Ho infranto la mia promessa di rimanere amica del mio ex marito

Divorzio
rotto-la-mia-promessa-di-amicizia

Julia Meslener per Scary Mommy e Tetra Images/Getty

Quando abbiamo divorziato, io e il mio ex abbiamo deciso che saremmo rimasti amici. Anche buoni amici. Non potevamo più farlo funzionare come coppia sposata, ma eravamo entrambi determinati a mantenere un'amicizia. Lo volevamo per i bambini, per noi, per le nostre famiglie allargate, per i nostri amici. Volevamo un divorzio davvero amichevole. Volevamo elevarci al di sopra, avere il tipo di divorzio che altre persone speravano (se dovessero affrontare la sfortunata situazione).

Per un po' ha funzionato. Si è trasferito a casa sua e andava a cena a casa mia quando era la mia serata con i bambini, e viceversa. Siamo anche andati in campeggio con la famiglia pochi mesi dopo che ci siamo separati, anche se con tende separate.



Ma, fin dall'inizio, la tensione tra di noi ha reso difficile rilassarsi. È stato difficile portare avanti una conversazione normale: avrebbe chiesto come è andato il mio appuntamento del fine settimana precedente? Strano. Quindi ci siamo concentrati sui bambini, ne abbiamo parlato invece. Onestamente, non era così diverso da quando eravamo ancora insieme, ma ora c'era un inconfondibile strato di tensione in più.

All'inizio non me ne sono preoccupato troppo, perché ovviamente avremmo avuto un periodo di transizione, e ovviamente non sarebbe stato facile. Non mi aspettavo di essere dei migliori senza l'occasionale singhiozzo o disagio all'inizio.

Ma col tempo la tensione si è solo infittita. Sapeva che uscivo insieme e ha iniziato a fare commenti passivi aggressivi a riguardo. Faceva anche commenti sprezzanti sulla mia situazione finanziaria (guadagno molto meno di lui), chiedendosi ad alta voce davanti ai bambini se potevo permettermi di stare nella casa che avevamo condiviso insieme. Sono andato in vacanza con alcune amiche un fine settimana e lui non voleva stare zitto su come non fossi intelligente con i miei soldi. (La vacanza è stata in realtà un regalo di mia madre, ma dopo i suoi commenti a scatti, non mi sono sentito obbligato a farlo sapere al mio ex.)

Quando i bambini non prestavano attenzione, chiedeva l'ultima volta il sesso, che avevo già chiarito che non mi interessava. Quando ho detto di no, si è lamentato e mi ha importunato. Gli ho detto di lasciar perdere, ma ha comunque messo il broncio. Mi ha fatto sentire a disagio e arrabbiato.

La mia risposta alla maggior parte dei suoi commenti è stata di ignorarli. Cambiavo rapidamente argomento, o con qualcosa sui bambini o gli chiedevo del lavoro o parlavo del mio lavoro. Ero determinato a non farmi più risucchiare dalle sue cazzate tossiche. Dopotutto, era per questo che avevamo divorziato.

come pulire dalla parte anteriore a quella posteriore?

Karl Tapales / Getty

Speravo che se avessi ignorato i suoi commenti maleducati, si sarebbe fermato. Ma non l'ha fatto. Semmai, ha peggiorato le cose - ha iniziato a insinuare che ero io la causa del nostro divorzio, che avevo rotto la nostra famiglia, che ero io l'egoista. Non lo direbbe direttamente, ma si occuperebbe della conversazione come la mia casa fosse la casa di famiglia, e ora è stato cacciato, anche se all'inizio aveva insistito perché tenessi la casa perché preferiva non rimanerci dopo la rottura. Una volta borbottò sottovoce qualcosa su di me che rovinavo la vita di tutti.

