celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

L'avversione allo sguardo può aiutare i bambini a elaborare le informazioni e ridurre lo stress

Bambini
Sguardo-avversione-1

Mamma spaventosa e Halfpoint/Getty

NFT

Quando ero bambino, mi è stato insegnato che il contatto visivo era un segno di rispetto. Adulti, insegnanti e allenatori hanno detto tutti la stessa cosa: Guardami quando parlo . Distogliere lo sguardo sembrava segnalare che io oi miei coetanei non stavamo prestando attenzione. Questo potrebbe essere il caso per alcuni, ma col tempo ho imparato che sono molto bravo ad ascoltare e allo stesso tempo a dedicare la mia attenzione a qualcos'altro. Ero e sono più efficiente quando scrivo note o guardo nel vuoto. E quando sto cercando di capire qualcosa, alzo lo sguardo o chiudo gli occhi.

Eppure dimentico che anche altre persone, in particolare i miei figli, devono farlo. L'avversione per lo sguardo o distogliere lo sguardo non è sempre un segno di mancanza di rispetto; è una strategia di elaborazione cognitiva importante e necessaria.



Il contatto visivo può variare da sprezzante a inquietante. Se eviti costantemente gli occhi di qualcuno o fai un lavoro sfuggente del tuo sguardo, può innescare sentimenti di disonestà, pericolo o rifiuto nelle persone intorno a te. Ma se fissi troppo a lungo o troppo intensamente negli occhi di un altro, l'altra persona potrebbe sentirsi a disagio e imbarazzata. Il contatto visivo è quanto di più vicino riusciremo a leggere nella mente di qualcuno, e quando qualcuno riflette su di noi, può sembrare che siamo costretti a fare anche un po' di auto-riflessione. Sapere che un'altra persona ci sta leggendo, o ci vede, può essere disarmante.

NFT

PER studia ha mostrato che la durata media del contatto visivo è di tre secondi; nove secondi era il massimo che qualcuno avrebbe voluto guardare un altro. Questo perché fissare gli occhi di un altro crea un reazione chimica . Potresti provare gioia, curiosità o paura. L'intimità del contatto visivo può interferire con la memoria di lavoro e può aggiungere stress a situazioni già stressanti.

Ora pensa a tuo figlio oa un bambino a cui insegni o alleni. Viene costantemente chiesto loro di esplorare nuovi argomenti, abilità e persone. Non smettono mai di imparare e sono bombardati da informazioni e feedback tutto il giorno. Non c'è da stupirsi che i nostri figli si sciolgano e perdano la merda Sentono anche stress e ansia. È qui che l'avversione per lo sguardo torna utile. Succede a scuola, con gli amici ea casa.

L

Katarzyna Bialasiewicz / Getty

donne glamour dell'anno 2018

I bambini spesso distolgono lo sguardo da noi e dagli altri, come un modo per rendere più gestibile un'esperienza socio-emotiva negativa. Uno studio ha esaminato 36 studenti di otto anni. Sono state poste domande faccia a faccia o tramite un feed video in diretta. Le domande variavano in difficoltà e riguardavano argomenti come la matematica e il ragionamento verbale. I bambini avevano maggiori probabilità di distogliere lo sguardo quando venivano poste domande faccia a faccia e, poiché le domande diventavano più difficili, distoglievano lo sguardo più spesso. Gli autori dello studio hanno concluso che la funzione dell'avversione allo sguardo è quella di gestire il carico cognitivo coinvolto nell'elaborazione delle informazioni ambientali.

Un altro studio si è concentrato sui bambini dell'asilo e ha deciso di determinare se insegnare agli studenti l'avversione allo sguardo li avrebbe aiutati a concentrarsi. A due gruppi di studenti sono state poste le stesse domande, ma a un gruppo è stato chiesto di distogliere lo sguardo dalla persona che ha posto la domanda prima di rispondere. I ricercatori hanno scoperto che i bambini continuavano a distogliere lo sguardo naturalmente quando le domande diventavano più difficili anche quando non gli veniva detto di farlo. Ma il gruppo a cui è stato insegnato a distogliere lo sguardo ha risposto a tutte le domande in modo più accurato, in particolare alle domande più difficili.

Questi studi sono ottimi promemoria per educatori e allenatori. I bambini che distolgono lo sguardo non sono disinteressati o insicuri; stanno mettendo a punto un'abilità molto importante. Non solo il contatto visivo può ostacolare la capacità di un bambino di pensare chiaramente, ma distogliere lo sguardo può anche consentire loro di evitare altre distrazioni dai coetanei o dalle decorazioni della classe.

Devo ammettere che mi sento frustrato quando i miei figli non ascoltano . Potrebbero sentirmi, ma quando non rispondono in un modo che mi dice che hanno elaborato le informazioni che ho inviato loro verbalmente, divento impaziente e irritabile. Sono una di quelle persone che ha più probabilità di farcela contatto visivo e tengo lo sguardo di qualcuno più a lungo di quanto possa metterlo a suo agio (incolpo i miei allenatori) così quando sento di non essere ascoltato, dimentico la mia capacità di fare due cose contemporaneamente e chiedo che i miei figli mi guardino quando chiedo loro una domanda. Di solito alzano lo sguardo da qualunque cosa stessero facendo e ringhiano una risposta irritata che mi dice che in realtà hanno preso le informazioni che ho detto.

non voglio essere incinta

Certo, a volte i bambini sono così egocentrici che dobbiamo battere le mani e alzare la voce per attirare la loro attenzione, ma devo essere più bravo a lasciare vagare gli occhi dei miei figli. Questo è particolarmente vero quando spiego loro qualcosa, cerco di disciplinarli o li aiuto a elaborare grandi emozioni. I loro livelli di cortisolo sono già alti in queste situazioni e il loro istinto di usare l'avversione per lo sguardo è un tentativo positivo, non irrispettoso, di autoregolarsi. E se un bambino pensa di essere nei guai, può sentirsi spaventato. Distogliere lo sguardo toglie l'intensità della situazione; può aiutare un bambino a sentirsi meno sopraffatto.

Quando qualcosa mi spaventa, tendo a distogliere lo sguardo anch'io. Se qualcuno mi corregge o cerca di aiutarmi in una situazione o in una sensazione intensa, l'ultima cosa che voglio fare è stabilire un contatto visivo penetrante. Di solito provo vergogna, frustrazione o imbarazzo. Distolgo lo sguardo ma resto impegnato. Sono in grado di acquisire informazioni senza guardare direttamente la persona con cui sto interagendo. Anche i nostri ragazzi lo sono.

Incoraggiamo i nostri figli a fare delle pause o a pensare prima di parlare o agire. Farò meglio a insegnare anche ai miei figli a distogliere lo sguardo.