Sono un genitore solo, non un genitore single

Genitorialità Single E Matrigna
solo-genitorialità-1

Mamma spaventosa e Maskot/Getty

Ogni anno la scuola elementare dei miei figli organizza un concerto invernale. Ogni grado esegue tre o quattro canzoni, a volte con pochi passi di danza, a volte con pochi strumenti. È sempre carino e sempre pieno di genitori tra il pubblico che condividono sguardi significativi, pieni di orgoglio o risate o orrore.

C'era una volta, ho partecipato a quel concerto con mio marito e abbiamo condiviso sguardi significativi. C'era una volta, ho partecipato da solo e ho mandato foto e video a mio marito mentre era via per un viaggio d'affari. C'era una volta, ho partecipato da solo.



Ricordo quel primo anno che frequentavo da solo. Mio marito era morto poche settimane prima e tutto era doloroso. Svegliarsi, respirare, sorridere, esistere: era tutto doloroso. Ma entrare in quella palestra trasformata in auditorium circondato da altri genitori è stato straziante. Per un milione di ragioni, e in particolare perché era la prima volta che entravo in una stanza, mi guardavo intorno e mi rendevo conto che nessun altro in questa stanza ama mio figlio come lo amo io. Nessun altro si gonfierà di orgoglio come fa un genitore quando gli scrivo un video. Nessun altro riderà della stranezza che solo un genitore potrebbe conoscere. Nessun altro tornerà a casa e parlerà con mia figlia di quanto è stata brava.

Quel concerto è stata la prima volta che ho realizzato quanto fossi molto, molto solo in questo viaggio genitoriale. Che non c'era nessun co-genitore con cui celebrare mia figlia, con cui scambiare fotografie e video. Ero solo io. Perché ero un genitore solitario.

In genere non sono un pignolo sulla maggior parte delle cose. Se un cliente con cui sto lavorando pronuncia male il mio nome o mi chiama con il nome sbagliato (sempre Eileen, non capisco), probabilmente non li correggerò. Di solito non sono uno che richiede un linguaggio preciso e non lascio che la maggior parte delle cose mi arrivi. Eppure, essere chiamato genitore single è stato come cercare di adattarsi a un maglione di lana troppo piccolo e troppo ruvido, in un modo in cui essere chiamato con il nome sbagliato non lo fa. Sembrava di essere guardati e trascurati. Sembrava di essere visti, pur rimanendo completamente invisibile.

È stato solo quando ho sentito, probabilmente da un'altra vedova, il termine genitore solo, che mi sono reso conto di non essere un genitore single e che c'era un nome per il tipo di genitorialità in cui ero impegnato, che è diverso dal genitore single in sottile ma modi importanti. E non è rilevante solo per vedove e vedovi, ma per qualsiasi genitore il cui partner è completamente fuori dai giochi per qualsiasi motivo.

Madre che abbraccia la ragazza con sindrome di down mentre è seduta al tavolo da pranzo a casa

Maskot/Getty

Essere genitori soli significa più che non ho giorni per me mentre i bambini sono con il loro papà. Significa che tutto il peso mentale, emotivo e finanziario dell'educazione dei figli è solo sulle mie spalle. Significa che quando ci sono due strade incerte davanti a me, non ho un co-genitore con cui discutere e aiutare a decidere quale strada seguire. Significa che non c'è nessuno con cui condividere la colpa quando le cose vanno male, o per celebrare le vittorie quando le cose vanno bene.

Significa che sono l'unica persona che si frappone tra me e i miei figli e qualunque tempesta minacci di colpirci. Significa che in un dato momento sono assolutamente consapevole del fatto che se mi faccio male o mi ammalo, saranno lasciati completamente soli.

Significa che devo dare loro il doppio, anche se mi sento capace la metà. Significa che mi prendono solo quando avrebbero dovuto prenderci.

Per essere chiari, non credo e non sto dicendo che essere genitori soli sia più difficile di un genitore single. Quando si tratta della relazione tra coppie divorziate o separate o qualsiasi altra dinamica intercorsa, posso immaginare scenari in cui i due genitori lottano per trovare un terreno comune e anche le decisioni più semplici diventano lunghe battaglie. In quella situazione, si potrebbe guardare a me, che non deve consultare nessun altro, che non ha un partner vendicativo e odioso con cui confrontarsi, come se avessi la situazione più facile.

Ma non scrivo per vincere un concorso che sta soffrendo di più. Sto scrivendo perché essere genitori soli non è essere genitori single, e c'è così tanto valore nell'essere visti, nell'aver convalidato le proprie lotte particolari. Sto scrivendo perché una volta mi definivo un genitore single, e il titolo semplicemente non andava bene, e quando ho trovato un titolo che si adattava meglio, era un po' più facile respirare, e mi sentivo un po' meno solo nella mia esperienza, un po' meno solo. E posso solo sperare che condividere la distinzione tra genitorialità da solista e single con qualcuno che legge farà anche sentire la sua singolare esperienza un po' meno sola.

Spero possa essere d'aiuto.