Come aiuto i miei figli a legare con la loro sorella che ha l'autismo

Disabilità
Tre cugine femminili che ridono che oscillano sull

Thomas Barwick/Getty

NFT

Sono la mamma stramba con due coppie di gemelli (sì, davvero). Il mio set più vecchio ha 7 anni e il mio set più giovane ha 4 anni. E mentre una delle mie bambine di 4 anni parla e gioca in modo appropriato, l'altra mia figlia no. Le è stato diagnosticato un disturbo dello spettro autistico poche settimane prima del suo terzo compleanno e, oltre a dire qualche parola qua e là, è principalmente non verbale.

In poco più di un anno in cui è stata in terapia, ha fatto enormi progressi in tutte le aree e non potremmo essere più orgogliosi di lei. Tuttavia, non si impegna con i suoi fratelli nel modo in cui fa sua sorella gemella. E non commettere errori, può essere difficile per tutti, specialmente per i suoi fratelli, che non capiscono perché non sembra così interessata a loro.



Non è raro che gli altri miei figli diventino gelosi per quanto tempo passo con mia figlia autistica, e direi che è comprensibile e prevedibile. Diranno cose del tipo, perché riceve sempre più attenzioni? o Come mai non deve mangiare quello che mangiano tutti gli altri?

NFT

Queste non sono le domande più impegnative per me, però. I più duri tendono ad essere qualcosa sulla falsariga di, Perché non le piaccio?

Queste domande sono profonde perché non è affatto così. Per fortuna, ho trovato sei modi inestimabili per aiutare i miei figli a legare con la loro sorella che ha l'autismo.

come affrontare un matrimonio senza sesso?

1. Riconosco i loro sentimenti.

Quando la loro sorella ha un piatto diverso dal resto della famiglia e qualcuno si sente arrabbiato per questo, confermo quelle emozioni. Avvicinarsi a questa situazione sarebbe più o meno così: sei deluso dal fatto che stiamo mangiando hamburger per cena, lo so. Vedi tua sorella con i pancake avanzati che volevi, e questo deve sembrare davvero ingiusto. Mi dispiace che tu ti senta così.

Quindi, passo al perché: tua sorella non mangerà nient'altro per cena in questo momento. E proprio come è mio compito assicurarmi che tu mangi, è mio compito assicurarmi che anche lei mangi. A volte questo significa che riceve un piatto diverso.

Se dopo tutto ciò si sente ancora ingiusto nei loro confronti, gli faccio sapere che anche questo va bene.

2. Li aiuto a capire meglio l'autismo.

I bambini non riescono a capire perché il loro fratello con autismo lo abbia fatto bisogni unici se non capiscono cos'è l'autismo. E poiché sono bambini, nella nostra famiglia manteniamo la terminologia relativamente semplice. Dico loro che la loro sorella è diversa e percepisce il mondo che la circonda in modo più sensibile degli altri. Attraverso libri e programmi TV (come il nostro amato Sesame Street) che sono inclusivi per i bambini con autismo, ho aiutato i miei figli a comprendere un po' più il disturbo della sorella.

3. Modello i comportamenti che voglio che i miei figli mostrino.

Nostra figlia con ASD a volte regola le sue emozioni urlando quando si sente fuori controllo. Sfortunatamente, questa reazione può far sì che gli altri miei figli (e me) crescano sovrastimolati insieme a lei. Quindi, invece di agitarsi e aggiungere benzina sul fuoco, la aiuto con calma a trovare modi per autoregolarsi.

È divertente quante volte ho sorpreso i miei figli a impegnarsi in tecniche di regolazione che modello con la loro sorella, come spremiture profonde, grattandole delicatamente braccia e gambe o usando una spazzola terapeutica contro la sua pelle. Questo non solo insegna loro l'empatia verso chi ha bisogni diversi, ma conferma anche che la nostra casa è uno spazio sicuro dove provare emozioni per mia figlia con autismo.

4. Ci impegniamo in giochi di gruppo come una famiglia.

Il gioco di gruppo offre a me e mio marito l'opportunità di insegnare ai nostri figli nuovi modi di giocare con nostra figlia autistica in un modo che anche tutti trovano divertente. Come molti bambini con ASD, adora qualsiasi gioco sensoriale, quindi ogni giorno ci alterniamo con i bambini da più contenitori sensoriali. E onestamente, chi non ama giocare con la sabbia, le trame viscide o il gioco? Anche a me piace fare queste attività.

