celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Avevo la sensazione che qualcosa non andasse dopo la nascita del mio bambino, e avevo ragione: ho avuto la depressione postpartum

Salute E Benessere
Qualcosa non va

Mezzo punto / Getty

Ho portato a casa il mio fagotto di gioia e dopo un fine settimana, la realtà è arrivata in crash2:36 del mattino di domenicamattina, ho detto a mio marito, non so se posso farlo. Ma quello che volevo veramente dire era, io no volere per farlo.

trucchi mentali verbali da fare agli amici

Nel giugno 2016, poco prima del mio 35esimo compleanno, ho dato alla luce una bambina prematura di cinque settimane che abbiamo chiamato Isabelle. L'accumulo fino a quel giorno è stato caratterizzato da un sacco di eccitazione e anticipazione - e cinque mesi di vomito. Dopo essere stato testimone di un amico dopo l'altro che sognava i loro preziosi miracoli, finalmente avrei potuto sperimentarlo di persona. Avrei avuto il mio amato miracolo, una creazione che avrebbe suscitato sentimenti così profondi da sopraffarmi.



Purtroppo, ho provato sentimenti travolgenti, solo che non erano di amore e meraviglia, erano l'esatto contrario. In quelle prime settimane, ho lottato silenziosamente con i miei sentimenti verso mia figlia. Non sentivo amore, e nemmeno calore. Mi sentivo stranamente spassionato e, con il passare del tempo, mi convincevo sempre di più che non mi piaceva nemmeno.

La prima volta che mi ha colpito il sentimento, sarebbe diventato troppo presto un appuntamento fisso, era il fine settimana in cui l'abbiamo portata a casa dopo che aveva già trascorso 8 notti in terapia intensiva neonatale. Il sentimento mescolava il vuoto della disperazione, l'irruenza del terrore e qualcosa che immagino essere molto simile al dolore puro. Dopo 36 ore di urla intermittenti e senza dormire, il sentimento sbocciato come una vite che mi soffoca la vita. Questo segnò l'inizio di una guerra, dove il danno collaterale avrebbe potuto essere mia figlia, una guerra che infuriava dentro di me e in verità lo fa ancora. Ho vinto molte battaglie, ma la guerra non è ancora finita. Il sentimento mi ricorda Voldemort dei libri di Harry Potter – non importa quanto lo combatta, non importa quanto lo indebolisco, semplicemente non morirà.

Così, dopo soli 11 giorni di lavoro a cui avevo contratto per il resto della mia vita, mi sono reso conto con calma e disagio che non volevo più la posizione. Tutto quello a cui riuscivo a pensare era: come ne esco?

Mia figlia era stata una bambina incredibilmente difficile - l'immagine del malcontento per quasi le prime 16 settimane della sua vita. E mentre sono sicuro che i suoi problemi hanno contribuito ai miei sentimenti e pensieri oscuri, non erano i soli da biasimare. Aggiungi un bambino prematuro infelice, torturato da un grave reflusso e coliche, a una donna con ormoni selvaggi e una storia di depressione e ansia e hai la stoffa del perfetto disastro naturale.

A questo punto devo chiarire che non è necessario avere una storia di depressione o ansia per soffrire di depressione postpartum: può colpire chiunque. Né colpisce solo coloro che hanno avuto nascite difficili: può emergere dopo qualsiasi tipo di esperienza di nascita. Né riguarda solo le mamme per la prima volta: puoi vivere un'esperienza meravigliosa per la prima volta e soffrire di malattie mentali postpartum con il tuo secondo o terzo figlio.

La ricerca ha dimostrato che il tuo possibilità di soffrire di depressione post-partum aumentare con le gravidanze successive se l'hai sperimentato con il tuo primo figlio.

Non esiste una regola rigida, tuttavia, ed è completamente dipendente dalla persona, da quanti figli ha e da come il suo cervello e la sua composizione chimica reagiscono al disturbo di avere un figlio. Mi dispiace, conosco un modo chiaro per prevedere che sarebbe bello, ma semplicemente non funziona in questo modo.

Col passare dei giorni, il mio umore si è disintegrato. Sono diventato completamente disinteressato a tutto: cibo, bagno, conversazione, persino i miei programmi TV preferiti. Ma la cosa più triste di tutte, l'oggetto principale del mio disinteresse era il bambino miracoloso che per tanto tempo era stato il mio desiderio. Mi sentivo vuoto, un guscio, un guscio. Mi sono fidanzato a malapena, tranne per implorare tra le lacrime di non essere lasciato solo con il bambino. Mettere in dubbio la mia capacità di fare questa cosa da bambino - quando dentro la mia testa stavo urlando disperatamente che qualcuno, chiunque, mi tirasse fuori da tutto questo.

Dal momento che non ci sono ritorni quando si tratta di avere un figlio, mi sono chiusa in me stessa e nel mio telefono: Candy Crush è diventata una dipendenza. Guardando indietro, è incredibile come sono riuscito a rimuovere me stesso emotivamente e mentalmente - anche il pianto inconsolabile del mio neonato non è penetrato nel campo di forza. Per la maggior parte del tempo, ho silenziosamente rinunciato alla mia responsabilità nei confronti di tutti gli altri - chiunque altro davvero - sapendo che se non avessi reagito, prima o poi qualcuno si sarebbe preso cura di lei.

Dato che stavo ancora allattando, sono stata costretta a interagire con lei regolarmente, ma non ero presente. Fissavo fuori dalla finestra mentre si nutriva (desiderando essere ovunque tranne che su quella sedia a dondolo, con lei) o la fissavo come se fosse un essere alieno con cui non avrei mai capito o connesso. Una volta che aveva finito, l'avrei consegnata a mia madre, sorella, cognata o marito e sarei tornata a letto o al mio telefono.

linee di raccolta sessuale da usare sui ragazzi

Mi era stato detto che l'allattamento al seno offriva i momenti più speciali che una mamma potesse vivere. Innumerevoli volte avevo sentito dire che questi momenti, solo voi due, uniti in silenzio, non avevano prezzo. Ma per me il prezzo sembrava troppo caro. Stare da solo con lei è stato il mio peggior incubo. E alle 3 del mattino, al buio, nel silenzio, sulla sedia a dondolo, non potrei essere più solo. Solo con lei e i miei pensieri. Questi non erano momenti di cui sarei venuto a fare tesoro.

Il giorno era un po' meglio, perché c'era quasi sempre qualcuno con me, ma ogni volta che sembrava che quella persona si stesse preparando ad andarsene, non potevo fare a meno che le lacrime scorressero, la voce si spezzasse, la nausea si alzasse e il sudore dal formicolio. La mia povera madre ha letteralmente rinunciato a tre mesi della sua vita per prendersi cura di due bambini: il suo e il mio.

Ogni giorno era lo stesso: cibo vivo per nutrire, ogni tre ore. Cambia, nutri, vomita, piangi, dondola, dormi, trattieni. Ripetere. Non avevo altro che tempo, ma non avevo proprio tempo. Ed è passato dolorosamente lentamente. L'ho desiderato via, ho augurato che la sua vita fosse lontana, desiderando disperatamente che raggiungesse questi traguardi che erano stati promessi per rendere le cose più facili.

Aspetta solo 6 settimane, 12 settimane, 6 mesi, vedrai la differenza. Oh, ma era prematura, quindi devi adattarti, saranno più di 10 settimane, 16 settimane. Tieni duro, andrà meglio. I pali della porta continuavano ad allontanarsi da me.

A rischio di sembrare senza cuore, penso che la sua impotenza mi abbia disturbato di più, il suo bisogno, la sua dipendenza da me. non lo sopportavo. Era troppa pressione. Stavo lottando per andare avanti, come poteva aspettarsi che facessi andare avanti anche lei. Mi aveva intrappolato, come un ceppo, non ero più libero di andare a fare quello che volevo (prova a fare pipì mentre tieni un neonato, buona fortuna se ti serve un numero 2). Ero ancorato a una sedia a dondolo e l'ancora era il mio bambino, il peso delle sue aspettative rendeva difficile respirare.

La permanenza a lungo termine di questa catena ha amplificato i sentimenti di claustrofobia. Sarei mai stato di nuovo libero? E, naturalmente, questi tipi di pensieri e sentimenti sono sempre associati al peso del senso di colpa derivante dal sentirsi e pensare in questo modo.

I miei amici e la mia famiglia sono stati fantastici durante questo periodo, visitando regolarmente e sopportando il loro fantasma di una persona cara. A quel tempo, tutte le mie amiche mamme hanno confessato quanto fossero oscuri i loro pensieri in quelle prime settimane, ed erano davvero oscuri. Morbidamente, ho assaporato le loro storie mentre mi facevano sentire meglio riguardo ai miei pensieri e il sentimento .

Ho spesso fantasticato di salire in macchina e non tornare, trovarle una nuova famiglia che potesse amarla meglio di me, ho anche pensato di farmi del male solo per scappare, ma la cosa peggiore erano le volte in cui avrei voluto tornare indietro nel tempo e lascia le cose come erano, prima che Izzy esistesse. E alla fine, era quello che volevo. Rivolevo la mia vita com'era, la vita che conoscevo, la vita in cui avevo il controllo.

