Non innamorarti di questi 10 miti comuni sul matrimonio, per favore

Relazioni
Non innamorarti di questi 10 miti comuni sul matrimonio, per favore

Anchiy / iStock

C'è molto sul matrimonio che non sai finché non fai il grande passo. L'unico mito sul matrimonio che è vero è che non importa quanto tempo state insieme, probabilmente non sarete mai d'accordo sul fatto che il latte debba stare sul tavolo durante la colazione o tornare in frigo (dovrebbe sempre torna in frigo). Il matrimonio è diverso per tutti e i livelli di impegno variano a seconda della linea. Tuttavia, i miti del matrimonio standard sono per lo più solo miti, come...

Mito 1: le coppie felici non litigano.

Lo facciamo sicuramente! Se non lo facessimo, l'unica cosa in TV sarebbe il golf e il rotolo di carta igienica sarebbe sempre come lo voleva la persona di tipo A. C'è un tempo per arrendersi e un tempo per mantenere la propria posizione. Discutere non è solo un'eccellente forma di comunicazione, richiede anche che l'altra persona rispetti il ​​fatto che tu abbia opinioni che non sono le sue. Come fanno le coppie a essere felici? Di certo non girando quel maledetto rotolo di carta igienica ogni volta che usi il bagno.



cosa significa unicorno in lularoe

Mito 2: Se sposo la persona giusta, ci sentiremo sempre innamorati.

Ricordi quegli stivali che adoravi e di cui ti prendevi cura più di tutti i tuoi figli? A poco a poco, con il passare dei mesi e il cambiamento delle stagioni, sono stati colpiti da pioggia, vento, fanghiglia e fango. Non sembrano lisci e lucidi come quando li hai acquistati per la prima volta, ma sono comunque eleganti. Hanno anche un aspetto consumato, robusto e ruvido che gli conferisce carattere. Inoltre, sono rodati e comodi. Così è il matrimonio. Non amerai mai quegli stivali come li amavi quando li hai acquistati per la prima volta, ma avrai imparato ad apprezzare quanto siano comodi e tutti i difetti che hanno acquisito durante il tuo viaggio insieme. Potresti non provare sempre quel profondo desiderio d'amore per il tuo coniuge che avevi una volta quando era tutto così nuovo, ma avrai un amore radicato che non può essere sostituito da, o con, nessun altro.

Mito 3: I nostri figli hanno bisogno di noi, quindi dovrebbero sempre venire prima.

E cosa succede quando se ne sono andati e sono troppo occupati per te o per il tuo coniuge? Sì, i bambini hanno bisogno. Sì, dovresti essere un ottimo genitore, essere lì per loro e trascorrere del tempo con loro. Ma non dovresti sostituire il tuo matrimonio con la genitorialità. Ricorda, vi siete detti di sì molto prima di dire di sì ai bambini. Se non nutri il tuo matrimonio durante gli estenuanti anni di educazione dei figli, non avrai un matrimonio quando saranno cresciuti e volati. Non è facile dedicare del tempo libero ai bambini, ma è una delle cose più importanti che farai mai per la tua relazione.

essere una mamma è la cosa migliore

Mito 4: Il matrimonio è lavoro.

Il matrimonio richiede uno sforzo se vuoi farlo funzionare, ma il matrimonio in sé non è un lavoro. Il matrimonio è un impegno, quindi se pensi che impegnarsi nelle cose sia lavoro, allora forse lo è. Tuttavia, c'è molto di più nella vita che richiede impegno oltre al semplice matrimonio. Hobby, sport, lavoro, giochi per computer, qualsiasi tipo di interesse o abilità richiedono un certo livello di impegno: non sono sempre arcobaleni e farfalle quando impari a ballare il tip tap. Quindi, proprio come il tuo interesse o la tua attività più desiderata, è ciò che ci metti dentro. E il più delle volte non sembra lavoro. Semplicemente lo è.

Mito 5: avere figli può salvare un matrimonio travagliato.

Siamo onesti qui, per tutto l'amore e la gioia che i bambini possono portare e portano nelle nostre vite, è stressante. Essere genitori, in particolare i bambini piccoli, è faticoso ed estenuante fisicamente, mentalmente ed emotivamente. Quindi, se stai cercando di salvare il tuo matrimonio, prova prima la consulenza, non un bambino.

Mito 6: i primi anni dovrebbero essere i migliori.

Ho sempre pensato che fosse vero, ma si scopre che il nostro settimo e ottavo anno sono stati di gran lunga i migliori anni. Eravamo passati imparando a comunicare tra di noi. Avevamo accettato il modo in cui eravamo, ed era proprio quello che eravamo. Non cambierei i primi anni, senza di loro non saremmo dove siamo oggi. Tuttavia, non vorrei rivederli. Erano imbarazzanti, come le scuole medie.

Mito 7: quando sposi qualcuno, correggerà i suoi difetti.

È vero: in un matrimonio si cambia. Ci sono molte cose che puoi cambiare per il tuo coniuge, ma non chi sei. Una persona cambierà solo se lo desidera, e anche in questo caso, può cambiare solo alcune cose. Alla fine della giornata, siamo quello che siamo, difetti e tutto. È una cosa importante da accettare di qualcuno, e questo fa parte dell'amarlo, nel bene e nel male.

Mito 8: Il matrimonio sradica la solitudine.

Suppongo che a un certo livello questo possa essere vero per una serie di motivi. Ma se non ti senti a tuo agio con te stesso e il tuo tempo, il matrimonio non lo risolverà. Perché tutte le volte che sei con un'altra persona, il matrimonio porta la sua giusta dose di solitudine durante i periodi pesanti. A volte quella sensazione è peggiore dell'essere davvero soli.

foto di babbo natale nel tuo soggiorno

Mito 9: Il matrimonio è 50/50.

Il matrimonio è 100/100. Ecco perché sembra ingiusto, perché spesso lo è. Non dovrebbe essere uguale perché a volte dai di più e a volte prendi di più. Lo stesso vale per il tuo coniuge. A volte la bilancia è equilibrata, ma non sempre e non per molto. Quando ti dai a qualcuno e lo pensi veramente, significa sacrificio di sé al 100%. Se non fosse per questo piccolo dettaglio, penso che il significato dell'impegno si perda.

Mito 10: Il matrimonio è noioso

Come qualsiasi cosa nella vita, è ciò che fai.

C'è molto da dire dopo aver superato quei brutti colpi che chiamano il periodo della luna di miele (qualunque cosa sia). Per me, la stagione migliore del mio matrimonio è ora, intorno ai 10 anni. Discutiamo meno, ma litighiamo ancora. Ci rispettiamo di più e non abbiamo bisogno di indovinare di cosa ha bisogno l'altro. Possiamo dirci l'un l'altro, o possiamo capirlo dalle azioni e dagli stati d'animo dell'altro.

È vero che quando conosci qualcuno, hai un legame più forte con loro. Hai dedicato così tante lacrime e così tanto tempo a questa persona, e loro si sono impegnati in cambio, anche se può essere in modi diversi. Dopotutto, tutto nella vita riguarda la prospettiva, compresa la decisione di lasciare il latte in tavola a colazione o metterlo in frigo.