A volte ci divertiamo insieme, facciamo arti e mestieri o siamo semplicemente stupidi l'uno con l'altro. Ma, qualunque cosa stiamo facendo, quando lo facciamo insieme, aiuta i nostri figli ad avvicinarsi.

5.Ho fatto loro sapere i suoi fattori scatenanti e perché potrebbe non essere così sensibile ai loro.

Anche se mia figlia in genere non risponde bene agli altri che si inseriscono nel suo spazio personale, a volte dimentica che anche gli altri hanno dei limiti di spazio personale. Correggiamo questo comportamento quando necessario e abbiamo visto la sua crescita, ma questo non rende più facile per i nostri figli quando non sono dell'umore giusto per essere toccati o non sono così tolleranti nei confronti dei rumori forti in questo momento .

In questi casi, ci prenderemmo anche il tempo per convalidare i sentimenti dei nostri figli, aiutarli a capire perché la loro sorella potrebbe comportarsi in quel modo e, se necessario, ridurre l'escalation della situazione.

7. Ho messo da parte del tempo di qualità per ognuno di loro.

Prima di avere figli, pensavo che avrebbero avuto lo stesso tempo con me. È stato solo quando sono diventata mamma che ho capito quanto sia imperfetto quel sentimento, indipendentemente dal fatto che tuo figlio abbia bisogni speciali o meno.

Dedico il mio tempo in base alle esigenze dei miei figli e, a volte, non è distribuito equamente. La maggior parte dei giorni, mia figlia con autismo passa più tempo con me e suo padre durante il giorno. La portiamo alle sue terapie, trascorriamo più tempo a capire cosa sta cercando di comunicare e riversiamo la nostra energia per aiutarla a raggiungere gli obiettivi. E mi rifiuto di sentirmi in colpa per questo.

Perché anche se potrebbe richiedere più del mio tempo, posso comunque darglielo senza mettere gli altri miei figli in secondo piano. Uno dei modi in cui lo faccio è dedicare del tempo ogni giorno per assicurarmi che si sentano amati e speciali. E in quei giorni in cui gli altri miei figli hanno bisogno di me più del solito, do quel tempo anche a loro.

Garantire che tutti i miei figli abbiano abbastanza tempo con me e il loro papà è essenziale per mantenere relazioni sane tra fratelli nella nostra famiglia.

7. Non mi aspetto più comportamenti neurotipici dal mio bambino autistico.

Ad Halloween, una delle mie figlie mi ha detto che non era entusiasta del dolcetto o scherzetto perché aveva detto che sua sorella avrebbe iniziato a urlare e che saremmo dovuti partire presto. E lei non aveva torto. Il costume di sua sorella l'ha sbalordita e non era una fan dell'andare di porta in porta. Dopo due case, ha chiarito che era ora di tornare a casa.

Invece di fare dolcetto o scherzetto pensando che siamo una famiglia, andiamo insieme perché è tutto o niente, ho fatto in modo che mia madre venisse con noi. In questo modo, avrebbe potuto portare nostra figlia a casa se fosse stata sovrastimolata mentre gli altri nostri bambini continuavano i festeggiamenti.

Non possiamo fare dolcetto o scherzetto, partecipare a derby o andare ai carnevali con l'intera famiglia in questo momento senza rendere infelice nostra figlia con autismo. E va bene. Cercheremo sempre di includerla. Ma, allo stesso tempo, non mi permetto di credere che le stiamo facendo perdere le esperienze di vita quando quelle esperienze la portano agonia.

D'altra parte, gli altri nostri figli meritano quelle esperienze di vita che la loro sorella non può gestire. Quindi, a volte, questo significa trovare qualcos'altro che sia divertente per la loro sorella mentre portiamo fuori gli altri bambini. Ciò che rende felice mia figlia con autismo potrebbe non essere ciò che ci si aspetterebbe generalmente da un bambino, ma anche lei merita la felicità, in qualunque forma si presenti.

Ci sono molti diversi tipi di neurodivergenza in corso nella nostra famiglia, quindi perché mai dovrei aspettarmi qualcosa di relativamente vicino alla normalità? Normale è comunque sopravvalutato. Ho dovuto lasciare andare la narrativa nella mia testa su come appare una tipica famiglia felice e vedere la nostra famiglia felice per quello che siamo – e le relazioni tra i nostri figli sono migliori per questo.