Mi sono reso conto che non potevamo farlo da soli: come abbiamo aiutato nostro figlio con le sue lotte per la salute mentale

Bambini
Madre afroamericana che consola la sua ragazza triste a casa.

Skynesher/Getty

Crescendo, mi è sempre stato ricordato che qualunque cosa accadesse nella nostra famiglia, rimaneva nella nostra famiglia. Ho imparato che le conversazioni sulle emozioni o le lotte familiari erano confinate alle pareti della nostra casa, appese nello spazio del nostro soggiorno o della nostra sala da pranzo come un costoso ritratto. La nostra strada per risolvere un conflitto era un affare di famiglia; sicuramente le risposte potrebbero essere trovate all'interno della nostra famiglia, giusto?

Per questo motivo, ho lottato per anni nel chiedere aiuto, pensando di poter gestire da solo qualsiasi situazione si presentasse. Di sicuro sono migliorato e posso dire che parte del mio percorso di miglioramento può essere attribuita all'apprendimento che tutti abbiamo bisogno di qualcuno con cui parlare, preferibilmente un terapeuta - una parte neutrale - che ci aiuti.



Oggi, come genitore con un figlio con bisogni speciali, sono particolarmente consapevole dell'importanza di avere una comunità che sostenga non solo mio figlio, ma anche noi genitori.

Mi ci è voluto un po' per arrivare a questo punto, però, ed eil percorso di salute mentale di ognuno è diverso. Dopo la diagnosi di mio figlio all'età di otto anni, ho imparato rapidamente che il mio viaggio e la comprensione di come la mia famiglia avrebbe affrontato questo problema erano diversi da quelli di mia moglie. stavo negando. Volevo prendermi cura di questa lotta, di questa nostra nuova realtà all'interno della nostra famiglia, come sono stato cresciuto per fare. Sicuramente, l'amore che avevamo per lui ci avrebbe portato avanti, giusto? Avevo imparato tutta la mia infanzia che qualsiasi sfida fosse arrivata alla nostra famiglia, l'avremmo superata insieme.

Ma in poco tempo ho appreso che la diagnosi di ansia di mio figlio, ADHD e Asperger (ora ASD) non era qualcosa che potevo gestire da solo. Avevo un ruolo da svolgere come metà della sua unità genitoriale e mi sentivo come se stessi fallendo. Non sapevo, almeno non subito, dove rientrare in questa nostra nuova normalità. Avevamo desiderato risposte per otto anni e ora che le avevo, forti e chiare, cosa dovevo fare?

Come io e mia moglie, Kelli Richardson Lawson e suo marito Keith hanno lottato, come spesso fanno i genitori con bisogni speciali, per trovare l'aiuto e il sostegno per il loro figlio, per essere lì l'uno per l'altro e per venire a patti con quello che stava succedendo nella loro famiglia. Al loro figlio, allora quindicenne, è stata diagnosticata depressione e ansia nel 2018. Poco dopo la sua diagnosi, Kelli ha fondato Il progetto SonRise — uno spazio sicuro per i genitori di bambini che stanno lottando con il benessere mentale.

Secondo il CDC , al 7,1% o 4,4 milioni di bambini di età compresa tra 3 e 17 anni viene diagnosticato un disturbo d'ansia. Per i bambini con depressione, a 1,9 milioni di bambini nella stessa fascia di età viene diagnosticato ogni anno il disturbo. Per i bambini con ADHD, i numeri sono ancora più alti. Negli Stati Uniti, a 6,1 milioni di bambini di età compresa tra 2 e 17 anni viene diagnosticato un disturbo da deficit di attenzione e iperattività.

Nick David/Getty

Come fai a sapere se tuo figlio ha un disturbo di salute mentale? Ascoltali, osservali e credi al tuo istinto di genitore. Ecco alcune cose da cercare in termini di sintomi, che sono elencati La pagina delle risorse del progetto SonRise :

  • Preoccupazioni o paure eccessive
  • Sentirsi eccessivamente tristi o depressi
  • Pensiero confuso o problemi di concentrazione e apprendimento
  • Cambiamenti di umore estremi, inclusi sballi incontrollabili o sentimenti di euforia
  • Sentimenti prolungati o forti di irritabilità o rabbia
  • Evitare gli amici e le attività sociali
  • Difficoltà a capire o relazionarsi con altre persone
  • Cambiamenti nelle abitudini del sonno o sensazione di stanchezza e poca energia
  • Cambiamenti nelle abitudini alimentari come aumento della fame o mancanza di appetito
  • Cambiamenti nel desiderio sessuale
  • Difficoltà a percepire la realtà (deliri o allucinazioni, in cui una persona sperimenta e percepisce cose che non esistono nella realtà oggettiva)
  • Incapacità di percepire i cambiamenti nei propri sentimenti, comportamenti o personalità (mancanza di insight o anosognosia)
  • Uso eccessivo di sostanze come alcol o droghe
  • Disturbi fisici multipli senza cause evidenti (come mal di testa, mal di stomaco, vaghi e persistenti dolori e dolori)
  • Pensando al suicidio
  • Incapacità di svolgere le attività quotidiane o di gestire i problemi e lo stress quotidiani
  • Un'intensa paura dell'aumento di peso o preoccupazione per l'aspetto

Ci sono voluti molti colloqui a tarda notte tra me e mia moglie per farmi accettare le diagnosi di nostro figlio. Ci sono volute discussioni, lettura di libri e dati per iniziare anche a capire come aiutare mio figlio. Soprattutto, ci voleva una comunità fuori casa mia; ci sono voluti i medici, le storie e i consigli delle persone che erano state lì per me per capire che tipo di strada avrebbe dovuto percorrere la mia famiglia per aiutare nostro figlio.

Anche per Kelli Richardson Lawson e la sua famiglia hanno dovuto capire tutto. Come noi, sembravano essere stati spinti a lavorare sui problemi di salute mentale del figlio come famiglia e hanno percorso strade diverse finché non hanno capito di cosa avevano bisogno per loro come genitori e per loro figlio. I loro il viaggio è quello in cui mi identifico .

Come i Lawson, ci siamo resi conto che non avremmo potuto farcela da soli e nemmeno nostro figlio. Il progetto SonRise fornisce ai genitori risorse e supporto per aiutare i viaggi di salute mentale dei loro figli. C'è la Il podcast di SonRise Project, che dà il potere di ascoltare come genitore di un bambino con problemi di salute mentale. E poi c'è il loro sito web, che è pieno pieno di risorse che vanno da come identificare i problemi di salute mentale alla gestione della dipendenza.

Ai genitori non viene spesso ricordato che non siamo soli, che ci sono altri là fuori, proprio come noi, che cercano di capirlo. Per i genitori con bambini che hanno problemi di salute mentale, certo, ci sono gruppi su Facebook, ma ci sono anche intere comunità di persone lì per aiutare, dai campi per bisogni speciali ai terapeuti ad altri genitori disposti a condividere il viaggio di salute mentale della loro famiglia.

Quello che dobbiamo fare è continuare a parlare, ad alta voce e in compagnia di altri genitori. Non è più un argomento tabù e possiamo sostenerci a vicenda solo se siamo tutti aperti e onesti riguardo alle sfide che affrontiamo come genitori e a quelle che i nostri figli devono affrontare. Possiamo (e dovremmo!) aiutarci a vicenda, ed è proprio ciò che Kelli e la sua famiglia stanno facendo per tanti altri. Non siamo soli, e nemmeno i nostri figli.