Facebook sta 'mettendo in pausa' il lavoro sull'app per bambini di Instagram dopo il contraccolpo

Notizia
Inquadratura dal basso del ragazzo che guarda la tavoletta digitale mentre si trova con le sorelle utilizzando il telefono cellulare sul letto di casa

Maskot/GETTY e Instagram

Facebook sta frenando la sua app Instagram per gli utenti più giovani, affermando che le informazioni sono trapelate prima che l'azienda avesse un piano solido per ciò che voleva creare

Facebook ha lavorato duramente negli ultimi anni per lanciare prodotti rivolti a una generazione più giovane di utenti: da Portal, il suo hardware di messaggistica video che è stato ampiamente commercializzato come un modo per consentire ai bambini di rimanere in contatto con la famiglia, a Messenger Kids, un -versione down dell'app di messaggistica del sito realizzata con misure di sicurezza che consentivano ai genitori di supervisionare i messaggi online dei propri figli. Ma ora la società sta mettendo in pausa i suoi piani per una versione di Instagram rivolta agli utenti più giovani, dopo un diffuso contraccolpo.

Il capo di Instagram Adam Mosseri ha spiegato in a post sul blog che mentre l'idea viene messa in secondo piano, l'azienda continuerà a lavorare sulla sua idea per un'app Instagram commercializzata per utenti di età inferiore ai 13 anni. In una serie di tweet, Mosseri ha accusato il contraccolpo dei resoconti dei media e delle persone che non hanno capito il vero scopo dell'app.



La pausa non cambia lo status quo. Gli U13 ricevono telefoni, travisano la loro età e scaricano oltre 13 app. YouTube e TikTok hanno visto questo accadere e hanno realizzato prodotti per u13, noi stavamo facendo lo stesso, ha scritto. Devo credere che i genitori preferirebbero l'opzione per i loro figli di utilizzare una versione di Instagram adatta all'età - che dia loro la supervisione - rispetto all'alternativa. Ma non sono qui per minimizzare le loro preoccupazioni, dobbiamo farlo bene.

Mosseri ha affermato che l'app non è mai stata pensata per utenti molto giovani, ma per offrire ai ragazzi (di età compresa tra 10 e 12 anni, ha scritto) un modo adeguato all'età per partecipare alla condivisione di foto online.

Tuttavia, le sue dichiarazioni vengono dopo il giornale di Wall Street ha pubblicato una serie di storie schiaccianti su Instagram Kids, incluso il fatto che Facebook aveva una propria ricerca interna che mostrava che app come Instagram peggioravano i problemi di immagine corporea per i giovani utenti, in particolare le ragazze. L'app è stata anche ampiamente criticata da gruppi di difesa che affermano che mentre Facebook afferma che sta cercando di proteggere i bambini sulle sue app, questo è un tentativo sottilmente velato di espandere il marketing a una nuova fascia demografica più giovane, indipendentemente da come i social media potrebbero danneggiare i più giovani utenti.

Il progetto è trapelato molto prima che sapessimo cosa sarebbe stato. La gente temeva il peggio e in quella fase avevamo poche risposte. I recenti rapporti del WSJ hanno causato ancora maggiore preoccupazione. È chiaro che dobbiamo dedicare più tempo a questo, ha scritto Mosseri. La supervisione dei genitori è stata una parte importante di ciò che stavamo già costruendo per i minori di 13 anni e nei prossimi mesi espanderemo la supervisione dei genitori con attivazione agli account per adolescenti su Instagram, offrendo ai genitori una maggiore supervisione delle esperienze dei loro figli sulla nostra app.

Condividi Con I Tuoi Amici: