celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

La parte più difficile della maternità è chiedere aiuto e accettarlo

Maternità
La parte più difficile della maternità è chiedere aiuto e accettarlo, ma lo faccio comunque

Shutterstock

Prima di avere figli, pensavo di sapere quali sarebbero state tutte le parti più difficili della maternità: mancanza di sonno, terribili anni da bambina, angoscia adolescenziale, perdita totale di identità ed esaurimento, solo per citarne alcuni.

Ho avuto una buona idea dopo avere quattro figli quella merda sarebbe stata dura - e intendo davvero fottutamente dura - per molti, molti anni a venire, e avrei dovuto affrontare. Mi sono detto che l'avevo chiesto e che potevo farcela tutti per conto mio, quindi allontanandomi da argomenti da stronzo come Perché hai avuto figli in primo luogo se tutto ciò che fai è lamentarti di quanto lavoro è?



Ho dovuto rialzarmi, sacrificarmi, spingermi sempre più forte di quanto avrei mai potuto immaginare, e continuare a esistere miseramente nel mio martirio stanco perché è quello che la maternità moderna mi ha detto di fare.

Basta gestirlo! Hai chiesto questo! mi risuonava costantemente nelle orecchie e io mi rifiutavo - e intendo direttamente rifiutato - chiedere aiuto. Non avevo bisogno di aiuto, dannazione! potrei farlo! L'aiuto è per gli imbranati! L'aiuto è per le mamme che lasciano che siano i bambini di 2 anni a comandare, per le mamme impazienti che troppo spesso perdono le staffe, per le mamme pigre che non se la cavano insieme, per le mamme che non amano i loro figli e hanno bisogno di quelle sciocchezze si stacca da loro tutto il tempo. L'aiuto è non per me. Sono madre, ascoltami ruggire!

E poi ho colpito la madre di tutti i muri della maternità e sono crollata in modo epico. ero un brindisi. Pane tostato bruciato. E i toast bruciati non possono allevare bambini.

come giocare alla faida familiare a casa?

La cosa buona di sbattere la tua testa ostinata a tutta velocità nel tuo muro di fusione personale e poi cadere epicamente sul tuo culo è che dopo che sei caduto, c'è solo un modo per andare: su.

La cosa brutta di colpire il tuo muro di fusione personale è che avrai bisogno di qualcuno per farlo aiutarti ad alzarti .

avevo bisogno di aiuto - tanto aiuto . Avevo bisogno di qualcuno che mi sollevasse.

La mia persona ha finito per essere un'altra madre, una così saggia, gentile e generosa che, ancora oggi, ricordo ancora il giorno in cui è successo il mio crollo a casa sua, e sono grata che la prima mano ad aiutarmi sia stata la sua. Ma più importante di quello che ha fatto fisicamente per me quel giorno sono state le parole che ha pronunciato mentre mi sollevava da terra.

Ha detto: Hai presente quella sensazione calda e confusa che provi quando aiuti qualcuno?

Sì, ho risposto.

Bene, quando non chiedi aiuto e non lo prendi, stai togliendo quella sensazione a qualcuno. Quando non accetti l'aiuto che viene offerto, stai togliendo a qualcuno la possibilità di servirti in un modo che potrebbe aver bisogno di fare. Smettila di togliere queste possibilità alle persone, perché ci sono persone che sono messe su questa terra solo per essere degli aiutanti. È fondamentale per la loro esistenza. Potresti non sapere chi sono, ma loro sanno chi sei. Lascia che ti aiutino. Devi chiedere aiuto, ma soprattutto, devi prenderlo .

Come un tossicodipendente che fa il primo passo verso la guarigione, dovevo ammettere che avevo bisogno di aiuto. E quando finalmente l'ho fatto quel giorno, mi sono sentito sia vendicato che completamente liberato. Ero libero di provare a fare tutto. Finalmente ero libero. Aiuto? Portalo.

Non avrei mai immaginato che il vero la parte più difficile della maternità è in realtà ammettere che non puoi fare tutto da sola e che hai bisogno di aiuto. La seconda parte più difficile? Prendendo l'aiuto.

Sentiamo dire che ci vuole un villaggio tutto il tempo, ma poi sediamo da soli nelle nostre case nel nostro villaggio e soffriamo inutilmente. Che sia a causa dell'orgoglio, dell'ignoranza, della testardaggine o di qualche blocco mentale che ci mantiene schiavi della bugia che abbiamo carenze materne se cerchiamo aiuto, non lo so davvero. Penso che possa essere una combinazione di tutte queste cose o di questa società tuttofare in cui viviamo, ma qualunque cosa sia, so che dobbiamo liberarcene stato e permetterci di diventare abbastanza vulnerabili da chiedere e accettare aiuto con un atteggiamento di grazia, non di sconfitta.

Sono passati molti anni da quell'ormai famigerato crollo, e credo fermamente di essere ancora in qualche modo sana di mente, e una grande madre, semplicemente per il fatto che ho smesso di farlo da sola. Negli ambienti locali, sono famoso per aver detto cose come: Se hai il polso e puoi chiamare il 911, allora sì, puoi guardare i miei figli. E anche adesso, anche se i miei figli sono più grandi e sono in grado di gestire più pazzi da solo, al minimo accenno di un'altra madre che mi offre aiuto o mi fa un favore, afferro quella merda più velocemente di un avvoltoio su un roadkill. Diavolo sì, puoi aiutarmi!

Molte volte da quel giorno, mi sono ritrovata a ripetere le sagge parole della mia amica alle madri più giovani, osservando il sollievo inondare i loro volti stanchi quando si rendono conto che ora hanno il permesso di non essere perfette. Racconto loro delle persone di aiuto che vagano per questo pianeta in attesa di essere chiesti favori, come cercare di farlo da soli finisca sempre male e come dobbiamo smettere di togliere le possibilità agli aiutanti di provare sentimenti caldi e confusi.

Forse ora sono una di quelle persone messe su questa terra per aiutare, piombando in giro a salvare le anime delle giovani madri, offrendo aiuto, facendo favori e mantenendo le madri sane. Chi vuole essere il mio primo roadkill?