala. Una nonna che ha preso il Covid al Ringraziamento. Ci sono tre membri della stessa chiesa. Diversi ospiti di una festa di compleanno sono andati male. La moglie di un medico terrorizzata con tremori alle mani che spinge incessantemente la luce del richiamo. Un uomo che dimettiamo in quarantena a casa. Viene visto al negozio di alimentari locale il giorno seguente senza maschera.

Ci sono pazienti gentili e altri maleducati. Ci sono pasti freddi su vassoi di polistirolo. Ci sono tubi per l'ossigeno, farmaci e aste portaflebo. Ci sono cesti pieni di camici isolanti sporchi e spazzatura che deve essere svuotata e bicchieri di plastica di acqua stantia. Ci sono cardiofrequenzimetri e non abbastanza sonde per l'ossigeno. C'è tosse e respiro affannoso. Ci sono coaguli di sangue e radiografie del torace che rivelano polmoni pieni di liquido. Ci sono pazienti che fanno pipì nel letto perché non sono riuscito a raggiungere la loro stanza in tempo. Ci sono pazienti che sono troppo deboli per mangiare e hanno bisogno di essere nutriti. Ci sono pazienti confusi che tirano fuori i loro IV. C'è paura e c'è profonda solitudine. Ci sono pazienti che muoiono da soli.

Ci sono le mie scuse e il mio crescente senso di colpa e fallimento. C'è sudore sulla schiena, disidratazione e vertigini perché ho dimenticato di bere abbastanza acqua sotto i DPI. C'è il mio pisolino di 30 minuti che sembra cinque quando crollo sul sedile anteriore della mia macchina durante la pausa pranzo. Ci sono lacrime in cui sono scoppiata nella sala medica perché non dormivo da 3 giorni. Ci sono le 2 del mattino chiamate ai medici che li implorano di entrare. Ci sono mani dei moribondi che non potrei tenere. C'è il giallo freddo e cereo della pelle e il silenzio di chi è morto da solo.

Torno a casa per dibattiti e discussioni sui social media. Ricevo complimenti che mi definiscono un eroe e messaggi nella mia casella di posta che mi chiamano un truffatore. Una donna anziana al supermercato mi vede in camice e mi accusa di diffondere malattie. Molti nel negozio non indossano maschere.

Non so se amo o odio il mio lavoro. Otto mesi fa, mi sono sentito motivato ad aiutare. Ora metto in dubbio la mia sanità mentale per essermi messo in pericolo. Mi chiedo se il mio eroismo sia egoico. Di certo non mi sento un eroe. Iniziamo a chiedere una paga di rischio. Per tre settimane ci viene dato un bonus, ma solo se siamo gravemente a corto di personale. Poi i bonus si fermano. Ho un'altra esposizione, questa volta al pronto soccorso. Evito di abbracciare mia figlia per una settimana. Suo padre è un infermiere Covid in un altro ospedale a venti miglia di distanza. Chissà se è stato esposto. Ogni istinto materno dentro di me sta urlando, ma non riesco a tenere in braccio mia figlia o a darle il bacio della buonanotte. Non ne vale la pena, mi dico. Considero di smettere, ma non sono stato cresciuto per essere uno che si arrende. Non mollare è ciò che mi ha fatto superare la scuola per infermieri. Un orrendo divorzio. Scalare una montagna di 14.000 piedi. sono resiliente. Ogni giorno mentre vado al lavoro mi dico di superare questo turno, sono solo 12 ore.

Sono una madre single divorziata e non riesco a trovare assistenza all'infanzia, quindi mi affido a mia figlia di 18 anni. Alla sua età, mischiavo fidanzati, sedili posteriori e saltavo sugli autobus per Seattle. Mia figlia non ha mai fatto una festa di laurea. Il suo ultimo giorno di liceo finì bruscamente. Nessun ballo di fine anno. Il suo programma per un anno sabbatico in Costa Rica è stato cancellato. Collegio sospeso. Rimane nella sua stanza a socializzare online con i suoi amici a Boulder. Prima detestavo il suo telefono, ora è una manna dal cielo.

