L'alimentazione artificiale mi ha reso una mamma migliore

Bambini
funzione formula

Ridofranz/Getty

Allattamento al seno o biberon? Mi è stato chiesto più volte durante il travaglio e il parto del mio primo figlio.

quale olio è buono per il massaggio del bambino?

Avevo avuto l'impressione che tutti, a meno che non fossero fisicamente incapaci, allattassero al seno. Chi allatta con il biberon senza motivo? , Ho pensato. Mia sorella ha subito una doppia mastectomia e non poteva allattare, ma questo è l'unico motivo per cui pensavo che qualcuno avrebbe rifiutato.



E così, senza pensarci, ho detto allattare con un leggero accenno di superiorità nella voce. Ragazzo, sarebbe tornato a mordermi - letteralmente.

Il seno è meglio è stato bruciato nel mio cervello e non sapevo nemmeno da dove venisse per la prima volta.

Il colostro è oro liquido che qualcuno mi aveva detto - e in effetti sembrava quasi così, macchie di uno scintillio quasi dorato che filtrava in quelle prime ore di maternità.

Le frasi che nessuno pensava di inserire nel manuale dell'allattamento al seno della neomamma, però, erano come queste:

Duro come l'inferno.

Oppure questo:

Coltelli ai capezzoli.

Ero leggermente terrorizzato dal fatto che un bambino umano uscisse da un'apertura molto piccola, ma non ho mai considerato il dolore bruciante che potrebbe derivare quando quel bambino ti succhiava i capezzoli asciutti 24 ore al giorno.

Nessuna quantità di lanolina poteva lenire i problemi che sarebbero venuti.

Piansi sulla sua sedia a dondolo, gemendo di tanto in tanto per il dolore mentre quella prima vampata di suzione affondava nel mio capezzolo come il morso di un vampiro.

giochi di sesso da fare con il tuo partner

Non si sarebbe agganciato, quindi è venuto fuori il permanente protezione per capezzoli . Non riuscivo a mettere la sua bocca intorno alla mia tetta (Riesci a credere quante tette devono entrare in quelle piccole bocche?) Ho visto il consulente per l'allattamento ogni pochi giorni. Ho sopportato quello che sembrava l'accoltellamento delle mie tette ogni paio d'ore per tutta la notte. Ha succhiato per un'ora e mezza e non avevo idea di cosa stesse succedendo.

Risulta, non molto. Mio figlio ha perso quasi 2 chili (riducendolo a poco più di 5 chili) nelle prime due settimane della sua vita e io ero terrorizzato ogni volta. Non stava prendendo abbastanza latte. Non stavo facendo abbastanza latte. Ero dolorante, sanguinante, esausto e disperato.

Ero ossessionato dal suo peso, timoroso che cadesse da un giorno all'altro a mia insaputa. I miei problemi di allattamento al seno hanno esacerbato una battaglia palpabile con l'ansia postpartum, accumulata da un marito che era anche al limite come papà per la prima volta.

In poche settimane, mi sono dedicato esclusivamente al pompaggio, che poi è diventato tutta la mia vita. Ogni poche ore per pompare e poi dargli da mangiare le bottiglie ( essere sottopeso , ci è stato detto di svegliarlo ogni minimo 3 ore), lavare le parti della bottiglia, farle bollire, avere problemi ad addormentarsi tra un round dopo l'altro della roulette delle tette (avrei fatto 2 once o 6 once questa volta? Dovrei integrare con formula? Ne aveva abbastanza?)

La mia bella pompa, la doppia pompa elettrica Ameda, o non funzionava bene o semplicemente non funzionava, quindi abbiamo noleggiato la pompa di livello ospedaliero, che costava e costava un braccio e una gamba, ma sembrava sufficiente.

Ho sentito le voci su Internet che dicevano che l'allattamento al seno è una bellissima esperienza di legame. Ho letto post di blog di donne che erano tristi di dover svezzare i loro bambini di un anno. Un anno in questo purgatorio del latte materno sembrava più lungo dell'eternità. Che cos'era questo obiettivo di un anno di cui ho visto scrivere così tante persone su tutti i gruppi Facebook delle mamme? Mi ha fatto sentire un fallito dopo solo un mese.

Ho preso il fieno greco come un tossicodipendente e ho sorseggiato il tè al latte materno, facendo spuntini con biscotti per l'allattamento tutto il giorno. Proprio come le fasce marine che ho provato a indossare per liberarmi dalle nausee mattutine nel primo trimestre, queste cure sembravano essere una totale sciocchezza.

Il mio consulente per l'allattamento mi ha incoraggiato a continuare a provare. Mi ha consigliato di integrare con la formula, facendo sentire ogni bottiglia di latte materno come un elisir sacro che vive nel mio frigorifero. Non potevo scuotere la sensazione che non stavo dando al mio bambino ciò che era meglio quando ho integrato con la formula.

Ma poi, ha iniziato a ingrassare. Libero dalla tortura dei capezzoli, ho cominciato a riguadagnare il mio corpo e la mia sanità mentale a poco a poco. La formula supplementare stava nutrendo il mio bambino quando non potevo. Lentamente, ho introdotto di più e mi sono allontanato dal latte materno. Per coincidenza, il mio umore e il mio divertimento come mamma hanno cominciato a migliorare.

Dopo circa 10 settimane di scontento e lotta per l'allattamento al seno, sono passato completamente all'alimentazione artificiale. Non ho mai perso un'esperienza di legame (in effetti, mi sentivo più vicino a lui quando non ero ossessionata da quel maledetto latte) ed ero molto più felice, poiché l'ansia diminuiva e potevo concentrarmi sull'essere la migliore mamma che potevo essere. Fuori il pianto o lo stress per l'allattamento al seno. ERO. GRATUITO.

Due anni dopo, ho avuto il mio secondo bambino. La pressione era alta e mi sono detto, devo provarci. Avanti veloce fino a 24 ore dopo la sua nascita, avendo già sperimentato l'accoltellamento, un capezzolo sanguinante, lo scudo del capezzolo e un suggerimento di pompaggio perstasera.

Tutto quello che sentivo all'uscita dall'ospedale era il terrore. Le conseguenze della nascita di mio figlio mi sono tornate ruggendo come se avessi avuto una sorta di disturbo da stress post-traumatico materno. Mi ha fatto venire la nausea pensare di rivivere tutto di nuovo - e passare direttamente a pompare esclusivamente il suono come una pena detentiva.

Quella sera ho espresso le mie difficoltà all'infermiera di turno, poiché mi ha detto che anche lei aveva un rapporto di amore-odio con l'allattamento al seno.

Non c'è amore per me, ho detto, è solo odio.

E poi mi ha fatto un regalo meraviglioso.

Sai, se decidi di non voler fare questa cosa dell'allattamento al seno, faccelo sapere. È il tuo bambino. Devi solo allattare il tuo bambino, ha detto con gentilezza nella sua voce.

Ho inghiottito le lacrime mentre pensavo seriamente di saltare l'allattamento al seno e di dare il mio latte artificiale, che in realtà è un'invenzione miracolosa che salva la vita dei bambini di tutto il mondo ogni singolo giorno. Ad esempio, probabilmente dovremmo tutti bere la formula nei nostri frullati a causa di tutta la bontà vitaminica che è racchiusa in esso.

Ho passato le ore successive alla preghiera, a Google e ai messaggi agli amici. Mio marito mi ha incoraggiato a usare il mangime artificiale se era quello che volevo. I miei amici più cari mi hanno scritto il loro supporto, menzionando un amico che stava adottando un neonato che avrebbe bevuto la formula. Un altro amico mi ha ricordato che entrambi i suoi bambini sono stati alimentati con la formula per scelta e ora sono bambini sani e felici di 9 e 6 anni.

tutto ciò di cui ho bisogno è uno per me

Ho trovato un gruppo Formula Feeding Mommies su Facebook e mi sono iscritto immediatamente. Vedere le foto dei più piccoli e unirmi a migliaia di altre mamme che hanno fatto la scelta di alimentarmi in formula come me mi ha fatto sentire molto meno sola.

Ho chiamato la mia infermiera nella stanza d'ospedale e le ho detto che non avrei allattato. A questo punto avevo una nuova infermiera, che ha detto: Ok, fantastico, prenderò dei biberon, e poi ha continuato a dirmi che aveva preso la stessa decisione con il suo secondo bambino dopo aver avuto molti problemi con il primo.

Sembrava un segno. Una volta presa la decisione, è stato come togliermi un peso e tornare a casa non mi sembrava più una punizione ordinata dal tribunale. La nostra esperienza neonatale si è sentita improvvisamente piena di luce e possibilità. Non ho dovuto torturarmi con l'allattamento al seno e il mio bambino non sarebbe morto per questo.

Quindi eccoci qui, da 10 giorni. Il mio neonato viene nutrito. Lei e 'felice. Sta ingrassando. E sono davvero felice in questo momento. Medici e infermieri devono chiederti l'allattamento al seno o il biberon per valutare la situazione del tuo bambino, ma lo chiedono senza giudizio perché l'alimentazione artificiale è una scelta perfettamente accettabile.