celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Apprezzo mia madre, ma devo comunque proteggermi dal suo comportamento dannoso

Relazioni
figlia adulta e madre che camminano

FOTOGRAFIA DI ROBERT LANG / IMMAGINI GETTY

Quando hai una relazione difficile con tua madre, le persone cercheranno di minare i tuoi sentimenti in qualsiasi modo ritengano opportuno. Ma lei è tua madre. Ti mancherà quando se ne sarà andata. Dovresti essere più grato per tutto ciò che ha fatto per te.

Ecco la cosa, però, puoi riconoscere il danno che tua madre ha causato e sentire ancora tutte quelle altre cose. Anche se hai una relazione ampiamente positiva, riconoscere il comportamento dannoso di tua madre non significa che non la apprezzi; significa solo che ci sono parti della tua relazione che sono danneggiate.



Mia madre ed io abbiamo avuto una relazione tesa da quando ero un adolescente. Non solo è incredibilmente giudicante, ma controlla. Non sono mai stata una persona particolarmente ribelle, ma posso essere incredibilmente testarda. Ciò significava che ci saremmo scontrati molto. Non sorprende che le cose non siano cambiate anche dopo che sono andato al college o ho lasciato la casa dei miei genitori. Tutto ciò significava che avrei sperimentato mia madre che mi giudicava e che mi infantilizzava a distanza.

Quando hai una madre così, è davvero difficile difendere te stesso, anche quando sai che è necessario. Le critiche di mia madre - che riguardassero il modo in cui mi acconciavo i capelli, il trucco, o quando ero ancora al college, le lezioni che sceglievo di seguire - mi avrebbero fatto tornare a essere un'adolescente imbronciata. Fondamentalmente è così che mi ha trattato, anche se avevo ripetutamente dimostrato di essere in grado di prendere buone decisioni da solo.

il bambino è caduto dal letto sulla faccia

Dopo la laurea, io, come molti dei miei amici, sono dovuto tornare a casa. La laurea durante l'inizio della recessione ha reso incredibilmente difficile trovare un lavoro e vivere in una grande città sarebbe stato costoso e impossibile. I miei genitori lo hanno capito e non hanno avuto problemi con il mio ritorno a casa. Gli ero grato, perché non avevo idea di quanto tempo ci sarebbe voluto per trovare un lavoro che mi avrebbe permesso di guadagnare abbastanza soldi da risparmiare per la mia casa e coprire i miei bisogni di base come il trasporto, il contributo alla spesa o essere in grado per passare una serata con gli amici se volevo.

Dato che mia madre era una casalinga, non capiva bene il processo estenuante di una ricerca di lavoro durante una recessione. Le continue critiche di mia madre - con cui mi occupavo da anni - si sono rivelate vendicative. Poiché non riusciva a vedere che ero costantemente alla ricerca di lavoro e inviando candidature, pensava che tutto il tempo che passavo al computer fossi una cazzata e fossi pigro. Ma sarebbe stata passiva aggressiva e avrebbe parlato con tutti ma me sulle mie presunte mancanze. Quindi l'avrei sentita per caso parlare di me. La sua scusa? Mi metterei sulla difensiva se provasse a parlarmi. Non è del tutto falso, ma quando il suo approccio era sempre antagonistico, ho sentito che io aveva per difendermi.

Ho cercato di non dare mai per scontato il fatto che i miei genitori mi avessero permesso di tornare a casa. Non che mi avrebbero mai lasciato in giro per strada. Ma sapevo che era difficile adattarsi ad avermi di nuovo in giro. Anche per me è stato difficile. Allo stesso tempo, dovevo essere realistico riguardo alle mie probabilità di trovare un lavoro. Con un curriculum che era ovunque, non è stato facile trovare qualcosa. Sono stati mesi e mesi a inviare candidature senza nemmeno un colloquio. E quando non ricevi interviste, sembra che tu non stia facendo nulla, anche se tu sono .

come ravvivare le cose in camera da letto

A volte trovare un lavoro è un lavoro a tempo pieno. Era per me.