Continuavo a ripetermi che era solo il dolore a parlare, che alla fine si sarebbe ripreso e avrebbe iniziato a comportarsi come l'amico che aveva affermato di voler essere. Per quanto tempo avrebbe potuto continuare con la rabbia? Ma sono arrivato al punto in cui l'unica cosa che stavo con lui stava facendo per me era rendermi grato di non essere più con lui e confermare che avevo preso la decisione giusta lasciandolo.

fare un pompino a mio marito

Parte del motivo per cui ci siamo lasciati era perché aveva una vena cattiva e diceva sempre cose cattive e critiche sugli altri. Nessuno è mai stato abbastanza buono per lui, nessuno ha mai svolto correttamente il proprio lavoro. Ero stanco di essere il suo filtro in pubblico e di spiegare perché non avrebbe dovuto dire certe cose. Ero stato esente dalle sue critiche quando eravamo insieme; ora che ci eravamo lasciati, criticarmi era un gioco da ragazzi.

Naturalmente, ho smesso di invitarlo a cena. Ho smesso di presentarmi a casa sua per cena, anche se mi si è spezzato il cuore non poter vedere i bambini. Non potevo più sopportare la costante negatività. Poi una notte, ha chiesto se poteva venire a parlare. Ho accettato e ha tirato fuori esattamente quello che sapevo avrebbe fatto: perché non siamo amici come avevi promesso?

Gli ho detto che la sua rabbia lo ha reso crudele e passivo aggressivo, e che uscire con lui mi fa sentire l'opposto di come mi sento quando esco con qualcuno che è veramente un amico. Sembra un obbligo, e peggio ancora, un obbligo di uscire con qualcuno che lancia bombe dopo bombe di commenti sprezzanti, critiche e biasimo.

Gli ho detto che ogni volta che il mio telefono suona con un suo messaggio, il mio battito cardiaco va alle stelle. I messaggi degli amici non mi fanno sentire così.

Ha accettato di essersi comportato come uno stronzo e ha chiesto se potevamo ricominciare da capo. Gli ho detto che non volevo.

Forse un giorno potremmo essere di nuovo amici, veri amici, ma per ora non potrei farlo, perché fingerei e sono arrivato a un punto della mia vita in cui mi rifiuto di fingere per chiunque. Gli ho detto che ci sarebbe voluto molto tempo per riconquistare la mia fiducia. Nel frattempo, gli ho detto che mi rifiuto di sottopormi ai suoi abusi emotivi.

Quello che ho capito da quando ho rotto la mia promessa di amicizia è che, come parte del nostro nobile obiettivo di avere un divorzio senza conflitti, abbiamo mirato a realizzare qualcosa che non siamo mai stati in grado di realizzare anche quando eravamo ancora una coppia. Abbiamo divorziato perché eravamo incompatibili in cento modi diversi, e parte di ciò era che lui può essere conciso e di mentalità ristretta, mentre io inveisco costantemente sull'importanza della gentilezza e dell'inclusione. Io sono un liberale dal cuore sanguinante e lui è un conservatore. Mi piacciono i documentari e le commedie romantiche (che lui odia) e gli piace l'umorismo goffo e slapstick (che odio). Sono ossessionato dalla lettura e lui pensa che leggere sia noioso.

Non possiamo essere amici perché noi mai stato amici. Per qualche ragione abbiamo cliccato quando eravamo più giovani, probabilmente perché eravamo solo una coppia di studenti universitari che si ubriacavano e andavano in giro con gli amici e non sapevamo niente di niente, e avevamo una connessione. Ma non abbiamo mai avuto un profondo, vero legame di amicizia. Non ho mai chiamato mia moglie mia migliore amico perché non lo è mai stato.

Per quanto mi piacerebbe essere questa perfetta famiglia separata che frequenta ancora i bambini, devo accettare che non accadrà. Lo odio per i bambini, ma so anche che è la scelta giusta per loro perché anche loro sentono l'animosità e la tensione.

Va bene anche per me. Rinunciare a un'amicizia con il mio ex è giusto per me, e dopo aver sacrificato così tanto la mia felicità per il bene di tutti gli altri, sono pronta a mettermi al primo posto. E, sfortunatamente, questo significa lasciar andare l'idea che posso essere amico del mio ex.