Biden, perdona i prestiti agli studenti per gli operatori sanitari in prima linea

Coronavirus

Peter Cade/Getty

Prima del 2020, io, come la maggior parte delle persone presumo, avevo un buon apprezzamento per i lavoratori in prima linea, quegli esseri umani dedicati che gestiscono le situazioni più gravi e terribili. Sono gli angeli che raccolgono i nostri figli in caso di emergenza e ci assicurano che ce l'abbiano e che i nostri bambini stiano bene. E che si presentano alla nostra porta quando chiamiamo il 118 o che assistono con tenerezza e cura i nostri cari in ospedale.

Ma mentre ci avviciniamo alla fine del 2020, tale apprezzamento è aumentato di dieci volte. Questo anno orribile che ci ha messo tutti alla prova ha messo a dura prova i nostri lavoratori in prima linea. I primi soccorritori, gli operatori sanitari, gli operatori essenziali che sono la nostra prima e ultima linea di difesa contro il COVID-19: sono i più esausti. Il più impoverito. Quelli a cui abbiamo chiesto più di ciò che è umanamente possibile. Eppure, hanno miracolosamente consegnato.



Sono quelli che confortano i pazienti soli, spaventati e morenti e tengono un telefono all'orecchio in modo che le loro famiglie possano dire addio.

Gary John Norman/Getty

Sono quelli che scelgono di salvare la vita degli altri e, a loro volta, non vedono le proprie famiglie in modo da non infettare i loro coniugi e figli.

Sono quelli che lavorano su turni di 24 ore, curando paziente dopo paziente, mentre combattono il terrore che anche loro potrebbero trovarsi presto in un reparto COVID-19.

Sono loro che stanno dando tutto quello che hanno per fermare la diffusione di questa pandemia, sapendo benissimo che tanti di noi al di fuori di quelle mura ospedaliere non stanno facendo la nostra parte. Eppure continuano.

E sono spesso quelli che affogano nel debito del prestito studentesco.

Chiunque in campo medico sa che non si ottiene quel titolo di dottore o infermiere senza un sacco di scuola. E la scuola costa. Ma la loro passione per aiutare gli altri alimenta il loro desiderio di farlo comunque, anche se devono contrarre prestiti. A volte fino a centinaia di migliaia di dollari.

Prestiti che possono richiedere una vita per essere ripagati. Sì, anche per i medici.

Ma forse no. Forse, ora che avremo un presidente che A) crede che questa pandemia sia reale e B) è disposto a spendere tempo, denaro ed energie mostrando il suo apprezzamento per tutti coloro che hanno lavorato instancabilmente per combatterla piuttosto che semplicemente zittire o sparare chiunque non sia impegnato a gonfiare il suo fragile ego... forse ora possiamo fare qualcosa per aiutare e dire grazie ai nostri operatori sanitari in prima linea in modo tangibile.

Tom Werner/Getty

nomi maleducati per chiamare una ragazza

Perché sono abbastanza sicuro che se chiedi loro, molti (forse anche la maggior parte) direbbero che vorrebbero un po' di perdono del prestito.

Immagina di lavorare un turno di 24 ore in una capsula di Petri di COVID, tenendo le mani dei pazienti morenti. Ripulire dopo aver chiuso gli occhi un'ultima volta. Fare in modo che i nuovi pazienti prendano quei letti. E ripeti, ancora e ancora.

Immagina che qualcuno ti afferri la mano e ti chieda se stava per morire mentre ansimava per respirare. Immagina di dover intubare un paziente che ancora, a ore dalla fine, nega che questo virus sia addirittura reale. Immagina di rimanere senza DPI e di dover riutilizzare forniture infestate da germi. Immagina di dire ai tuoi figli che non puoi entrare in casa e di vederli dall'altra parte di una porta a vetri.

Ora immagina di fare tutto questo ma non riesci ancora a pagare le bollette perché i pagamenti del prestito studentesco sono così alti. Perché ti sei sottoposto alla prima laurea, poi alla scuola di specializzazione, poi alla facoltà di medicina, tutto solo per poter aiutare le persone a stare meglio. Così potresti salvare delle vite.

Bene, un tweet di @the1stgentleman è diventato virale per aver suggerito che forse c'è un altro modo. Forse gli operatori sanitari in prima linea, soprattutto dopo quest'anno, non dovrebbero essere gravati di debiti per tutta la vita. Forse come atto di gentilezza e apprezzamento, il nostro governo potrebbe perdonare quei prestiti perché queste persone non hanno fatto abbastanza?

