celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Posso parlare della mia mamma violenta come voglio, non le devo niente

Relazioni
bambino infelice

Mamma spaventosa e DiMaggio/Kalish/Getty

Avviso scatenante: abuso, ideazione suicidaria

Non amo mia madre.

Sento già i cori delle persone che chiedono, Sicuramente la ami ancora solo un po'? Ma no. Non la amo. E non mi dispiace per questo perché lei non mi ha amato per prima.

Solo quando ho sentito un altro bambino estraniato dire che non mi amavano per primo che ho capito che i miei sentimenti erano validi. Ha ragione. I nostri genitori hanno iniziato questo. Abbiamo trascorso tutta la nostra infanzia ad amarli nella speranza che ci ameranno di nuovo. Spesso le persone passano tutta la loro età adulta cercando di conquistare anche l'affetto dei loro genitori. E va bene se arriva il momento in cui non ne puoi più e ti rendi conto di te non hai mai amato i tuoi genitori o. Come potresti amarli? Non te lo hanno mai permesso. Quello che succede è che amiamo l'idea del nostro genitore. Amiamo il loro potenziale per essere buono, anche se quel potenziale è immaginato.

Mi sento giudicato per non amare mia madre. Posso capirlo dal punto di vista degli altri. Hanno un modello sano per le relazioni che è stato tramandato loro dai loro genitori perché li amavano. Stanno cercando di mettersi nei miei panni, ma non ci riescono. Possono solo immaginare come sarebbe non amare il tipo di madre che hanno.

Mia madre non è come quelle madri. In realtà, non era affatto una madre. Ero la figura genitoriale. Mi sono occupata di lei. L'ho protetta. Ho regolato le sue emozioni. Ho trovato delle scuse per lei. L'amavo. Ma non era l'amore di una sana dinamica madre-figlia. Questo amore era intriso di disperazione, ansia, dovere e una costante sensazione di non essere abbastanza bravi. Ho pensato che se fossi stato abbastanza devoto e se avessi amato abbastanza, forse lei mi avrebbe amato tutto il tempo e non solo quando era conveniente per lei.

Ho passato ventiquattro anni ad amare mia madre. Non è stato facile amarla. In effetti, era costantemente doloroso e rovinava la mia salute mentale. L'ho sempre perdonata. Ho cambiato me stesso per farmi piacere di più da lei. Mi sarei assunto la responsabilità delle cose perché sapevo che non l'avrebbe fatto. L'ho trattata come una bambina e le ho permesso di non assumersi la responsabilità dei suoi errori. Ero come un genitore iperprotettivo. L'avrei protetta da tutto, comprese le conseguenze delle sue stesse azioni.

Forse è in parte colpa mia se è una persona così orribile. Sebbene le mie intenzioni fossero buone, ho contribuito a creare un mostro. Ma ero un bambino. E l'ho fatto perché questa è la posizione in cui mi ha costretto. Pensavo di fare la cosa giusta. Pensavo che avrebbe vinto il suo amore. Ho pensato che mi avrebbe reso abbastanza bravo.

Quando dico che non amo mia madre, nessuno capisce quanto duramente l'amavo. Non capiscono che non amarla più mi ha reso libero. Non si fermano mai a chiedersi perché non la amo e cosa mi ha spinto a sentirmi così. È una parte enorme della nostra cultura onorare tua madre e tuo padre. Ma come posso onorare mia madre? Non c'è niente di onorevole in lei.

Jasmin Merdan/Getty

oli essenziali vampate di calore

La parte più difficile è che mia madre non ha rimorsi. E quando rifletto sulla mia infanzia, non riesco a ricordare una sola volta in cui si è dispiaciuta. Non era dispiaciuta quando mi ha messo in situazioni pericolose che hanno portato me e le mie sorelle a subire abusi sessuali. Non le è dispiaciuto quando ha visto come questo ci stava influenzando psicologicamente. Non le è dispiaciuto quando l'aggressore è andato in prigione e ognuno di noi ha iniziato a soffrire terribilmente di problemi di salute mentale. Non era dispiaciuta quando avevamo paura del suo carattere. Non era dispiaciuta quando le sue parole crudeli ci hanno privato della nostra fiducia. E non le è dispiaciuto quando da adulto ho preso il coraggio di raccontarle tutto questo.