Lo shock di quanto sia permanente e devastante il cambiamento portato da questo bambino è stato travolgente, non riuscivo a vedere una via d'uscita. E più tutti — e intendo tutti – mi ha detto che sarebbe andato meglio, più non ci credevo. Perché quando ogni traguardo è passato nulla è cambiato, in qualche modo è diventato più difficile.

Ovviamente non stavo affrontando nessuno che mi desse uno sguardo, tra i miei capelli seriamente non lavati e l'uniforme del pigiama .

La mia prima visita all'infermiera pediatrica, Izzy ha urlato dall'arrivo al pagamento. Le mamme nella sala d'attesa guardavano con orrore e sollievo simultanei che questo non fosse il loro bambino. L'addetto alla reception ha avuto pietà di me e ha portato via Izzy e mi ha ordinato di andare nel loro cucinino a preparare il tè. Dopo circa 10 minuti di preparazione del tè (cioè piangendo e desiderando una vita diversa), ho recuperato il mio bambino che piangeva ancora e ne sono uscito con un flusso di sguardi compassionevoli e parole di incoraggiamento.

Ogni volta che porto Izzy a fare un controllo, mi dicono che alcune delle mamme che erano lì quel giorno chiedono ancora di me. Izzy e io ora siamo roba da leggenda, la mamma con cui gli altri misurano la loro esperienza e il bambino, il barometro per il quale gli altri bambini vengono giudicati.

Una mattina, quando Izzy aveva circa sei settimane, mi stavo nascondendo su Facebook e mi sono imbattuto in un articolo su una donna di nome Allison Goldstein , una pluripremiata insegnante di scuola elementare, una normale mamma per la prima volta di tutti i giorni, proprio come me. Una mamma che ha lasciato il suo bambino di 4 mesi all'asilo, è tornata a casa e si è tolta la vita. Nessuno aveva idea che qualcosa non andasse - non suo marito, non sua madre, non sua sorella con cui parlava ogni giorno dopo il parto.

I pezzi del puzzle sono scattati e ho capito che avevo bisogno di aiuto, e avevo bisogno di aiuto in questo momento. Quel giorno ho chiamato il mio psichiatra e ho preso un appuntamento. Ho detto a mio marito e a mia madre - se non l'avessero già capito - che non stavo bene e che non potevo semplicemente farcela.

La mancanza di sonno ha esacerbato la mia depressione, quindi il mio psichiatra mi ha consigliato di assumere un'infermiera notturna, insieme a un cambio di farmaci e a visite regolari con uno psicologo. L'ironia delle convinzioni e degli atteggiamenti pre-maternità è che io ero una di quelle che giudicavano le madri che impiegavano infermiere notturne, le giudicavo duramente: perché mai una persona in congedo di maternità non può farcela?

il mio bambino è caduto dal letto

Ma senza questo aiuto, non so se sarei sopravvissuto alle prime 12 settimane. Invece, dovevo sopravvivere solo 12 ore al giorno. L'infermiera è arrivata a18:00e subentrerebbe fino a6 del mattino.la prossima mattina. Ho iniziato a contare le ore da circa9 del mattino.al mattino al suo arrivo, e glorioso sollievo. Al contrario, con l'avvicinarsi dell'alba, la mia ansia salì alle stelle. Non appena ho sentito gli uccelli iniziare il loro canto mattutino, il mio stomaco è diventato un pozzo di terrore e le lacrime sono sgorgate al pensiero che presto avrei dovuto occuparmi del bambino, il mio bambino.

Dopo aver visto un terapeuta diverse volte, è riuscita a farmi capire che quello che stavo provando non era eccezionale, ma andava bene, che avevo bisogno di riformulare il mio linguaggio. Non mi piaceva Izzy, adesso . Non mi piaceva essere una mamma, oggi . Questi sentimenti erano sensibili al tempo. Mi ha dato il permesso di non amare il mio bambino per questo periodo. Cosa ti piace in questo momento? Non è molto simpatica o divertente al momento, ma va bene così, non sarà così per sempre. Aveva completamente ragione; Potrei non godermi queste prime 16 settimane della vita di Izzy, ma 16 settimane nel grande schema delle cose sono una goccia nell'oceano.

È quasi impossibile vederlo quando stai affogando in quella goccia.

Col passare delle settimane e dei mesi, lentamente ma inesorabilmente, il sentimento ritirato. Per quanto continuassi a dire che non posso farlo, io era facendolo. E anche se quello che volevo veramente dire era che non voglio farlo, non avevo scelta - io aveva per farlo; Ero sua madre. Ho iniziato a rendermi conto che le azioni parlano più forte dei pensieri o dei sentimenti; Mi prendevo cura di Izzy, forse non nel modo in cui speravo, forse non con la gioia che la gente si aspetta, ma nonostante tutto lei stava prosperando. Una bambina prematura con grave reflusso e coliche - stava guadagnando peso settimana dopo settimana, raggiungendo i 50thpercentile e raggiungere i traguardi appropriati alla sua età.

