Mi scusi, ma è una terza tetta sotto l'ascella?

Salute E Benessere
terzo seno

La prima gravidanza è sempre la più eccitante. Questo non vuol dire che le altre gravidanze non siano piene di meraviglia, ma la prima è piena di tutte le cose nuove. Ogni cambiamento è una nuova esperienza e l'ignoto contribuisce ad aumentare il brivido di tutto.

Mi sono divertita io stessa quella prima gravidanza... cioè, fino a quando ho notato un nodulo delle dimensioni di un kiwi che cresceva sotto l'ascella. Il peggiore degli scenari mi è passato per la mente. Ho avuto il cancro? Era un tumore? Che diavolo!?

Seduta nell'ufficio dell'ecografia, fissavo il monitor cercando di capire cosa stesse vedendo su quel piccolo schermo.



Che cosa è vero?

Tutto quello che posso vedere è il tessuto del seno. Invierò i risultati al tuo medico.

Ho sentito un senso di sollievo, nessun tumore, solo tessuto mammario... sotto l'ascella. Non ne avevo idea perché sarebbe così, e il mio ginecologo è stato davvero di scarso aiuto in quel reparto. Mi è stato detto che era solo tessuto mammario, il seno si gonfia durante la gravidanza e che dovrebbe tornare alla normalità dopo il parto. Questa era un'ottima teoria ma, dopo aver guardato intorno, nessun'altra donna incinta sembrava andare in giro con un kiwi in una fossa!

Alla fine, un mio amico consulente per l'allattamento mi ha detto che potrebbe essere una ghiandola mammaria in più. Questo è stato confermato in ospedale dopo aver dato alla luce il mio primo figlio. Un secondo consulente per l'allattamento è entrato per controllare la situazione infermieristica e ho sbottato, penso di avere una terza tetta. Nella tradizione dei consulenti per l'allattamento che si danno da fare con le tue tette, mi ha tolto il camice dell'ospedale per esaminare l'appendice in più.

Questa signora aveva tutte le buone informazioni. Apparentemente, le tue linee di latte corrono dall'ascella fino all'addome (pensa a un gatto o un cane con una cucciolata di cuccioli). Puoi nascere con ghiandole mammarie extra o capezzoli extra ovunque lungo la linea del latte e, a meno che tu non abbia un capezzolo visibile, potresti non sapere che è lì fino a quando il tuo seno non si gonfia durante la gravidanza. Il consulente ha poi proceduto a dirmi che c'era una donna in ospedale il giorno prima con otto tette! (Riesco a sentire i sussulti collettivi attraverso il computer.) All'improvviso mi sono sentito abbastanza felice solo per avere l'UNO in più. Ha poi continuato dicendo che sarebbe andato via dopo l'allattamento e che, poiché non c'era un capezzolo visibile, si sarebbe asciugato e si sarebbe ridotto alle sue precedenti dimensioni non rilevabili.

Ma ecco dove si è sbagliata: finalmente il mio latte è arrivato per il mio primogenito, e mentre lo stavo allattando, ho chiesto a mio marito se voleva alzare l'aria condizionata perché mi sentivo come se stessi sudando copiosamente. Fu allora che guardai in basso per vedere che no, non stavo sudando, ma quella che pensavo fosse stata la più piccola delle lentiggini marroni era invece un capezzolo che al momento stava gocciolando latte in una pozzanghera sulla mia maglietta. Sì, iscrivimi al circo, gente! Non solo ho una terza tetta, ma sta allattando. lac. Tati.

Ho dovuto allattare con un asciugamano sotto l'ascella, e mentre la maggior parte delle mamme che allattano deve andare in giro con solo assorbenti per il seno nei reggiseni, io devo farlo e indossare un enorme cerotto sull'ascella. Giusto perché sappiate tutti qui, mio ​​figlio è nato a giugno. Canotta meteo. È stato favoloso.

Tra il primo e il secondo bambino, ho rimosso chirurgicamente la tetta. C'è ancora del tessuto mammario lì dentro e con ogni gravidanza, si gonfia per salutare, ma almeno non c'è un capezzolo. Sto bene con la terza cosa del seno, ma non con i vestiti bagnati ogni volta che ho bisogno di allattare o sentire un bambino che piange.

Così il gioco è fatto. Penso che la terza tetta possa dare a tutti una visione più luminosa della vita e dei loro corpi dopo il bambino. Il tuo stomaco potrebbe sembrare una veneziana per le smagliature che ti sei guadagnato, o potresti avere la pelle che ora assomiglia in qualche modo alla proboscide di un elefante, ma comunque, guardandoti allo specchio puoi sempre dire, almeno non latta!

Quindi, ecco a te, terza tetta. Grazie per aver fatto sentire un po' meglio la maggior parte del mondo con se stessi... e per avermi dato una grande storia da raccontare. Saluti!

Post correlato: 4 verità sui nostri corpi dopo il parto