La maggior parte delle madri prova il senso di colpa della madre. Sono una madre anch'io e lo sperimento molto. Mia madre, tuttavia, è sempre sembrata incapace di quell'emozione. Non è mai stata colpa sua. Spesso è sempre stata colpa mia. Un esempio di ciò è stato quando è volata su tutte le furie per il nulla. Questo era un comportamento molto tipico, poiché si rifiutava di assumersi la responsabilità di regolare le sue emozioni. Se si sentiva infastidita, gridava. Se si sentiva un po' giù, singhiozzava istericamente. Non importava se fosse inappropriato o insensibile agli altri.

materassino per culla newton

Mi stava urlando contro e mi chiamava con nomi che colpivano tutte le mie insicurezze. Sono rimasta fuori dalla stanza in cui si trovava e ho iniziato ad avere un attacco di panico. Si rese conto di essere andata troppo oltre. Ma invece di essere dispiaciuta, ha incolpato me per il panico. Non riesco a vedere attraverso i muri, sbottò, riferendosi al fatto che non ero visibile per lei quando stavo avendo l'attacco. Ma poteva sentirmi ansimare per l'aria. Poteva sentire suo figlio che lottava per respirare. Ma lei non sentiva niente.

A volte non era tanto quello che mia madre mi ha fatto a farmi male. È quello che non ha fatto. Se venivo vittima di bullismo a scuola, avrebbe trovato il modo di suggerire che era colpa mia incolpando i miei manierismi, il mio aspetto e, in generale, analizzando la situazione per vedere come avrei potuto provocare il bullo. Non avresti dovuto dirlo o sembravi patetico quando hai detto che erano indicazioni che tendeva a dare.

Naturalmente, questo ha ferito e ha avuto un impatto psicologico duraturo. Ma ciò che mi ha fatto sentire più non amato è stata l'assenza di abbracci, supporto, conferme e lealtà. Non è mai stata dalla mia parte. Era come se avesse capito perché la gente voleva fare il prepotente con me. Non riuscivo a capirlo da bambino. Da adulto lo capisco perfettamente. Si stava relazionando con i ragazzi che mi hanno maltrattato perché era il mio primo bullo. Certo che li capiva. Condividevano la stessa mentalità e avevano bisogno di abbattere qualcuno per sentirsi meglio con se stessi.

Non mi ha mai protetto. Non mi ha mai protetto dai bulli. Non mi ha mai protetto da mio padre quando era troppo duro con me o ha chiarito che preferiva mia sorella. Non mi ha mai protetto dagli abusi sessuali. Eppure l'ho sempre protetta. All'epoca non ne avevo voglia perché non mi ha mai insegnato a vedere qualcosa di positivo in me stessa, ma ero una brava figlia. Sono stato gentile con lei. Le ero fedele. L'ho sempre perdonata. E l'ho sempre amata.

È arrivato un punto nell'età adulta in cui non ne potevo più e ho dovuto staccarmi. Non era perché lo volevo. Dovevo. È qualcosa che le persone non capiscono quando ti allontani dai tuoi genitori. Non sembra una tua scelta. Sembra che tu non abbia scelta.

So che non sarei sopravvissuto se fossi rimasto, sia emotivamente che in termini di sopravvivenza. In diverse occasioni, la sua mancanza di amore mi ha spinto a fare piani per tentare il suicidio. Sarei arrivato al punto in cui sentivo di non essere abbastanza buono per lei e avevo provato di tutto, quindi qual era il punto di vivere quando era così doloroso.

Non amarla mi restituisce il potere. Mi ha permesso di vivere veramente la vita. Non voglio più la sua approvazione. Ho accettato che non mi abbia mai amato. E anche se la strada per lasciar andare l'amore che avevo per lei è stata così dolorosa a volte che ho pensato che mi avrebbe ucciso, è la cosa migliore che abbia mai fatto.

Non amo mia madre perché sono una persona cattiva. Non la amo perché sono coraggioso. Non la amo perché ho lavorato e continuo a lavorare sodo per guarire. Non la amo perché ho persone più importanti da amare. Ho le mie sorelle, mio ​​marito e una figlia mia. Perché sprecare amore per una persona che mi fa desiderare di essere morto quando potrei darlo alle stesse persone che rendono la mia vita degna di essere vissuta?

Non amo mia madre perché amo troppo me stesso per permetterle di ferirmi di nuovo.

Condividi Con I Tuoi Amici: