celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Come rompere il ciclo delle urla?

Maternità
LittleBee80/iStock

Succede tutte le sere: è ora di andare a dormire. Dici ai tuoi figli di rispondere. Vai in un'altra stanza e torna indietro per trovarli che stanno ancora giocando. Glielo dici di nuovo, più forte, con più forza. Accettano di pulire. Ma di nuovo, torni a vederli lanciarsi palle o lanciarsi bambole l'un l'altro, il tutto mentre ridacchiano. Allora urli. No, ruggisci. PENSO CHE HAI BISOGNO DI MENO GIOCATTOLI SE NON PUOI PULIRE QUELLI CHE HAI!

In poco tempo, è scoppiata una vera e propria partita urlante, con i fratelli più grandi che urlano ai più piccoli, i più piccoli che urlano contro di te e tu che urli a tutti loro di smettere di urlare. voimetti le mani sulle orecchie e ti impedisci a malapena di urlare zitto! Suona familiare?

È davvero, davvero difficile non sgridare i propri figli. È particolarmente difficile se, come me, vieni da una famiglia di urlatori, dove venivi sgridato regolarmente. Hai immaginato le cose in modo diverso per la tua famiglia. Vuoi che i tuoi figli parlino più liberamente, senza timore di punizioni o ritorsioni. Ma hai immaginato che lo facessero educatamente e gentilmente. Tipo, scusami, mamma, ma non credo di voler andare a Target oggi. Sta piovendo e i miei adorabili pantaloni bianchi diventeranno tutti sudici.



Hai iniziato con le migliori intenzioni. Ma in poco tempo gli hai urlato di mettersi le scarpe perché era ora di salire in macchina. Hai urlato quando hanno indugiato. Quando si sono rifiutati di raschiare i piatti (non raschiano mai i loro fottuti piatti). Quando non si preparavano per andare a letto. Quindi, invece di richieste miti, ottieni, NON VOGLIO ANDARE A TARGET! ODIO IL TARGET! L'OBIETTIVO È STUPIDO!

E un giorno, mentre batti le mani sulle orecchie, ti rendi conto che tutto questo urlare è colpa tua.

Devi interrompere il ciclo. Ma Come ? È qui che la maggior parte delle persone si arrende e continua a urlare. Ma non devono. Vedi, urlare non è un comportamento intenzionale. Non ti svegli la mattina e dici, penso che oggi urlerò ai miei figli. La-di-dah-dah! È ora di urlare ai piccoli! No, urliamo per diversi motivi.

Urliamo perché è una risposta istintiva. In effetti, probabilmente stai urlando prima di renderti conto che stai urlando. Qualcosa nel tuo passato ti ha fatto pensare che questa fosse una risposta ragionevole ai bambini piccoli che si comportavano come bambini piccoli. Come ho detto prima, forse sei stato sgridato da bambino. Forse hai attraversato una sorta di trauma o una situazione di abuso domestico. Forse sei stressato fino al midollo, o forse sei ansioso, e si sta manifestando come rabbia. Qualunque sia la ragione, stai urlando prima di sapere che stai urlando.

Urliamo perché non sappiamo cos'altro fare. Se avessi qualcos'altro nella tua cassetta degli attrezzi genitoriale che potresti raggiungere rapidamente nella tua rabbia, lo faresti. E probabilmente lo fai. Potresti cantare una canzone per ripulire o dire che non succede nulla finché un compito non viene completato, quindi sederti e assicurarti che non accada TV, giocattoli, cena o qualsiasi cosa interessante finché il compito non viene completato. Ma invece, sei così arrabbiato che cerchi invece di urlare. È lo strumento più vicino e conveniente.

Quindi, per smettere di urlare, dobbiamo fondamentalmente reindirizzare la risposta istintiva - dobbiamo assicurarci di pensare prima di agire - e dobbiamo prenderci il tempo, nella nostra rabbia, per approfondire la nostra cassetta degli attrezzi genitoriale.

Respiri profondi.

Respiri profondi e meditazione o consapevolezza possono aiutare tutti, ma soprattutto un genitore che si sforza di non urlare. Dobbiamo lavorare duro, duro, duro per catturare noi stessi nel momento prima di urlare. E invece di urlare, dobbiamo fare dieci respiri profondi. Voltatevi e andatevene se dobbiamo (spesso devo, perché ho un carattere orribile). Quindi approfondisci la nostra cassetta degli attrezzi genitoriale, per evitare di urlare.

Quindi chiediti cos'altro potresti fare per calmare la situazione. Nel caso dei miei figli che puliscono, provo a chiedere loro se hanno bisogno che gli gridi contro. Sconcertati, dicono di no. Dico loro di pulire allora, o entrerò con The Big Black Garbage Bag e comincerò a raccogliere giocattoli. Lo dico con calma. Sì, è ancora una minaccia. Ma è ragionevole (hanno bisogno di meno giocattoli), e uno che ho realizzato in passato (metto la borsa nella mia camera da letto e possono riprendersi i giocattoli).

Quando mi sono stufato di doverli aiutare a pulire i Lego dal pavimento, ho bandito tutti i giochi Lego nel – aspetta – Tavolo Lego . Mi sforzo di mordermi la lingua quando non riescono a trovare le scarpe o vogliono tutti cercare lucertole invece di salire in macchina. Cerco di farne una gara invece di urlare e preoccuparmi che i vicini chiameranno i servizi sociali. Questa respirazione e consapevolezza aiutano, lo prometto.

È un lavoro in corso e ci sto provando. Ma urlo ancora ai cani. Perché se fai la cacca sul mio pavimento quando puoi fare i tuoi affari nell'area designata, te lo meriti assolutamente.