celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Come sopravvissuta al cancro al seno, i nastri rosa mi danno grave ansia

Salute E Benessere
Nastro-rosa-cancro al seno

Rachel Garlinghouse/Instagram

Il 1 ottobrest, ho pubblicato la mia prima di molte foto e video sull'importanza di fare l'autoesame del seno. I commenti sono arrivati. Ho ricevuto molte domande, molti emoji del cuore e messaggi privati. Le donne vogliono raccontare le loro storie e condividere le loro preoccupazioni, e io le accolgo a braccia aperte. Sono più che felice di indicare loro le risorse per aiutarli.

Avevo 35 anni quando mi è stato diagnosticato un cancro al seno. Non avevo una storia familiare, i miei test genetici per i geni BRCA1 e BRCA2 erano negativi e non avevo nessuno dei tipici fattori di rischio. La mia diagnosi inaspettata mi ha portato ad affrontare una decisione difficile: potrei avere una lumpectomia e sopportare le radiazioni, oppure potrei optare per una mastectomia. Ho scelto la mastectomia.



Sono passati più di tre anni da quando sono passata dall'essere una malata di cancro al seno a una sopravvissuta al cancro al seno, ma sono ancora eccitata vedendo i nastri rosa, specialmente in ottobre.

https://www.instagram.com/p/CFzWIMoh00R/?utm_source=ig_web_copy_link

eccitato dal marito con un'altra donna

Ottobre è il mese della prevenzione del cancro al seno, un periodo in cui molti di noi sopravvissuti, insieme a professionisti medici e leader di organizzazioni, implorano le donne di fare i loro esami al seno, conoscere la loro storia medica e fare la mammografia. Al cancro al seno non importa quanti anni hai, quanti soldi guadagni, se e dove sei andato al college, quanti figli hai o quanto è pieno il tuo programma. Il cancro al seno si manifesta quando gli piace dannatamente bene, e sì, è traumatico.

ragioni per non dire il giuramento di fedeltà

Gran parte del mio viaggio nel cancro al seno è sfocato e ricordo solo pezzi di esso a causa di immagini e documenti medici. Dal momento in cui ho trovato il mio nodulo al seno durante un'autoesame del seno fino a due anni dopo la mia mastectomia, ho dovuto affrontare un'ondata traumatica dopo l'altra. Credo di essere diventato insensibile per le molte persone in camice bianco che stavano sopra di me e ripetevano la parola cancro. Ogni puntura d'ago, ogni esame, ogni risultato di laboratorio e ogni appuntamento sul mio programma mi ha lasciato stanco, confuso e arrabbiato. La mia unica domanda era, perché io?

La realtà è, perché? non IO? Una donna su otto affronterà il cancro al seno nel corso della sua vita. Nonostante tutte le ragioni per cui non avrei dovuto avere il cancro, il cancro al seno ha scelto me. Ho combattuto la buona battaglia, ma sono rimasto traumatizzato ed esausto. Essere forti e combattere come una ragazza è oltremodo prosciugante. Il cancro colpisce una persona fisicamente, ma anche emotivamente, mentalmente e spiritualmente.

Con molta terapia, ricerca e crescita post-traumatica, sto emergendo dalla nebbia. Tuttavia, quei dannati nastri rosa possono mandarmi in una spirale di ansia ogni volta che ne vedo uno. Potrei essere io alla guida e la persona al semaforo davanti a me ha un nastro rosa sulla targa. Vedo persone che indossano con orgoglio le loro magliette con nastro rosa da un 5K a cui hanno partecipato. Ci sono nastri rosa in movimento ovunque.

Poi ci sono i prodotti. Nastri rosa sono applicati su scatole di cereali, caramelle di Halloween, sacchetti di patatine e quasi ogni altra superficie piana. Il nostro bar locale ha offerto bagel con nastro rosa, come, che cosa? — negli anni passati. Se acquisti semplicemente il loro prodotto, doneranno il 10% alla ricerca sul cancro al seno. Sono stimolato da questo, certamente. In che modo l'acquisto di snack alla frutta per i miei figli aiuterà effettivamente gli altri? Sono scettico, lo ammetto.

https://www.instagram.com/p/B7oK7ghl66v/?utm_source=ig_web_copy_link

dannazione devi essere gentile

Sono grato per la consapevolezza e il supporto, ma non sono contento dei promemoria. Non posso andare da nessuna parte ad ottobre senza tornare a un ricordo di cancro o due. Potrebbe essere il chirurgo plastico che usa un pennarello indelebile sul mio seno per indicare cosa avrebbe fatto durante l'intervento. Potrebbero essere le volte in cui ho dovuto avventurarmi dal mio oncologo dove abbiamo discusso, ancora una volta, dei numerosi effetti collaterali che stavo avendo dal farmaco post-cancro che mi era stato prescritto. O potrebbero essere le settimane che ho passato a letto, riempiendo di liquido i drenaggi chirurgici che mi serpeggiano dal petto.

Non è certo colpa di nessuno se ho avuto il cancro o che avrebbe inevitabilmente lasciato cicatrici fisiche ed emotive. I nastri rosa sono il simbolo della consapevolezza e della lotta contro il cancro al seno. Tuttavia, sono inevitabili, infarinati ovunque, che chiamano il mio nome. Mi perseguitano. Vorrei che non esistessero, perché vorrei che non esistesse il cancro al seno.

Quando qualcuno ha il cancro, non c'è solo da superarlo o andare avanti. Non è così facile. Sopravvivere al cancro al seno è come mettere un'impronta di mano nel cemento bagnato. Una volta che la stampa si asciuga, è lì per il lungo raggio. Molto tempo dopo che le mie cellule cancerose se ne sono andate, i ricordi di ciò che è successo, e anche di ciò che non è accaduto, rimangono.

https://www.instagram.com/p/CEavkVZBgl0/?utm_source=ig_web_copy_link

Sono molto grato di essere un sopravvissuto, ma il mio viaggio è stato tutt'altro che un ostacolo temporaneo. Sono orgogliosa di aver vinto la battaglia e considero un onore essere qui a dire ad altre donne di controllare il proprio seno, difendere se stesse e sottoporsi a esami medici ogni anno. Ma posso raccontare la mia storia alle mie condizioni. Gli avvistamenti del nastro rosa sono una sorpresa sgradita. Quelli di noi che vivono con un trauma da cancro non amano le sorprese.

Ad ottobre indosso spesso la mia t-shirt rosa, con un nastro rosa su ciascuno dei miei seni (rinnovati). Voglio fare una dichiarazione, portando l'attenzione sul cancro numero uno che le donne devono affrontare. Sono grato di dire che sono sopravvissuta al cancro al seno, ma spero che un giorno non ci siano più nastri rosa.