celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Non mi sono reso conto di aver sperimentato la negligenza emotiva dell'infanzia fino a quando non ero un adulto

Salute E Benessere
negligenza emotiva

D-Nessuno/Getty

Succede quando mia figlia mi sgrida perché manca la sua maglietta preferita. Succede quando mio marito entra di soppiatto in casa dopo una terribile giornata di lavoro, accigliato ma senza dire nulla. Succede quando mio padre mi chiama per dirmi che non ho controllato abbastanza con lui. Succede anche quando un collega elogia il mio lavoro o un amico mi fa i complimenti.

divento insensibile.



Non so mai come rispondere o cosa ci si aspetta da me. I sentimenti brillano appena fuori dalla mia portata, poi scompaiono rapidamente prima che sia in grado di identificarli correttamente. È un po' come cancellare le parole su una lavagna prima di avere la possibilità di leggerle.

Se l'interazione è negativa, il mio torpore si trasforma in rabbia o vergogna mentre cerco di difendermi di fronte al rifiuto di cui sono così acutamente consapevole. Mi rompo il cervello per capire cosa potrei aver fatto di sbagliato. Se non riesco a individuare nulla di specifico, finisco per sentire che c'è qualcosa di essenzialmente difettoso in me che mi rende non amabile e mi ritiro.

mia figlia dice che è un maschio

Se le parole sono gentili, sono estremamente a disagio. Non capisco perché qualcuno dovrebbe pensare che sono meravigliosa o speciale. Mi fa sentire un grande truffatore e temo che le persone si renderanno conto che non sono chi pensano che io sia. Divento nervoso, pensando di doverlo fare fare qualcosa di tangibile per meritare l'attenzione positiva.

Ho passato decenni a nascondere la mia sopraffazione e il mio disagio, non sapendo perché le interazioni emotive mi ronzano le orecchie, il mio stomaco è vuoto e il mio cuore è vuoto. Entrare in contatto con le persone, anche quelle che so di amare, è davvero difficile per me.

Poi un giorno, mentre facevo ricerche online per un articolo, mi sono imbattuto in una condizione chiamata abbandono emotivo infantile (CEN). Identificato da psicologa clinica Jonice Webb , l'abbandono emotivo infantile è l'incapacità di un genitore di rispondere in modo sufficiente ai bisogni emotivi di un bambino. Quando ciò accade, non c'è modo per un bambino di sapere se i suoi sentimenti sono validi. Questa mancanza di convalida porta a insicurezza e un senso negativo di sé.

Se ricevi il messaggio che i tuoi sentimenti non sono degni di essere riconosciuti, probabilmente non ti senti di molto valore. I sentimenti diventano cattivi perché sei cresciuto in un ambiente in cui erano chiusi o ignorati.

Se non hai mai sentito parlare di abbandono emotivo infantile, non sei solo. In un'intervista a Psicologa del New England , dice Webb, la psicologia trascura l'abbandono emotivo. Lo ammettiamo con l'abuso emotivo e l'abbandono fisico. È difficile per noi concentrarci su questa cosa come un'esperienza a sé stante che ha la sua validità e i suoi effetti.

La cosa difficile del CEN è che non è un tipo attivo di negligenza. Non puoi vederlo nel modo in cui puoi vedere la guancia ammaccata di un bambino o sentire la sua pancia burbera. Da bambino, non sai che sta succedendo. Da adulto, potresti non essere in grado di ricordare casi specifici perché era semplicemente una condizione del tuo ambiente. L'abbandono emotivo dell'infanzia è una forza invisibile che spesso passa inosservata fino a quando i sintomi non compaiono molti anni dopo.

un bicchiere di vino e l'allattamento

Leggendo l'elenco dei sintomi del CEN, ho riconosciuto così tanto di me stesso. Le persone che soffrono di abbandono emotivo infantile spesso si intorpidiscono, sentono che manca qualcosa e sono perfezioniste, facilmente sopraffatte e sensibili al rifiuto. Dei 22 sintomi su il questionario , le ho esposte tutte tranne due.

Tuttavia, non potevo credere di essere stata abbandonata in qualche modo dai miei genitori. Data la mia educazione, sembrava impossibile. Dal punto di vista materiale, avevo tutto ciò di cui avevo bisogno e molto di ciò che volevo. Vivevamo in belle case, mangiavamo in abbondanza e ci godevamo le vacanze estive ogni anno. Andavo in buone scuole, praticavo sport e uscivo con gli amici. Dall'esterno, la mia famiglia sembrava felice e di successo.

Certo, non è tutta la storia. Mio padre viaggiava molto per lavoro ed era spesso stanco e severo quando era a casa. Ho lavorato duramente per essere una brava ragazza, andando bene a scuola, prendendomi cura di mia sorella minore e tenendomi per me stessa a casa. Mia madre è stata una mamma casalinga per la maggior parte della mia infanzia, ma era molto infelice e in seguito le è stata diagnosticata la depressione. Certi giorni non si alzava mai dal letto. Nessuno mi ha chiesto della scuola o come mi sentivo nei confronti dei miei amici, degli insegnanti o delle classi. Quando sono andato a casa dei miei amici e le loro mamme hanno chiesto della nostra giornata, ho pensato che fosse strano e invadente.

Il modo in cui i miei genitori hanno interagito con me sono due esempi dei cinque diversi stili genitoriali che più spesso portano alla negligenza emotiva: autoritario e genitori non coinvolti . permissivo , narcisista , e perfezionista sono gli altri tre - e ce ne sono molti altri.

Quando ho finito di vagliare la descrizione dell'abbandono emotivo infantile, sapevo senza dubbio di averne sofferto. Ero devastato - nessun bambino vuole scoprire che i suoi genitori gli hanno fatto del male, anche se involontariamente - ma sono stato anche sollevato. Finalmente ebbi una spiegazione per il senso di vuoto che mi affliggeva. La buona notizia è che chi soffre di abbandono emotivo infantile può superare il proprio senso negativo di sé. Identificare i tuoi bisogni emotivi e credere che meriti di averli soddisfatti è la chiave.

Avere una spiegazione per le mie difficoltà emotive mi dà speranza, non solo per me stesso, ma anche per i miei figli. Sapere cosa non ho ottenuto e di cui avevo disperatamente bisogno da bambino mi rende molto sintonizzato nel dare ai miei figli ciò di cui hanno bisogno emotivamente. Questo non è facile per me. Le emozioni dei miei figli sono potenti. Il mio istinto è di scappare dal trambusto e dal caos, ma mi sforzo di restarci con loro. So che i miei figli meritano empatia e amore e che anche se sono sopraffatto, devo fare del mio meglio per convalidare come si sentono.

Sembra semplice e sono sicuro che per molti genitori succede automaticamente. Per me, però, è una lotta, una lotta che sono disposto a sopportare per assicurarmi che i miei figli non si chiedano mai della loro autostima.

le scarpe slip on da donna più comode comfortable