Sono diventata mamma durante la pandemia - Ora sono nervoso per la genitorialità in pubblico

Dopo Il Parto
Donna incinta che guarda fuori dalla finestra

Immagini spaventose di mamma e Johner/Getty

A marzo 2020 mi sono ritirato dal mondo con un pancione appena visibile. L'avevo appena detto ad alcune persone al lavoro e non l'avevo ancora detto a tutti i miei amici. Ora, più di un anno dopo, sto rientrando nel mondo con un bambino di 11 mesi.

Diventare madre è allo stesso tempo un impeto di novità e rumore combinato con la ripetizione costante e l'isolamento. Sospetto che questo sia vero indipendentemente da ciò che sta accadendo nel mondo, ma per le mamme pandemiche e i loro bambini in quarantena, l'isolamento non inizia nemmeno a coprirlo. Nessuno ammirava la mia pancia in crescita, pochissime persone hanno incontrato il mio neonato e quasi nessuno era lì per vedere come sono diventata madre. Ci siamo persi anche le fastidiose esperienze condivise che di solito segnano il passaggio alla maternità.

Quando ero incinta, volevo quasi la storia di una donna che si avvicinava e strofinava in modo inappropriato la mia pancia incinta al supermercato, dice Melissa, una donna nel mio gruppo di neo mamme. Ma non avevo quell'iniziazione condivisa, quelle storie di battaglia condivise, e senza di loro mi chiedevo 'Come farò a entrare in questa squadra di mamme?'

E ancora.

bambino secondo nome ragazza

Molti dei miei amici con bambini più grandi hanno parlato del giudizio, delle opinioni, dei consigli non richiesti che derivano dal diventare madre. Parlano della sfida di imparare a essere una mamma con tutti che ti dicono cosa fare. Prima di rimanere incinta, ho cercato di prepararmi mentalmente a questo.

Ma non sono stato giudicato in base alla mia genitorialità, nessuno era lì per giudicarmi. La mia trasformazione alla maternità è avvenuta in una bolla. Nessuno ha commentato in pubblico il mio allattamento al seno, nessun estraneo ha cercato di baciare il mio bambino. Qualsiasi consiglio che ho ricevuto è stato un consiglio che ho chiesto. Certo, le donne nel gruppo delle mie neo mamme hanno visto me e il mio bambino tramite Zoom settimanali e occasionalmente socialmente distanti incontrarsi, ma non c'era giudizio lì, solo supporto mentre inciampavamo in quei primi mesi e in un nuovo universo. A parte alcuni punti di contatto, non ero legato al resto del mondo e alle sue aspettative.

Ovviamente era solo, ma era anche del tutto alle mie condizioni.

E per quanto fossimo rinchiusi, avevamo anche molte meno decisioni. Non dovevo pensare a come sarei salito su un aereo con lei. Non dovevo trovare gruppi di gioco e selezionare a quali attività educative iniziare ad iscriverla. Non avevo una sfilata infinita di visitatori (cosa che, da introversa, mi faceva sudare freddo quando ci pensavo in quelle pre- giorni di nascita).

JGI/Tom Grill/Getty

Invece, ho avuto tempo infinito con il mio neonato per capire come sarei stato con lei. Non c'erano distrazioni dal dolore, dall'insonnia e dall'acuta gioia di quei primi mesi. Eravamo solo noi tre: io, mio ​​marito e mia figlia. Rilassarsi sul nostro letto per ore, meravigliandosi di qualunque cosa nuova e divertente che stesse imparando a fare (sputare bolle! Allunga il collo! Stringi le mani!).

Non c'era fretta di iniziare la mattinata, non c'era bisogno di inserirla nei nostri programmi di lavoro. Dopo che mio marito è tornato al lavoro, era solo a una stanza di distanza, in grado di entrare e abbracciare lei (e me) in un attimo. Anche quando sono tornato al lavoro, non c'era modo di uscire di casa mezzo sveglio per lasciarla all'asilo. Continuavo a metterla a letto per i sonnellini, continuavo ad allattarla perché non c'era motivo di pompare. L'abbiamo vista gattonare, sedersi, alzarsi in piedi, battere le mani con gioia.

nomi di ragazze floreali

Non è stato sempre facile, ma era chiaro. Non avevo l'aspettativa di incontrare il mondo esterno, quindi potevo semplicemente stare con mia figlia e la nostra nuova famiglia. Non sono stato trascinato in un milione di direzioni e per questo motivo il mio tempo con lei è diventato nitido. Amavo quella semplicità; quell'orbita stretta.

Ma con l'allontanarsi della pandemia (almeno qui negli Stati Uniti), arriva la fine di quella semplicità.

In un certo senso sono una mamma veterana ora: ho resistito alle lunghe notti insonni, alla dentizione, agli scoppi, ai capezzoli screpolati, ai solidi, all'imparare a gattonare e a stare in piedi e ai sobbalzi che ne derivano. Ma ho anche un guscio morbido e ho capito che sono nervoso per essere un genitore in pubblico.

nomi esotici di ragazze ebraiche

Ci sono molte piccole cose che devi imparare in una volta, dice Megan, il cui bambino ha un mese più del mio. Recentemente sono andato per la prima volta in un ristorante con mia figlia, e ho dovuto capire come cambiarla al ristorante, sul fasciatoio del bagno. Se non fosse stato per la pandemia avremmo imparato tutte queste cose gradualmente, ma ora è tutto ad un tratto.

Mi sono trovato anche timido a fare i genitori con gli altri. Alcuni fine settimana fa, abbiamo ricevuto per la prima volta il gelato in famiglia. Quando mio marito ha comprato il gelato, mi sono seduto e ho parlato con mia figlia e mi sono reso conto che nessuno, a parte alcuni familiari, mi aveva davvero visto interagire con il mio bambino. Per un secondo mi sono chiesto, sembro una mamma? La gente penserà che sto facendo un buon lavoro in questo?

L'ho identificata come una sindrome dell'impostore a esordio tardivo, dice Melissa. Per così tanto tempo nessuno mi ha interrogato perché nessuno è stato intorno a me. Non avevo nessuno su cui rimbalzare le idee, non avevo segnali non verbali da guardare, non avevo commenti sprezzanti: lo faccio esattamente come voglio farlo da 9 mesi . Con il rientro ora sto indovinando di più me stesso. Ti chiedi: 'Lo sto facendo bene?'

E c'è anche la parte di me che è triste che stia volgendo al termine: questa bolla forzata. Significa che mia figlia sta crescendo. Per 11 mesi, abbiamo avuto un posto in prima fila per tutto ciò che ha fatto. Ora uno degli asili nido per cui ci siamo messi in lista d'attesa più di un anno fa ha un'apertura per settembre e, anche se sono grato, sto già piangendo la distanza.

Le foto che le ho fatto quando abbiamo lasciato l'ultimo appuntamento dal medico mi hanno mostrato un bambino che era più vicino a un bambino che a un neonato. Quando abbandoniamo la nostra piccola orbita e torniamo alla normalità, so che le cose diventeranno solo più complicate da qui.

Ci sono i lati negativi della pandemia e della quarantena, ovviamente, dice Megan, ma siamo stati in grado di trascorrere così tanto tempo con i nostri bambini e ne siamo stati così viziati. Ora che sappiamo com'è, sarà difficile lasciar perdere.

Questo fine settimana, faremo insieme il nostro primo viaggio in aereo per visitare la famiglia a Boston e, tra poche settimane, Buffalo. Il giorno prima del suo primo compleanno, saliremo su un aereo per visitare la famiglia in Irlanda. Sto facendo tutti questi viaggi, e molte cose, molto più tardi di quanto mi aspettassi inizialmente. Ma oltre al dolore dell'ultimo anno, c'è stata anche la gioia: l'opportunità di essere stato qui con lei, operando a velocità ridotta nel suo piccolo mondo, prima di tuffarsi di nuovo in quello più grande.

Condividi Con I Tuoi Amici: