C'erano tutti i segni, quindi perché sono rimasto?

Relazioni
sopravvissuta alla violenza domestica

Kamira / Shutterstock

Il 10 ottobre 2015 ho scritto questo nel mio diario:

Mi colpirà. Non oggi, non domani, probabilmente nemmeno a breve. Ma un giorno nella nostra vita, si arrabbierà abbastanza e mi odierà abbastanza in quel momento da perderlo e colpirmi.



Tutti i segni ci sono. Ha detto che ogni uomo della sua famiglia lo ha fatto (ma ha promesso di non essere mai come loro). Ha mostrato segni così orribili di rabbia irrazionale l'altra notte. Mi odiava così tanto che ha preso a calci la mia macchina abbastanza forte da ammaccarla. E in quei momenti non ero altro che gentile, dolce e paziente. Stavo cercando di AIUTARLO. Ma mi incolpava ancora per le cose che non andavano come voleva. Era così arrabbiato. Si è comportato come se mi odiasse così tanto. Ha cercato di farmi del male.

Allora perché cazzo rimango? Cosa sto facendo? Tutte le cose buone e il modo in cui mi sento quando le cose vanno bene superano tutto questo?

Sono rimasto nella relazione per oltre un anno dopo questo. E infatti mi ha colpito. Nel corso dei successivi 14 mesi, abbiamo avuto un totale di almeno 20 risse che si sono concluse con lui che ha danneggiato la mia/nostra proprietà personale e/o mi ha abusato fisicamente.

come ti fai la cacca?

Allora, perché sono rimasto?

Quando scrissi il diario, stavamo insieme solo da sei mesi. Ma ho lasciato mio marito per stare con lui. La nostra relazione dovuto lavoro. Ho rinunciato a così tanto per stare con lui: mio marito, la sua famiglia, i nostri nipoti, amici che mi hanno giudicato per la decisione.

Scommetto tutto su di lui.

Ovviamente il lui su cui scommettevo non esisteva più. L'uomo affascinante, gentile, premuroso (e incredibilmente sexy) di cui mi sono innamorata non era nemmeno reale. Era tutto un travestimento, una maschera che indossava per ingannarmi facendomi sentire al sicuro e amata.

Tuttavia, all'epoca, non sapevo tutto questo. Tutto quello che sapevo era che 1) era un brav'uomo che mi amava e mi rendeva così felice, e 2) mi avrebbe picchiato un giorno. Ma il mio cervello non riusciva a conciliare i due fatti. Erano troppo distanti.

Volevo credere nella favola. Volevo credere nella storia d'amore, che ce l'avremmo fatta e avremmo vissuto felici e contenti. Quindi stavo negando quel secondo fatto, e sono rimasto.

I successivi quattro mesi furono per lo più pacifici. Abbiamo litigato un po'. Ma, ehi, tutte le coppie sono in disaccordo, giusto?

Sbagliato. Non così.

In quei quattro mesi, c'è stata una rissa che si è conclusa con lui che ha fatto un buco nel muro. Ci sono state anche quattro occasioni in cui mi ha preso a calci così forte che sono caduto dal letto, mi ha sbattuto contro un muro e/o mi ha spinto e spinto. C'è stato un sacco di spintoni, ma Ho pensato che perché in realtà non mi ha colpito, andava bene .

Pensavo che abusi domestici significassero essere presi a pugni o schiaffi in faccia, o essere picchiati a sangue come Rihanna o quelle povere donne contuse e maltrattate nei film per la TV.

Non avevo idea di essere vittima di abusi domestici. Ero in tale negazione.

Una volta, quando era arrabbiato con me, mi ha schiaffeggiato forte sul culo con una bottiglia d'acqua di metallo. Ha lasciato un piccolo livido. Quando l'ho affrontato a riguardo, ha semplicemente spazzato via. Ha detto: Oh no, piccola, non ero arrabbiato con te. Calmati: stai reagendo in modo eccessivo. Stavo solo giocando.

Qualcosa non mi tornava. Non riuscivo a metterci le dita sopra, ma c'era qualcosa di decisamente non giocoso delle sue azioni. Ora so che mi stava prendendo in giro. La sua risposta e la rappresentazione dell'evento erano così diverse dalla mia. Ho cominciato a mettere in discussione la mia memoria: forse io... era reagire in modo eccessivo? Si è scusato e siamo andati avanti. Si scusava sempre. Siamo sempre andati avanti.

Avevamo intenzione di andare a vivere insieme alla fine di febbraio. A quel punto stavamo insieme da quasi un anno. I combattimenti si sono fermati diverse settimane prima della data del nostro trasferimento. Era stato molto amorevole e di supporto. Mi sentivo bene con la nostra relazione e dove era diretta.

