Amo i miei figli, ma alcuni giorni voglio scappare

Stile Di Vita
GettyImages-511590804

Fcscafeine/Getty

L'altra mattina, mentre lasciavo la scuola dei miei figli, ho ascoltato altre due mamme parlare di quanto fossero sempre occupate. Uno ha menzionato come ha continuato ad aspettare che le cose si sistemassero e come sperasse che questa settimana sarebbe stata migliore della precedente. L'altra donna era d'accordo e si lamentava di come fosse sempre una cosa dopo l'altra. Annuii in silenzio alle loro spalle.

La mattinata era stata uno spettacolo di merda dopo l'altro. Nessuno voleva alzarsi, vestirsi o fare colazione. Tutti e tre a un certo punto avevano pianto. Gli avevo urlato contro, gli avevo fatto precipitare e minacciato di buttare via i loro giocattoli. E quando mio figlio ha detto che non poteva indossare la giacca invernale perché l'aveva persa, ho pensato Ho finito. Non voglio essere un genitore.



Ho avuto questo pensiero molto ultimamente. Sento un misto di senso di colpa e sollievo ad ammetterlo. Sì, essere genitori è difficile e ho tutto il diritto di lamentarmi, chiedere aiuto e prendermi del tempo per me stessa. Ma sto attraversando un limite quando sogno di scappare di casa? A volte sembra più di una fantasia. Ho messo quella merda su una lavagna. Faccio una lista mentale delle cose che metterei in valigia. Elenco i luoghi che voglio esplorare, gli strumenti che voglio imparare a suonare e le nuove persone che voglio incontrare solo per ascoltare le loro storie. Quando sono sopraffatto, lascio che la mia voglia di viaggiare prenda il sopravvento. È una fuga, non un piano eseguibile.

Non lascerei mai i miei figli. Ma la genitorialità sta consumando tutto. È un peso che aggiunge pressione alle nostre menti e anime già stressate.

Le relazioni si sentono tese o perse perché ci sono momenti in cui è così dannatamente difficile trovare il tempo per connettersi o evocare la pazienza per evitare parole taglienti e risentimento. I nostri obiettivi personali e professionali dipendono dal numero di giorni in cui ci prendiamo cura dei bambini malati, durante le vacanze scolastiche o alla guida da e verso gli studi. I soldi sono pochi, il matrimonio è difficile, la casa è un fottuto disastro e la cura di sé sembra una battuta d'arresto.

E se sei come me e presti attenzione allo stato della nostra nazione, stai assistendo e sentendo le fiamme dell'incendio del cassonetto che sono i nostri Stati Uniti. L'omo e la transfobia, le sparatorie di massa, il razzismo, la xenofobia e la misoginia sono stati lasciapassare sotto questa amministrazione. Sembra tutto troppo.

Quindi, quando i miei figli, che hanno 7 e 5 anni, utilizzano il diritto appropriato alla loro età per essere esigenti sia fisicamente che emotivamente, di solito allo stesso tempo e di solito insieme a un fratello, desidero più di una pausa; Desidero liberarmi. Qualcuno ha sempre bisogno di qualcosa: aiuto, risposte, cibo, attenzioni e conforto. Non c'è niente di sbagliato nel bisogno di queste cose. Ma quando tre piccole persone chiedono queste cose tutto il giorno, mi chiedo quando mio esigenze saranno soddisfatte.

E per favore non dirmi che devo trovare un equilibrio. L'equilibrio è una stronzata.

Non bilanciamo la pesantezza della vita, la destreggiamo al meglio. Gettiamo in aria almeno un pezzo di noi stessi, se non di più. Dobbiamo letteralmente e figurativamente rinunciare a una parte vitale di noi stessi, ed è inquietante perché a volte non sappiamo quando quel pezzo di noi stessi tornerà giù o se saremo in grado di catturarlo.

Nei giorni davvero difficili, o durante i momenti davvero difficili della genitorialità, mi sento intrappolato . Non voglio più farlo. Oh, amo ancora i miei figli, non che dovrei dirlo. Non ho bisogno di qualificare i miei reclami. Ma la ferocia del mio amore è ciò che alla fine spegne il mio desiderio ardente di fare le valigie e partire.

Ammettere quanto possa essere dura la vita di tutti i giorni quando sei un genitore non sta attraversando una linea. È necessario dire ad alta voce i pensieri oscuri, spaventosi ed egoistici. La giocoleria sposta il peso e ammettere che alcuni giorni sono solo per sopravvivere ci permette di sopravvivere. Quando ci togliamo la pressione di credere che l'essere genitori riguardi solo le benedizioni, diventiamo genitori migliori.

Permettere a noi stessi di sognare ad occhi aperti di scappare di casa ci tiene saldamente ancorati al caos della genitorialità.