celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Sono triste che il mio primo bambino sia nato prima degli smartphone

Bambini
Genitore che scatta foto di un bambino con lo smartphone

Mamma spaventosa e SanyaSM/Getty

Se hai avuto un bambino di recente, probabilmente hai scattato centinaia, se non migliaia di foto. Dal momento in cui quel bambino è entrato nel mondo, la sua vita è stata faticosamente documentata e condivisa. Tutto quello che dovevi fare era prendere il tuo telefono e il momento è stato catturato per sempre. Sia tramite SMS, e-mail o social media, sei stato in grado di mostrare facilmente al mondo il tuo bellissimo bambino. È una tale benedizione.

La mia più piccola ha cinque anni e ho una sua foto di quasi tutti i giorni della sua vita. Durante la mia degenza in ospedale con lei, ho scattato 266 foto. Quelli erano solo i miei scatti, non mio marito, i suoi nonni o qualsiasi altro visitatore venuto a conoscerla. Ho più foto di lei dei primi giorni della sua vita di quante ne abbia per i primi mesi del fratello maggiore. Questo mi rende un po' triste. Ma di certo non era intenzionale. È solo la vittima delle circostanze.

Il mio maggiore ha 13 anni, otto anni più del bambino, con altri due fratelli in mezzo. È nato nel 2008, molto prima che i telefoni e i social media dominassero le nostre vite. Mio marito ha portato la sua macchina fotografica gigante in ospedale per catturare ricordi speciali del nostro primogenito. Abbiamo fatto qualche foto qua e là. Sono i nostri ricordi preziosi. Non mi è mai venuto in mente di fargli centinaia di foto. Semplicemente non l'hai fatto allora. E allora non era davvero molto tempo fa, ma è una vita in termini di come raccontiamo le nostre attività quotidiane. Non ho scattato dozzine dello stesso scatto cercando la perfezione. Ho passato il tempo a guardarlo negli occhi e ad inalare il suo profumo fresco.

Ricordo di aver scattato la maggior parte delle foto che ho di lui da bambino. Mio marito mi ha regalato una nuova fotocamera Kodak Easy Share rossa lucida come regalo. Fu un grosso affare. All'epoca non avevamo molti soldi ed ero così grato di avere la mia macchina fotografica per documentare la sua vita. Per me è stato fantastico poter scattare la sua foto e poi scaricarla sul mio computer. Se mi sentissi particolarmente orgoglioso, lo pubblicherei su Facebook. Il nostro mondo digitale era più semplice allora. Ma guardando indietro, vorrei che fosse stato più avanzato.

oli essenziali per le verruche

È vero, è stata una benedizione non essere rimasti impantanati dalle richieste dei social media. Non stavo gareggiando per i Mi piace o cercando di impressionare nessuno, ma non stavo nemmeno mettendo la sua vita in un film proverbiale. Non ho clip di 20 secondi di lui che fa alcuni passi. Quando ha detto una parola in modo divertente, non gliel'ho fatta ripetere dopo aver raggiunto il record. Devo fare affidamento sul mio cervello per quei ricordi. Certo, c'è qualcosa da dire sull'essere presente, ma non mi fa desiderare di avere più dei suoi primi ricordi su cui guardare di meno.

Dato che ho avuto più figli, la tecnologia migliore è diventata. Ho ricevuto il mio primo iPhone poco prima della nascita del mio secondo figlio nel 2010. Anche allora, non stavo facendo le foto e i video che faccio oggi. Ma c'è molto di più della sua prima vita nel caveau che in quella di suo fratello. I suoi primi morsi di cibo sono stati registrati, così come i video di lui che ridacchiava come un piccolo elfo grassoccio. Lo faccio cantare insieme a Call Me Maybe, alle due.

fizkes/Getty

Sono stato in grado di scattare così tante altre foto di lui e le adoro, ma non è ancora così tanto rispetto agli altri miei figli più piccoli. Fortunatamente, ci sono molte foto di lui da bambino con suo fratello maggiore al seguito. Erano i migliori amici e ho catturato così tanti di quei momenti e lo adoro. Ma non cambia il fatto che la vita di mio figlio maggiore abbia cominciato a essere veramente documentata a tre anni, sento che mi è mancato così tanto.

Il bambino numero tre ha un video dall'ospedale. Classe 2013, ha debuttato su Facebook a poche ore dalla nascita. È stato quando è arrivato che ho iniziato a scattare foto e video dei miei figli quasi ogni giorno. Scrivevo sul blog, scrivevo e pubblicavo su Facebook e Instagram più volte al giorno. Ma lo erano anche tutti gli altri. Non ero un fenomeno; era uno stile di vita. E lo è ancora.

nomi di ragazzi forti

I miei figli sono apparsi quotidianamente sul mio feed dei social media per più di otto anni, e le cose sono esplose positivamente nel 2016. Avere una femmina dopo tre maschi è stato un grande cambiamento. Il suo sesso, come quello dei suoi fratelli, è stato un segreto per tutti noi fino alla nascita. Per tutta la mia gravidanza, le persone hanno scommesso su chi sarebbe stata. Quando ho annunciato la sua nascita, il post ha ottenuto quasi 500 Mi piace. Era un numero importante per me. E mentre cresceva, i miei follower volevano vederla. L'ho messa con fiocchi e abiti e tutto ciò che puoi immaginare da ragazza. Il mio feed è stato inondato di foto di questa piccola bambina e dei suoi tre cari fratelli. È diventato uno stile di vita e non si è fermato.

Quando i miei figli saranno più grandi, spero che capiranno che la quantità sproporzionata di filmati che ho della loro infanzia non è dovuta alla mancanza di amore o interesse, ma a causa della tecnologia arcaica. Non amo meno il mio figlio maggiore perché ho meno foto e video dei suoi anni da bambino e da bambino. In effetti, probabilmente sono molto più vicino a lui perché si trattava di condividere momenti tra noi due e non il mondo intero.

Se la tecnologia fosse un po' più avanzata nel 2008, ci sarebbero così tanti altri momenti registrati dall'infanzia di mio figlio maggiore. Se i social media fossero stati così molto più diffusi, avrei catturato di più. Non so se sia una benedizione o una maledizione. Sono triste di non avere tante foto e video di lui? Assolutamente! Ma mi dispiace di non aver desiderato ardentemente la convalida che ho ricevuto dai social media mentre arrivavano gli altri miei figli? Neanche un po. I suoi primi anni furono i più puri di tutti i miei figli. Certo, mi ha fatto diventare una mamma e c'è della vera magia in questo, ma è molto di più. Non ero consumato dal prendere la sua foto e condividerlo con il mondo. Le mie foto erano per me e la mia famiglia. Sento che questo li rende molto più speciali.

Non rimprovero gli smartphone e i social media per quello che sono diventati. Se non fosse per questi cambiamenti, non avrei il lavoro che amo. Quindi per i social media, sono grato. Ma non posso fare a meno di essere malinconico mentre guardo indietro ai miei ricordi e vedo che i miei ragazzi più grandi semplicemente non hanno la presenza dei loro fratelli più piccoli. Non posso cambiare il passato o la tecnologia; Devo essere grato per quello che ho e fare affidamento sulla mia memoria. Musica, profumi e suoni possono facilmente riportarmi ai miei tempi di giovane mamma a metà degli anni 2000. Amerò per sempre quei giorni e quei ricordi: potrei non essere in grado di richiamarli sul mio telefono, ma vivono per sempre nel mio cuore.

Condividi Con I Tuoi Amici: