celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

Essere troppo indipendenti deriva dal mio trauma

Salute Mentale
Essere troppo indipendenti

Thomas Barwick/Getty

non sono innamorata di mio marito

L'indipendenza è generalmente vista come un tratto positivo. Vogliamo che i nostri figli siano pensatori e operatori indipendenti. Vogliamo che le persone che identificano le donne siano indipendenti dagli uomini e dai sistemi patriarcali che guidano cunei sfavorevoli tra i sessi in modo che gli uomini cisgender possano mantenere il loro vantaggio. Non importa come ti identifichi, c'è una spinta (per la maggior parte di noi) a essere in grado di stare in piedi da soli in modo da poter controllare il nostro destino, almeno negli spazi in cui navighiamo ogni giorno. C'è qualcosa da dire sul non dover fare affidamento su nessun altro per ottenere ciò che vogliamo e di cui abbiamo bisogno.

Tuttavia, siamo creature sociali e siamo progettati per dipendere dalle risorse fisiche ed emotive che possiamo offrirci l'un l'altro. L'obiettivo è generalmente quello di trovare un sano equilibrio tra l'essere indipendenti e dipendenti. Troppa dipendenza risulta appiccicosa e bisognosa. Essere troppo indipendenti può essere altrettanto poco attraente e auto-sabotante. Ma entrambi possono essere ricondotti alla nostra infanzia, alle relazioni che abbiamo avuto e alle relazioni a cui abbiamo assistito da bambini. Il mio desiderio di essere eccessivamente indipendente deriva dal trauma.



Mentre il desiderio di essere autosufficiente in ogni aspetto della mia vita era ciò di cui avevo bisogno per sopravvivere a lungo, non ho più bisogno di questo meccanismo di coping allo stesso modo. Di recente ho visto le parole di Jamila White , via a Meme di Facebook , che parlava con i miei vecchi modi di fare le cose. L'ultra-indipendenza è un attacco preventivo contro il crepacuore. Quindi, non ti fidi di nessuno. Lo so e a volte faccio ancora fatica a identificare l'intuizione e la reazione alle vecchie ferite, ma le parole succinte di White sulla connessione tra trauma, fiducia e indipendenza mi hanno fatto riflettere. Mi ci è voluto molto tempo per rendermi conto che il mio desiderio o la mia spinta per l'indipendenza derivano da problemi di fiducia. Perché se le persone che avrebbero dovuto proteggermi non l'hanno fatto, allora chi oltre a me lo avrebbe fatto?

Mi ci sono voluti quasi 40 dei miei 41 anni per fidarmi veramente non solo delle altre persone, ma di me stesso. Ciò non è dovuto allo scetticismo o alla mancanza di fiducia, ma piuttosto alla paura di essere feriti accompagnata da una mancanza di autostima. Dopo aver sperimentato così tanti abusi e delusioni nella mia vita, ho creato muri intorno a me stessa. Dato che non mi sentivo amata, non credevo di esserne degna. Ho stabilito dei limiti che limitavano quanto gli altri potessero avvicinarsi a me mentre limitavo la distanza in cui lasciavo vagare il mio cuore. Se smettessi di fidarmi delle persone o di dipendere da loro, non potrei ferirmi o rimanere deluso. Se non chiedevo qualcosa, non mi si poteva dire di no. Se non mi aspettavo nulla, allora le mie speranze non potevano essere infrante. Se continuo a riprendermi, nessuno può trattenermi.

Quando ho scoperto di aver ottenuto un secondo colloquio per un lavoro che stavo cercando, ero elettrizzato, poi sono andato in un posto che non mi ha permesso di credere che il lavoro potesse essere mio. Se non mi alzo le speranze, non posso essere deluso. Se non ottengo il lavoro, è perché non l'ho mai voluto veramente. Tranne io. Lo voglio davvero. Il mio partner mi ha chiamato per questo ballo psicologico che stavo facendo con me stesso. Mi ha detto di seguire questo lavoro come se fosse già mio. Sapeva perché stavo esitando, ma mi ha incoraggiato a guidare con fiducia e desiderio invece di lasciare che il passato saboti il ​​mio futuro. Avevo bisogno di mettere tutto me stesso nel colloquio anche se ciò significava che avrebbe potuto far peggio se non avessi ottenuto il lavoro.

Da quando sono nella mia attuale relazione, ho imparato che abbattere i miei muri a volte significa cadere a pezzi, ma significa anche che posso guarire. Essere in una partnership emotivamente sicura e solidale mi ha permesso di esercitarmi a chiedere il supporto che desidero e di cui ho bisogno. Una delle frasi più affermative che il mio partner mi dice è Sono qui . E poi lei resta. Per molto tempo ho avuto paura dell'abbandono emotivo e fisico. Avevo il terrore di perdere lei e la sicurezza che offriva, ma non mi ha dato la prova che sarebbe successo, quindi le mie scelte erano fidarmi di lei o respingerla. Quando mi ha spinto a darmi il permesso di volere davvero questa posizione per cui ho fatto domanda, sapevo che mi stava spingendo a credere in me stessa.

Saltiamo attraverso così tanti cerchi mentali per evitare il dolore, la paura o anche il disagio generale. Indossiamo la resilienza come un distintivo e alziamo i pugni in aria in nome dell'indipendenza. Ma la vera magia non avviene in quei luoghi. Non mi sono innamorato del mio partner attraverso i muri. E non otterrò questo lavoro senza volerlo così tanto che sentirò già il dolore se non lo farò.

Durante l'intervista, mi è stato chiesto come gestisco i blocchi stradali quando li affronto al lavoro e nelle situazioni quotidiane. Ho detto ai membri della squadra che li avrei abbattuti. Posso schiacciare la mia strada attraverso qualsiasi ostacolo. Ho fissato degli obiettivi e li ho raggiunti. Ho trovato soluzioni alternative. Ho voluto farmi strada attraverso una brutta merda. Ho anche detto loro che ho più successo quando so quando chiedere aiuto. Pensavo che la vulnerabilità fosse debolezza, ma ho imparato quanto sia fottutamente difficile chiedere ciò di cui hai bisogno.

Sono ancora ostinatamente indipendente, ma sto anche diventando più a mio agio nel dipendere dagli altri. L'obiettivo non è più evitare il crepacuore; l'obiettivo ora è vivere sapendo che il crepacuore accadrà e che sopravviverò quando accadrà, perché non cercherò di cavarmela da solo.