È troppo tardi per diventare una mamma 'sì'?

Genitorialità

Caramelle per colazione? Onestamente, forse, a questo punto.

  Una mamma stanca di dover sempre dire di no ai suoi figli Ariela Basson/Scary Mommy; Immagini Getty, Shutterstock

Sono le 9 di sabato e sento mia figlia di sei anni che fruga nella dispensa. Dieci minuti fa le ho appena offerto un'abbondante colazione a base di uova strapazzate con pane tostato e salsiccia e un hash brown. Metà di questa colazione rimane nel suo piatto abbandonato seduto al bancone della cucina. So esattamente cosa sta per chiedermi e sono precaricato con la mia risposta.

'Mamma, posso avere delle caramelle?' lei chiede.



'No, ma puoi finire il resto della tua colazione', rispondo, come faccio, ogni giorno dopo un pasto.

olio essenziale per le orecchie

'Ho solo fame di caramelle', afferma. Questa conversazione si svolge alla lettera, ogni fine settimana, sia sabato che domenica, poiché (fortunatamente) non c'è abbastanza tempo per discutere del dessert dopo la colazione durante i giorni di scuola. Dico di no, ogni volta. Caramelle come prima o seconda cosa al mattino? Ovviamente no. (Ignoriamo il fatto che a volte la colazione è costituita da pancake con scaglie di cioccolato carichi di sciroppo.)

Ma ecco il punto: sono così stufo e stanco di dire di no!

Cosa succede se Ho appena detto di sì , e le ha dato le dannate caramelle? Sarei diventata la sua migliore amica e mi sarei risparmiata il mal di testa. Probabilmente non la sto risparmiando molto in termini di nutrizione.

Ovviamente, voglio dare un esempio di struttura e disciplina , perché i miei figli guardano a me per stabilire dei limiti. Se non lo facessi, starebbero sui loro iPad tutto il giorno e mangerebbero zucchero a ogni pasto. Ma amico, sono stanco.

formula alimentare comparabile

Non sono mai stata una persona dallo spirito libero, e questo ha portato al mio stile genitoriale. Anche quando ero bambino, volevo seguire le regole e mi stressavo per il fallimento. La mia fase di ribellione adolescenziale era addomesticata e limitata a tentativi infruttuosi di tingere i miei capelli corvini di una miriade di colori e di indossare abiti folli. In realtà non ho infranto nessuna regola perché non sono mai stato il tipo. Anche quando ho chiesto di spingere minimamente i limiti, le mie richieste il più delle volte sono state soddisfatte con no.

Sono orgoglioso di dire che sto lavorando per perdere molta di quella rigidità. Traccio il limite con le caramelle a colazione, però... o almeno, l'ho fatto fino ad ora.

Ma dopo un decennio passato a crescere figli e a fornire una struttura ai miei figli, sono esausto. Mi trovo desiderosi di essere più spensierati ma trovando difficile abbandonare le regole fisse che ho stabilito per me e per i miei figli fin dall'inizio.

lettino per bambino

Eppure, i miei figli mi confrontano costantemente con altri adulti che (apparentemente) lasciano che i loro figli facciano quello che vogliono per la maggior parte, e io mi sento inadeguato. Sento costantemente una versione di: 'Beh, la loro mamma lascia che facciano tutto - perché non puoi?' Una mamma di scuola, parenti, genitori immaginari della TV. Fa male. Anche se so che la genitorialità è soggettiva e possiamo fare solo ciò che è in nostro potere, punge ancora quando so che vorrebbero che fossi diverso. Poi di nuovo, non avrei voluto che anche i miei genitori fossero diversi?

È persino possibile per me in questa fase del gioco genitoriale diventare una mamma 'sì'. ? Cosa ne sarebbe dei miei figli se lo facessi? Caramelle a qualsiasi ora? Schermi quando vogliono? Prendi un giocattolo ogni volta che entriamo nel negozio? Non è ora di andare a dormire? Anche solo pensare di dire di sì a tutto questo, tutto il tempo, mi fa aumentare la frequenza cardiaca. Direi che i miei figli hanno già il 50% di possibilità in quello che vogliono. Mi sembrano ottime probabilità! Ma i miei figli non sono soddisfatti del ragionamento secondo cui hanno molta più clemenza di quanta ne avessi io da bambino.

Spero che un giorno i miei figli capiranno perché non ho sempre ceduto a ogni loro capriccio. Possano apprezzare la particolarità dei tempi in cui è stato pronunciato il 'sì' e capire il perché dietro il 'no'. Fino ad allora continuerò la battaglia delle richieste di caramelle dopo la colazione e contrastando l'infinito 'Posso avere questo' attraverso ogni singolo corridoio di Target, perché se è una cosa che ho imparato sui bambini, il mio in particolare, è che non non accettare facilmente un no come risposta.

CJ Kelsey è moglie e madre di due figli e la sua famiglia viveva nell'area metropolitana di Detroit. Lavora come fisioterapista e nel tempo libero ama leggere, cucinare e scrivere nel suo blog www.mommingonfumes.com .

Non sono una formula per bambini

Condividi Con I Tuoi Amici: