Sono uno studente delle superiori e mi dispiace essere un valedictorian della scuola media

Interpolazioni
Il rimpianto-essere-una-scuola-media-valedictorian

Per gentile concessione di Jada Polard



Scuola media: nota anche come il terribile punto in cui insicurezze, drammi, ormoni e bambini puzzolenti sono costretti all'interno di un edificio scolastico. Quando ero in prima media, pensavo che la mia scuola media fosse un inferno. Il cibo era spazzatura e c'erano sempre del sangue? tamponi sui pavimenti del bagno. Tuttavia, ora che sono al liceo, mi rendo conto che la sesta e la terza media è stata in realtà la vetta meno stressante della mia vita.

Attualmente ho 16 anni e frequento il liceo. Con la mia camera da letto ora considerata più un'aula elementare che un luogo di riposo, ho trascorso la maggior parte di quest'anno a casa. Anche se a volte è stato noioso, sono riuscito a raggiungere i miei amici delle scuole medie tramite Instagram. Le nostre conversazioni consistono principalmente in dibattiti casuali come se il succo d'arancia o il succo di mela sia una bevanda migliore (il succo d'arancia è totalmente migliore, secondo me), ma parlare con loro mi costringe a riconoscere la mia ignoranza durante gli anni in cui siamo stati insieme nella vita reale .





Quando ero in prima media, mio ​​fratello andava al liceo come matricola. Ma non stava andando al liceo medio; la scuola che stava per classificare meglio di ogni scuola nel nostro stato. Per essere accettato, doveva presentare i voti della scuola media, i punteggi dei test e doveva essere intervistato da un insegnante. Circa mille ragazzi fanno domanda ogni anno e solo un centinaio vengono accettati. Volevo essere accettato nella stessa scuola, ma per le ragioni sbagliate. Volevo disperatamente impressionare i miei genitori, i miei coetanei e i miei amici.

Dal sesto all'ottavo grado, ho mantenuto il GPA più alto della mia classe. Tuttavia, credo che essere uno studente ben educato e avere ottimi collegamenti con lo staff abbia contribuito alla mia retta via. Ho ricevuto il premio atleta dal mio insegnante di educazione fisica, un premio che veniva assegnato a un solo studente della scuola ogni anno e non ero nemmeno un'atleta.

Per gentile concessione di Jada Polard

Col tempo, i voti mi hanno reso snob. Nelle pagelle c'era un rapporto che confronta i tuoi voti con quelli degli altri studenti. A volte i miei voti passavano dai migliori punteggi ai secondi migliori, ma alla fine sono diventato il valedictorian. Mi ha fatto sentire superiore e mi è servito terribilmente quando sono stato accettato al liceo dei miei sogni.

Per tutta la mia vita, sono stato elogiato per la mia intelligenza e creatività. Pensavo di essere eccezionale in ogni categoria di accademici e artistici. Ma la mia prima lezione al liceo è stata di un insegnante di ingegneria schietto che ha detto candidamente che non siamo più speciali. Tutti nella stanza avevano voti impeccabili delle scuole medie, avevano una grande reputazione, quindi nessuno era speciale perché eravamo tutti uguali.

Non preferirei essere chiamato stupido o incapace, ma vorrei che qualcuno mi dicesse che non ero così intelligente nei miei anni snob delle scuole medie. Ho esagerato così tanto su ciò che effettivamente sapevo, che non mi rendevo conto di quanto fossi non l'ho fatto conoscere.



Vorrei anche che qualcuno mi avesse detto di fare le cose che mi piacevano davvero. Mi rattrista che la mia vita di scuola media sia stata spesa per fare attività che ho fatto solo a causa di una pressione inutile che ho messo su me stesso per mantenere uno stereotipo intelligente. Ad esempio, facevo parte del team di robotica LEGO, ma non capivo nulla della costruzione con i LEGO o del codice che ne derivava.

Anche se ora è irrilevante, vorrei un po' avere un ricordo divertente a cui guardare dalle scuole medie.

Ho commesso l'errore di basare la mia dignità sui voti. Quindi, quando ho iniziato a prendere C e B basse al liceo, ho perso molto della mia autostima interiore.

Non fraintendermi! Sono grato per le opportunità che mi sono state date. Mi sono adattato all'atmosfera del mio liceo e ora la vita sta andando nella giusta direzione.

I voti alti sono fantastici ed essere un valedictorian è fantastico! Ma non posso fare a meno di rimpiangere il modo in cui la mia attenzione per la scuola ha posto una barriera tra amicizie e felicità. Diventare un valedictorian si ottiene spesso con il sacrificio, e in parte mi sento come se mi fossi sacrificato troppo per qualcosa che, in futuro, non avrà molta importanza.