celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Il consenso è importante: perché mio figlio non deve accettare il tuo abbraccio

Altro
Il consenso è importante: perché mio figlio non deve accettare il tuo abbraccio

MNStudio / Shutterstock

Eravamo nello studio del medico in una sala d'attesa sovraffollata, in giro per l'acquario. È arrivata una ragazza della stessa età della mia più grande (6 anni), seguita da sua madre.

Ci è voluto meno di un minuto prima che la ragazza si avvicinasse al mio bambino, mettendo la faccia in giù accanto al viso di mia figlia e chiudendosi per un abbraccio come fanno i bambini.



Come al solito, sono subito intervenuto, tirando via dolcemente la bambina dal mio piccolo e spostando il mio piccolo nel suo spazio. Per favore, assicurati di darle un po' di spazio, dissi educatamente e sorrisi.

La ragazza non era turbata; i bambini di solito non lo sono. Per fortuna, anche sua madre non era particolarmente turbata. Dopo alcuni istanti, tuttavia, ha detto: Le piace solo mostrare amore alle persone, sai?

non ho mai… fatto domande divertenti sporche

Ho capito. I bambini sono creature amorevoli. Naturalmente fanno saltare le norme sociali e i confini dello spazio personale. In teoria è una cosa bellissima.

Nel mondo reale, non è così semplice.

Ci sono le ragioni ovvie, come i germi e le malattie. Voglio dire, eravamo nella sala d'attesa dell'ufficio del medico. C'è un posto più pieno di germi sulla terra? Non mi piace nemmeno che i miei figli tocchino le sedie, figuriamoci toccare altri bambini in uno studio medico.

Ma va anche più in profondità. Vorrei che non vivessimo in un mondo in cui abbiamo dovuto iniziare a insegnare ai bambini cose come il consenso prima ancora che possano pronunciare un'intera frase.

Ma la verità è che lo facciamo. Come mamma che alleva non solo tre piccoli umani ma tre bambine, questa è una lezione che conta.

Anche se la mia bambina non può parlare da sola, merita comunque di essere trattata con rispetto per il suo spazio personale. Non è obbligata ad accettare coccole, abbracci e palpeggiamenti, specialmente da sconosciuti, solo perché è piccola e carina.

Non è l'unica a trarre beneficio da questa lezione. Anche alla sorella maggiore piace coccolarla, prenderla e giocare con lei. E anche se è una famiglia, intervengo, ogni volta. Solo perché sono sorelle non dà loro il diritto di invadere lo spazio personale dell'altro senza consenso. Periodo.

Vale la pena chiarire che siamo ancora una famiglia fisicamente molto affettuosa. Facciamo un sacco di abbracci, coccole e baci. Il punto non è scoraggiare le manifestazioni fisiche di affetto, ma piuttosto coltivare la consapevolezza dell'etichetta appropriata che li circonda. Se il bambino sta giocando e gli arrivi in ​​faccia e l'abbracci anche quando si dimena, è diverso che se le chiedi un abbraccio e lei te ne dà uno.

Così impariamo che baci e abbracci non sono qualcosa che prendi dalle persone senza il loro permesso. Impariamo che non abbiamo bisogno di far entrare altre persone nel nostro spazio se non ne abbiamo voglia, anche se stanno solo cercando di mostrarci un po' di amore.

Il vero amore non è il contatto fisico. È rispetto. E tocca a noi insegnare loro come dare rispetto e anche come aspettarsi rispetto dagli altri.

Quindi non sorprenderti se impedisco a tuo figlio di abbracciare il mio bambino o di allontanare le sue mani dal mio bambino. E se il mio bambino di 6 anni accetta di abbracciare tuo figlio addio e tuo figlio lo stringe troppo forte (perché i bambini saranno bambini), sappi anche che interverrò per ricordare a entrambi che l'affetto è rispetto.

Non voglio mai e poi mai che i miei figli si sentano in una situazione fisicamente scomoda solo per essere educati o perché non hanno la voce per parlare da soli. E non voglio nemmeno che i miei figli mettano qualcun altro in quella posizione.

Se le mie ragazze - e ogni altra ragazza - crescono senza aver imparato altro che come onorare i loro sentimenti e il loro corpo chiedendo il rispetto fisico che meritano ed essendo abbastanza consapevoli da offrire lo stesso rispetto agli altri in cambio, allora ci saremo riusciti.

Questo post è apparso originariamente su La sua vista da casa .