Mentre la mia ricerca di lavoro andava avanti, ho trovato alcuni piccoli lavori che almeno mi avrebbero aiutato ad avere alcuni soldi in arrivo, ma le critiche di mia madre non si sono fermate. Poteva sempre trovare un modo per farmi sentire assolutamente spazzatura, il che metteva solo più a dura prova la nostra relazione. Stavo lottando con la mia autostima e lei stava affinando tutte le mie insicurezze su base giornaliera.

Alla fine ho trovato un lavoro meglio retribuito e, dopo un anno, sono andato via dalla casa dei miei genitori per vivere con il mio ragazzo. Dopo diversi anni e un bambino insieme, io e il mio ragazzo ci siamo lasciati. Non avevo un posto dove andare, quindi i miei genitori hanno accolto me e il mio bambino nella loro casa. Era un piccolo appartamento e dovevamo pagare. Certo, sapevo che le cose sarebbero state difficili e sapevo che dovevo risucchiare tutto perché ne avevo bisogno, ma non avevo idea di quanto sarebbe stato brutto. Il comportamento dannoso di mia madre, in particolare le critiche, non era cambiato nel corso degli anni. La differenza più grande era che, ora, ero meno in grado di ignorarlo.

Sono abbastanza sicuro di soffrire di depressione postpartum non diagnosticata. Questo, insieme alla fine della mia relazione, mi ha lasciato un guscio di me stesso. Inoltre, mia madre mi ha trattato come se fossi incapace di prendersi cura di un neonato con successo. Per quasi tutti, era ovvio che stavo lottando, e invece di essere lì gentilmente con me con cui parlare, mi avrebbe accusato di essere di nuovo pigro e attaccato al mio telefono, che stavo usando per cercare lavoro e avere amici con cui parlare quando ero estremamente solo e con il cuore spezzato. È stato difficile da gestire perché mi ha ricordato molto com'erano le cose solo pochi anni prima. Ma questa volta sapevo che mi aveva messo in un angolo: avevo un bambino piccolo e nessun altro posto dove andare. Così ho dovuto soffrire in silenzio, cercando rifugio nei miei amici e in mio figlio quando potevo.

Sì, sono consapevole che i miei genitori non dovevano sostenerci. Credimi, non volevo vivere con loro perché sapevo che mia madre sarebbe stata troppo da gestire per me. Ma quando non hai scelta, devi sacrificarti. Non poter parlare con mia madre di come le sue critiche mi hanno ferito ha fatto crollare rapidamente la nostra relazione al punto che era quasi impossibile ripararla. Ma per fortuna mi sono trasferita, dall'altra parte del paese, in realtà, e la distanza mi ha dato spazio per provare a parlarle dei problemi che abbiamo.

Puoi amare tua madre per tutto ciò che ha fatto per te: sono incredibilmente grata per tutti i sacrifici che ha fatto per darmi una bella vita. Ma capisco anche che quelle erano le sue scelte, e non le dovevo (e non le devo tuttora) nient'altro della gratitudine che le ho già dato. Il comportamento dannoso di mia madre - il suo inflessibile bisogno di essere giusto, il suo giudizio, le sue critiche - ha fatto un danno reale alla nostra relazione, un tipo che non potrà mai essere aggiustato. Cerca ancora di controllarmi, anche se sono una madre single di successo e completamente indipendente nei miei 30 anni.

Quelli di noi che devono vivere con mamme che mostrano comportamenti dannosi (sia fisicamente che emotivamente) non hanno bisogno che gli venga detto di superare il nostro vero dolore perché la persona che lo causa è nostra madre. Stiamo già soffrendo cercando di conciliare il modo in cui la persona che dovrebbe avere le nostre spalle di più è quella che ci sta causando più dolore. Quindi non provare a dirci che dobbiamo apprezzare le nostre mamme. Lo facciamo già, ma questo non cambia il danno che hanno causato.

in attesa di avere un bambino citazioni