Oggi ho picchiato il mio bambino

Genitorialità
Non si sente al sicuro a casa sua

Scary Mommy e SolStock/Getty

NFT

Ho picchiato mio figlio oggi.

Il motivo è discutibile. Inutile. irrilevante. Non ci sono scuse per il mio comportamento. Mi sono scatenato senza pensare né respirare. Ma le ripercussioni furono istantanee. Sono scoppiato in lacrime, come lui. L'acqua colava dai suoi occhietti, lasciando scie umide lungo il naso e guance arrossate. Ansavo e singhiozzavo. Non c'era freddo. Sono crollato sul pavimento a causa delle mie azioni: mi odiavo in quel momento.



Sono passate ore e non mi sono ripreso. Dubito che lo farò mai. Perché so cosa ha provato. Conosco il disgusto, il tradimento, la tristezza e la paura, perché l'ho sentito anch'io. Sono cresciuto in una casa abusiva. Ho sposato un uomo violento. E mio figlio merita di meglio. So (e dovrei essere) meglio. Ma non lo ero. Non adesso. Non oggi. Perché oggi ho picchiato mio figlio.

NFT

Oggi ho picchiato mio figlio.

Ironia della sorte, mio ​​figlio mi ha chiamato dopo la trasgressione. Mamma, ha urlato. Mammina! perché (normalmente) sono io a calmarlo. Lo prendo in braccio, tenendolo stretto. Gli asciugo le caccole dal naso e le lacrime dai suoi occhi, e ci coccoliamo finché il suo cuore non rallenta. Finché non sta bene. Ma oggi? Perché mi vuole ancora oggi? io non mi vuoi. Non mi sopporto. Perché oggi è così diverso da chi io Generalmente sono, da chi voglio essere.

chi sposerò la lettura della mano

Vedi, di solito sono il genitore calmo e tranquillo. non urlo. Credo nell'affrontare le questioni con fermezza ma compassione. Uso le mie parole, spiegando cose come sentimenti e conseguenze. Dico a mio figlio cosa ha sbagliato e perché. Viviamo nelle mani di noi stessi. Non ho tolleranza per i morsi, i colpi, i calci, le spinte, gli schiaffi o le spinte, ma affronto queste azioni con delicatezza e fermezza. E faccio del mio meglio per prendermi cura dei miei figli in modo sicuro e educato. Voglio che si sentano al sicuro e protetti. Amato e va bene. Ma oggi, tutto questo è cambiato.

Oggi sono cambiato.

Vedo mia madre nei suoi occhi. Il mio riflesso si è trasformato. Sono una donna distrutta, il prodotto di anni di tormenti. Di maltrattamenti fisici ed emotivi. Sono una donna triste - una che non ha autostima e poca autostima - e sono una donna arrabbiata, una che colpisce i suoi figli per essere... bambini. Una volta sono stato picchiato (con una cintura) per aver rotto una cesta. Mio padre mi picchiava la mano ogni volta che si rovesciavano dei drink. E posso vedere quella ragazza anche negli occhi di mio figlio. Il suo fragile corpo trema. Si scuote, si rannicchia e piange... proprio come mio figlio.

Come il mio bambino spaventato.

Combatto la mia delusione e lo raccolgo come vuole, secondo la sua richiesta. Vedo il segno rosso sulla sua mano e tremo. Proprio come lei. Sei proprio come lei. Ma - mi fermo - non devi esserlo. Possiamo essere migliori.

Per lui.

quando tuo marito preferisce gli amici a te

Per me.

Per noi.

Dolcezza? squittisco. Mi dispiace di averti colpito. La mamma non avrebbe dovuto farlo. La mamma aveva torto.

quando inizia la fatica durante la gravidanza?

Mi guarda, con gli occhi spalancati e pieno di meraviglia, come solo un bambino di due anni può fare. E poi, senza una parola, seppellisce la sua faccia nel mio petto. Rimaniamo seduti, immobili e in silenzio, per diversi momenti. Per diversi minuti. Non posso dirti quanto tempo è passato. E poi, in un istante, la nostra coccola è finita. Si divincola dalle mie braccia e corre verso i suoi camion.

Mamma, dice. Mamma gioca? E lo facciamo. Per quasi un'ora, lo facciamo. Perché oggi sto cambiando me stesso e la mia storia.

Oggi sto salvando mio figlio. E me stesso.

Questo rende oggi migliore? La lezione vale il costo? No. Da allora mi sono scusato con mio figlio una dozzina di volte. Ho spiegato quanto mi sbagliavo. Com'era inaccettabile il mio comportamento. Non c'è giustificazione a parte la rabbia. Ma è bello sapere che mio figlio mi ama ancora. È bello sapere che non sono il mostro che temo così profondamente. Mia madre ed io siamo persone diverse. Posso interrompere il ciclo, se ci lavoro.

È bello sapere che è salvabile. Non ho rovinato mio figlio.

Ma mi sono rovinato abbastanza. Mi sono abbastanza deluso, e mentre il segno rosso è già svanito dalla sua mano, non è altro che un lontano ricordo, un segno fatto in un momento di rabbia; una ferita subita in un secondo di rabbia - non lo dimenticherò mai, né il suo viso, perché non me lo lascerò fare. io non posso lasciami, e non voglio. Ricordare mi mantiene sincero. Mi rende responsabile e, ricordando, posso cambiare. Perché oggi ho picchiato mio figlio.

Oggi ho picchiato mio figlio.

Ma oggi ho deciso di cambiare. E giuro, con ogni fibra del mio essere, che non accadrà mai più.