Questo utente di Twitter continua anche a sottolineare questo punto:

Per essere chiari, personale militare dovrebbero avere i loro prestiti perdonati come ringraziamento per aver servito. Nessuno lo contesta. Ma gli operatori sanitari che quest'anno hanno fatto anche gli ultimi sacrifici dovrebbero ricevere lo stesso apprezzamento.

E risposte come questa fanno eco al sentimento, dimostrando che gli americani sono dietro questa idea:

Perché questa è la realtà per gli operatori sanitari americani quest'anno:

Il che è inaccettabile. Come possiamo affermare di essere una nazione forte, leader e moderna e trattare i nostri dipendenti in prima linea in questo modo?

Ebbene, molti dei nostri legislatori dicono che non possiamo. E non dovremmo. Infatti, a maggio, la rappresentante Carolyn B. Maloney di New York, insieme a molti altri membri del Congresso, ha presentato HR 6720 : Legge sul perdono del prestito studentesco per gli operatori sanitari in prima linea. Se approvato, questo disegno di legge assumerebbe l'obbligo di rimborsare il saldo residuo di interessi e capitale dovuto sui prestiti studenteschi federali e sui prestiti studenteschi privati ​​ammissibili presi in prestito dagli operatori sanitari in prima linea.

Immagina di poter dire ai medici come Dott. Joseph Varon , la cui immagine è diventata virale mentre confortava un paziente COVID-19 in terapia intensiva durante il suo 252° giorno di lavoro consecutivo, che qualsiasi prestito in sospeso che potrebbe avere ora viene pagato per intero.

Non c'è regalo più grande (a parte DPI adeguati e forse un vaccino, ovviamente) che potremmo fare ai nostri professionisti medici.

Quindi spetta a te, presidente eletto Biden, una volta insediato, inviare un messaggio chiaro agli operatori sanitari in prima linea. E questo è un messaggio di gratitudine ciò consente loro anche di sapere quanto siano incredibilmente preziosi, indipendentemente dal fatto che stiamo vivendo una pandemia o meno.

cose divertenti da fare per i bambini questo fine settimana

Sai quanto il debito del prestito studentesco nazionale nel suo insieme danneggia la nostra economia. E quanto è cresciuto sotto l'amministrazione Trump. Rapporti CNBC quel numero sbalorditivo supera il 16%, da 1,44 trilioni di dollari nel 2017 a circa 1,68 trilioni di dollari di oggi. Inoltre, altrettanto allarmante è questa statistica : Si stima che 46 milioni di americani abbiano prestiti agli studenti, il che lo rende la seconda forma di debito delle famiglie nel paese.

Ti rendi chiaramente conto della gravità di questo problema economico critico, motivo per cui già presentato una proposta alleggerire i lavoratori nel servizio pubblico dal debito del prestito studentesco. E complimenti a te, presidente eletto Biden, per questa iniziativa che non solo aiuta molti americani che stanno lottando per sbarcare il lunario, ma incoraggia anche i ragazzi delle superiori e dell'università a ricoprire ruoli vitali nel servizio pubblico, sapendo che saranno adeguatamente compensati .

Ma i nostri operatori sanitari in prima linea che hanno messo tutto in gioco per salvare l'America hanno bisogno che tu faccia di più una volta entrato in carica. Mentre ricrei un senso di decenza e unità, e mentre cerchi di ricostruire il nostro paese dalle ceneri di una pandemia aggravata da un narcisista bugiardo (e oh che mucchio di cenere è), dovresti anche offrire alcuni tregua a coloro che sono stati veramente nelle trincee del COVID negli ultimi 10 mesi.

Perché ancora una volta, se i militari e le donne hanno i loro prestiti perdonati, anche i soldati nei nostri ospedali quest'anno dovrebbero farlo. Hanno combattuto una guerra inesorabile, non solo contro un virus contagioso e mortale, ma contro i loro concittadini che negano che sia reale e si rifiutano di fare la loro parte per il bene più grande.

Non possiamo costringere il vecchio ostinato Richard e sua moglie Beatrice nel North Dakota a indossare una maschera, che aiuterebbe notevolmente l'industria sanitaria nella loro comunità. Ma possiamo chiedere al nostro governo di perdonare i prestiti di coloro che cureranno il vecchio irascibile Dick una volta che si sarà ammalato.

Lo meritano più che mai.