Ho fatto sesso con 16 persone in un anno - Non ho bisogno del tuo giudizio

Sesso
Donna felice con la testa gettata all

Mamma spaventosa e Giulio Fornasar/Getty

Ho sentito che un tizio l'ha presa a pugni da dietro mentre era china sul bancone della cucina, ha detto Andrew.

Sì, va bene ma...



E ha fatto sesso come ogni ragazzo che lavora all'ostello. È disgustoso.

Eravamo seduti in un cortile pieno di food truck vicino ai bar in rovina di Budapest. Ero nel bel mezzo di un viaggio da solista di un anno in tutto il mondo. Anche Andrew, australiano, ha viaggiato da solo per l'Europa per alcuni mesi.

può un narcisista amare il proprio figlio?

Mentre lo ascoltavo parlare di quest'altra donna, ho pensato a tutti gli uomini con cui avevo dormito durante il mio viaggio fino a quel momento. Erano passati tre mesi e ne potevo contare sette compreso lui...

A Malta c'era la dolcissima bionda argentina nelle docce dell'ostello. A Pisa, il romantico operaio edile italiano che amava l'opera. C'era il muscoloso tedesco che ho incontrato sulla spiaggia di San Sebastian. Non potevamo comunicare, ma sapevamo che dovevamo toccarci a vicenda.

Poi a Barcellona c'era il ragazzo belga più anziano: abbiamo fatto sesso al piano di sopra a un rave in un castello. Poi c'era il mio amico svizzero di lunga data, nell'altra stanza dell'appartamento del suo amico a Berlino.

E proprio il giorno prima di incontrare Andrew a Budapest, c'era il sexy studente portoghese di business school. Lo abbiamo fatto nel letto del suo ostello mentre il suo amico dormiva sopra di noi. (Mi ha detto che non gli sarebbe dispiaciuto.)

Ma non dissi niente ad Andrew quel giorno nel cortile. Io invece mmm e ho sgranocchiato il mio hamburger vegetariano.

Avrebbe potuto facilmente essere me.

Mi sono detto, non avrei fatto quello che aveva fatto quella ragazza in ostello. Ed era vero, non l'avrei fatto Esattamente quello che ha fatto: farsi un pugno in mezzo a una cucina. Voglio dire, non sono mai stato preso a pugni in generale, quindi perché dovrei farlo in una cucina?

Ma ripensando a quella conversazione ora, so che dissociarmi da quella donna era arbitrario. Avrebbe potuto facilmente essere me.

Avrei dovuto riaverla. Avrei dovuto difenderla.

Alla fine, stavamo tutti facendo sesso in quell'ostello. Andrew, io, sembrava che tutti in quell'ostello se la prendessero. È proprio quello che succede quando un gruppo di giovani viaggiatori alla moda sta insieme nei dormitori e beve molto alcol.

Quindi chi era qualcuno per giudicarla?

Avrei dovuto dire tutto questo ad Andrew quel giorno. Ma invece, ho ceduto alla mia paura che avrebbe giudicato io in quel momento e io rimasi in silenzio.

Prostock-Studio/Getty

Molti di noi, in particolare quelli della generazione millenaria o più anziani, sono cresciuti con messaggi davvero confusi su ciò che dovremmo pensare del sesso.

Da una parte ci piace il sesso. È bello scopare. Viviamo in una cultura del collegamento.

D'altra parte, crediamo che le persone che ne hanno molto con molte persone diverse siano moralmente carenti. Pensiamo che le persone perverse che fanno cose come pugni a vicenda o sputarsi in bocca a vicenda abbiano qualche vite allentata.

Ne parliamo alle loro spalle. Noi troia-vergogna.

Le donne in particolare sono punite per essere troppo purissime e allo stesso tempo per essersi spinte troppo oltre.

Non dieci anni fa io e i miei amici ci saremmo preoccupati che il nostro numero fosse troppo alto. Che con ogni nuova persona con cui siamo andati a letto, il nostro valore come umani sarebbe diminuito.

C'era anche il film del 2011, Qual'è il tuo numero , che si basava sull'idea fin troppo vicino a casa che una donna che ha dormito con più di 20 uomini, non avrebbe mai trovato un marito. Il che è semplicemente sbagliato per troppe ragioni per entrare qui.

Formulazione dell'invito di compleanno di 5 anni

E ammetto che il sesso non è sempre arcobaleni e pony.

Può essere sciatto, dispiaciuto, sconsiderato. Può finire con la contrazione della clamidia o dell'HIV. Può essere un'offerta di potere, uno status, una possibilità di andare avanti o semplicemente uscire da una situazione imbarazzante. Troppo spesso, è imposto agli altri, consapevolmente o meno.

divertente barzelletta del giorno

Può succedere per uno dei tanti motivi sbagliati.

Ma nella sua essenza, nella sua forma più pura, non è nessuna di queste cose. Quando è fatto in modo consensuale e più sicuro, è sano ed è bello.

E troppo spesso ci dimentichiamo di raccontare questa storia.

Ecco perché sto raccontando quella storia proprio qui. Ho fatto sesso con 16 uomini in un anno all'estero. Ed era dannatamente bello.

Anche se questi incontri furono brevi, pochi giorni al massimo, furono potenti, potenti, privi di finzione.

Stavamo entrambi facendo quello che volevamo in quel momento, completamente indipendenti da ciò che sarebbe potuto accadere in futuro. Perché non c'era futuro.

Ci stavamo solo godendo il piacere che i nostri corpi possono darci. E conoscendoci, sia tra le lenzuola che fuori, ci siamo toccati la vita in modi che nessuno di noi dimenticherà.

Come osa qualcuno giudicarmi per questo? Come osa qualcuno giudicare quella donna nell'ostello?

Il sesso è un dono, un mezzo di fuga, una meditazione, una pratica per uscire dalla propria testa e lasciarsi andare.

Osho dice che tutto ciò che è bello è davvero sesso . Il canto di un uccello, un fiore in un cespuglio, un frutto succoso. Le cose più belle, vivaci e colorate di questo mondo riguardano la riproduzione, alias sesso.

Allora perché il sesso tra umani è così spesso visto come brutto?

Alla fine, noi come società non ci vergogniamo di fare sesso perché è sporco. È sporco perché ce ne vergogniamo.

Quindi smettiamola di vergognarci. Smettiamo di preoccuparci dei nostri numeri. Celebriamo il sesso come merita di essere celebrato. Ho fatto sesso con 16 uomini in un anno girando il mondo ed è stato bellissimo, dannazione. Qual'è il tuo numero?

Questo post è apparso per la prima volta sul sito web dell'autore.