File di compiti mancanti mi fissano dal Chromebook di mia figlia di sette anni. Lily non vuole fare didattica a distanza. Si agita incessantemente alla sua scrivania e la maggior parte dei suoi incarichi sono videogiochi glorificati.

Un giorno la corda del mio N95 si rompe. Vado all'ufficio dell'infermiera per il controllo delle infezioni per uno nuovo, ma non si vede da nessuna parte. Non la vedo da mesi. Non ci sono maschere N95. Mi è stato dato un PAPR ma non posso usare un PAPR. Sono rumorosi e io sono leggermente sordo. Una grave infezione da streptococco e la febbre hanno fatto esplodere il mio udito nei miei 30 anni. Non riesco a comunicare con i miei pazienti. Non riesco a valutare il loro dolore o i loro bisogni. Non c'è niente che possiamo fare. Prova ad acquistare un N95 presso Home Depot. Torno a casa, mi siedo davanti al mio computer e presento un reclamo OSHA.

Gli infermieri sono stati licenziati per aver presentato denunce. Ho seguito un incidente in Minnesota in cui un'infermiera del pronto soccorso è stata licenziata per aver indossato camici ospedalieri invece dei suoi, anche se questi camici sono stati messi a disposizione dei medici. Stava cercando di evitare di portare il Covid a casa dalla sua famiglia. La sua licenza di infermiere rischiava di essere revocata. Compilo il modulo, faccio un respiro profondo e premo Invia.

cose spaventose da fare a un pigiama party

Mi viene in mente una parola: scelta. Se la disperazione è davvero una scelta, allora devo scegliere di lasciare l'ospedale. L'ospedale non mi stava rubando la felicità, la stavo regalando. Lo stavo dando via punendo il mio corpo con la mancanza di sonno e mettendo a rischio la mia salute. Stavo regalando la mia felicità con lo stress cronico. Stavo dando via la mia felicità rimanendo in una situazione impossibile. Non ero più un eroe, ero una vittima.

Due settimane dopo, vengo chiamato a un incontro con le risorse umane. Mi è stato detto che sono stato licenziato per non aver sprecato correttamente un antibiotico e aver scansionato un farmaco. Mi viene dato un assegno di 121,00 dollari e il contenuto del mio armadietto. Conservo la mia lettera di dimissioni nella borsa, sorrido educatamente e me ne vado.

Più tardi quel giorno, ricevo una chiamata da un reclutatore di infermieri che mi offre una posizione da infermiera di viaggio in un'unità Covid a Los Angeles. Il mio telefono viene bombardato ogni giorno da queste chiamate e messaggi. Rido e dico al reclutatore che ero appena stato licenziato, ma non importa. Mi offre il lavoro. Gli dico no grazie e riattacca.

Gli infermieri sono prevalentemente donne. Una società che non valorizza le donne non valuterà gli infermieri. Nessun sorvolo di Blue Angels riparerà un sistema sanitario rotto e la cultura tossica dell'assistenza infermieristica. Nessuna lezione di yoga risolverà i carichi di lavoro e i carichi di pazienti impossibili. Essere licenziato dall'ospedale mi è sembrato come il fondo, ma ho imparato che il fondo è un nuovo inizio sotto mentite spoglie. Il Covid è traumatico, ma la leadership e gli amministratori ospedalieri traumatizzano ulteriormente gli operatori sanitari. Finché gli infermieri saranno trattati come se fossero usa e getta, finché continueranno i vecchi sistemi di potere e la gestione mediante l'intimidazione, continueremo a fallire. Se vogliamo salvare il nostro sistema sanitario, dobbiamo prima salvare noi stessi. Ci siamo ammalati molto prima di ammalarci.