Stavo davvero facendo un ottimo lavoro e il mio pediatra, l'infermiera, gli amici e la famiglia mi hanno elogiato per questo. Ed è stato bello sapere che, nonostante sua madre non stesse bene, Izzy stava ricevendo tutte le cose giuste da me. Non le importava che avessi questi sentimenti negativi. Non posso dire con certezza perché non le abbia fatto effetto, ma penso che, per un neonato, forse il miglior segno d'amore sia la cura: cibo quando aveva fame, calore quando aveva freddo, cambiarsi quando era a disagio e un tocco gentile quando aveva bisogno di conforto. Lei non lo sapeva il sentimento mi ha lasciato desiderare, perché per quanto la riguardava, stava ottenendo tutto ciò di cui aveva bisogno. Stavo parlando il suo linguaggio d'amore, anche se non ero particolarmente poetico.

Sono imbarazzato nel dire che mia figlia, con solo poche settimane sulla terra alle spalle, mi ha amato fin dall'inizio. Ed ero troppo disconnesso per riconoscerlo. Ero la persona che i suoi occhietti sfocati cercavano, la persona che voleva come consolatore, la prima persona per cui sorrideva e la persona per cui urlava più forte.

Ora vedo Izzy chiaramente, come una piccola persona che stava lottando tanto quanto me. Ho imparato a prendere le vittorie, grandi e piccole. La maggior parte dei giorni, la vedo e la apprezzo per quello che è e, dopo quasi 16 mesi, ho iniziato a sentire quell'amore profondo che era stato promesso. Ora che ha quasi due anni, quell'amore cresce ogni giorno. Questo amore non è perfetto; il sentimento si nasconde nei luoghi bui, quando sono stanco o stressato, quando Izzy si sente travolgente, quando il lavoro si sente travolgente o quando la mia vita come la conoscevo sembra un lontano ricordo da non rivivere.

Ho ancora momenti in cui il sentimento cerca di trascinarmi di nuovo sotto, ma questi momenti sono pochi e lontani tra loro. I buoni sentimenti sono molto più dominanti dei cattivi, e ora Izzy il più delle volte mi toglie il fiato in un modo meraviglioso - questi sono i sentimenti a cui mi aggrappo, quando l'altro sensazione cerca di serpeggiare di nuovo nella mia vita.

Continuerò a combattere perché, ora, lo so il sentimento mente, imbroglia e ruba. Il sentimento mi ha bloccato dalla gioia che avrebbe dovuto essere mia, la gioia dell'amore incondizionato, di creare una nuova vita con l'amore della tua vita. Ha rubato il partner di mio marito, quello che conosceva e di cui aveva bisogno. Ha rubato parte della sua fiducia in me e del mio impegno per la nostra famiglia. Il sentimento mi ha mentito su Izzy e sul suo ruolo in tutto questo e l'ha tradita da una mamma presente ed emotivamente impegnata quando era più vulnerabile. Il sentimento ha rubato tutto questo a me, a Izzy ea mio marito.

Il sentimento non prenderò più niente da me, niente più dalla mia bambina e niente più dalla mia famiglia. Spero che se stai leggendo questo e lo sai il sentimento puoi vedere che non sei solo, che l'aiuto è là fuori e che il sentimento non c'è bisogno di rubare nient'altro a te e alla tua famiglia.

Parla con qualcuno, chiunque, anche uno sconosciuto. Prendi un appuntamento con un dottore, un prete, un guaritore, un consulente, qualunque cosa funzioni per te. Unisciti a un gruppo di supporto, crea un gruppo di supporto. Fidati di me quando dico, ci sono molti di noi che sanno cosa stai passando e lo sappiamo il sentimento non deve possederti per sempre, non devi combattere da solo, l'aiuto è là fuori.

Se tu o qualcuno che conosci state vivendo un'emergenza di salute mentale, chiama immediatamente il 911. Se hai pensieri suicidi, chiama la National Suicide Prevention Hotline: 1-800-273-TALK (8255). Non USA i cittadini possono visitare IASP o Suicide.org per trovare aiuto nel tuo paese. Se pensi che tu o una persona cara stiate soffrendo di depressione postpartum o di un altro problema di salute mentale postpartum, visita Assistenza post-partum internazionale per risorse e supporto.

quando un bambino non è più un neonato

Ascolta cosa hanno da dire al riguardo le nostre mamme spaventose della vita reale, Keri e Ashley, quando esprimono i loro (sempre reali) pensieri in questo episodio del nostro podcast Scary Mommy Speaks .