Sono la mamma il cui bambino potrebbe non essere mai addestrato al vasino

Bambini In Età Prescolare
Guai con il vasino con un bambino di 4 anni

porah / iStock

NFT

Mio figlio Tate presto compirà 5 anni. È brillante, gentile, divertente e bello. Piace a tutti e mi tiene costantemente sulle spine con buffonate maliziose (inondando un bagno al piano di sopra tre settimane prima di Natale, per esempio). Ma Tate è meravigliosa e sorprendente.

E non è completamente addestrato al vasino.



Prima che voi tutti sussultiate e vi domandiate perché diavolo avrei permesso a Tate di vivere la sua vita avendo ogni giorno (sì, quotidiano) incidenti con il vasino in pubblico, a casa, nella mia macchina e nei parchi giochi e nei luoghi di feste di compleanno negli Stati Uniti sudorientali, lascia che ti rallegri. non l'ho fatto permesso questo per andare avanti, ma lo fa ancora.

NFT
come ha fatto il pollo ad attraversare la strada scherzi

Mi sento un tale fallimento. Negli ultimi tre anni, ho provato di tutto . Ho usato ogni tangente che mi viene in mente. L'ho punito. Ho creato grafici vasino basati sulla ricompensa. Ho impostato il timer sul mio iPhone migliaia di volte. Abbiamo lasciato i luoghi pubblici quando l'anello bagnato rivelatore appare sui suoi pantaloni. L'ho lasciato continuare a giocare, anche con i pantaloni bagnati, chiedendomi se altri ragazzini gli chiedessero se potesse essere o meno in imbarazzo. Non l'ha fatto.

Gli ho anche concesso un po' di grazia. Penso che Tate sia stato portato di corsa al vasino all'asilo quando ha compiuto 2 anni e non era ancora pronto. Poi abbiamo avuto un nuovo bambino, ci siamo trasferiti in uno stato completamente nuovo e abbiamo iniziato una nuova vita. Il povero Tate, nientemeno che il figlio di mezzo, ha avuto un paio d'anni difficili. Quindi, ho continuato a dargli delle pause, a creare schemi vasino e a fare del mio meglio per non dare di matto, perdere la calma o piangere quando buttavo via l'ennesimo paio di mutande dei Paw Patrol piene di pipì e/o cacca nel locale Chick-fil. -Un bagno. (L'ho fatto due settimane fa, tra l'altro.)

Sebbene le mie amiche mamme siano consapevoli di questo problema (e fortunatamente comprensive e non giudicanti), non sono sfuggito al giudizio di mamme che non so che mi hanno trovato nel parco giochi per farmi sapere che mio figlio di 4 anni si è pisciato addosso e sta sconvolgendo i loro fiocchi di neve che sono stati addestrati al vasino a 18 mesi e da allora non hanno mai avuto incidenti. Mi piacerebbe davvero dare un pugno alla gola a queste mamme che insinuano maliziosamente che, se non fossi così pigro o all'oscuro, mio ​​figlio lo avrebbe capito ormai.

Tra pochi mesi iscriverò Tate all'asilo. È così difficile per me credere che il mio bambino, questo fantastico bambino che amo così ferocemente, porterà il suo vassoio nella caffetteria della scuola, imparerà a leggere, fare matematica e scrivere il suo nome e cognome in modo leggibile il prossimo autunno.

E ho così tanta paura che il suo problema con il vasino lo segua lì.

I bambini possono essere così cattivi. So che alla fine Tate verrà preso in giro per qualcosa - i suoi vestiti, i suoi capelli, il suo amore per gli squali - o senza una ragione apparente. Spero che il vasino, qualcosa di così risolvibile, non sia il soprannome che lo segue alle scuole medie o il modo in cui un bambino lo prende in giro davanti a una ragazza che gli piace un giorno. Questo , possiamo sistemare.

Di recente (finalmente, come ultima risorsa) ho portato Tate dal pediatra per il problema del vasino, e lei gli ha diagnosticato stitichezza, che, ha spiegato, potrebbe attenuare la sensazione per il suo corpo dicendogli che doveva andare fino a quando non era troppo tardi . A questo punto, sono felice di avere una spiegazione (e qualche bevanda lassativa quotidiana per lui), ma soprattutto, so solo che ci vorrà tempo e devo essere paziente.

Tate non andrà al college con un pull-up di Huggies. Spero che non avrà incidenti quando entrerà alle elementari, ma è un ponte che attraverseremo se sarà necessario. Non è il primo bambino con questo problema e non sarà l'ultimo.

Questa è una cosa difficile da spiegare alle persone. È frustrante e imbarazzante, e spesso mi trasforma in un feroce difensore di mio figlio e anche nella persona che più irrita. Mi sono sentita la mamma peggiore, la mamma più a posto, la mamma più orgogliosa, la mamma più imbarazzata, la mamma più leale, la mamma meno leale, ma alla fine della giornata? Amo mio figlio e cercherò sempre di fare ciò che è meglio per lui. Finché lo sa, staremo bene.