I primi due mesi che abbiamo vissuto insieme, è stato tutto tranquillo. Nessuna rissa, nessuna rabbia, nessuna proprietà danneggiata e nessun livido. Ha mantenuto la sua promessa di stare meglio.

Eravamo così felici, e così innamorati.

Alla fine di aprile, mi ha chiesto di sposarlo. Ho detto di sì.

Eravamo fidanzati! Questo è ciò che ho sempre desiderato: qualcuno che mi amasse con la stessa ferocia e passione di lui. Era ossessionato da me. Mi ha riempito di complimenti, regali e gesti premurosi. Ero la sua priorità. Abbiamo passato molto tempo insieme e in qualche modo entrambi volevamo di più. Stavamo alzati fino a tardi nei giorni feriali. Abbiamo perso la cognizione del tempo. Andavamo all'avventura. Abbiamo riso, ballato e ci siamo goduti l'inferno della vita insieme.

Ma…

Non ci volle molto perché le cose crollassero. Due settimane dopo che ci siamo fidanzati, ha mandato in frantumi il mio computer in preda a una rabbia folle. È stato un incidente. Mi dispiace così tanto, disse. Stavo cercando di lasciare l'appartamento durante una discussione. Non voleva che me ne andassi, così mi prese la borsa dalla spalla e la sbatté sul pavimento di cemento. Il mio computer era dentro e lui non se ne rendeva conto.

Seppi allora che non potevo sposarlo. Ma non ero ancora pronto per partire. Ho razionalizzato: beh, almeno non mi ha colpito o niente di male.

Eravamo fidanzati, quindi sono rimasta.

Ho razionalizzato di più: ha fermato questo comportamento spaventoso una volta, così può fermarlo di nuovo, e gli ultimi mesi sono stati così grandi; questa è probabilmente solo una cosa occasionale.

Stavo negando, quindi sono rimasto.

Nei mesi successivi, ha oscillato avanti e indietro tra l'essere il mio meraviglioso, dolce e premuroso amante/migliore amico e l'abusante fisico ed emotivo straziante. I combattimenti si fecero sempre più intensi. Cominciarono a verificarsi sempre più frequentemente. Divenne sempre più pieno di rabbia. Più spaventoso. Più imprevedibile. Beveva sempre di più, fino a ubriacarsi quasi tutte le sere. Ho iniziato a tenere un conto di tutte le cose che ha rotto in giro per l'appartamento: un sottobicchiere di legno, una bottiglia di vetro di vitamine, un ventilatore, una tazza da caffè in acciaio inossidabile, un grande specchio decorativo, tre le porte del nostro appartamento (che abbiamo dovuto pagare per sistemare), la rete del nostro letto e l'elenco potrebbe continuare all'infinito.

Ma tra i litigi e gli accessi di rabbia, sembrava essere l'uomo affascinante, gentile, premuroso (e incredibilmente sexy) di cui mi sono innamorata. Era dolce e solidale. Ci siamo divertiti molto insieme. Saremmo di nuovo felici per un po'. Quindi, dimenticherei il trauma, lo stress e il dolore che avevo appena sopportato. Fino a quando, ovviamente, non è successo di nuovo.

Anche l'abuso fisico è andato peggiorando nel corso di quei pochi mesi. Ha iniziato lentamente a testare i limiti ei confini. Ogni volta se la cavava con un po' di più. Quello che prima spingeva e spingeva si era trasformato in un rapido schiocco in faccia. Non è stato difficile, ma mi ha comunque schiaffeggiato in faccia. È successo tre notti diverse, durante tre diversi disaccordi.

giocattoli drago per bambini di 4 anni year

Ho razionalizzato di nuovo: non è che mi ha colpito così forte. Se avesse davvero cercato di farmi del male, sarebbe stato molto più difficile.

Poi, spinte più forti. Il tipo che mi ha buttato a terra. Mi ha lanciato una bottiglia d'acqua di plastica dura e mi ha colpito in faccia. Ero stordito, ma ancora non me ne andavo. L'ho pregato di cambiare, di stare meglio e di smettere di bere. Volevo disperatamente che quell'uomo affascinante, gentile, premuroso (e incredibilmente sexy) di cui mi ero innamorata tornasse, ma non esisteva.

Attraverso tutti gli abusi, non ho mai detto a nessuno cosa stava succedendo. Ne ho accennato a un paio di amici intimi, sperando che raccogliessero gli indizi, capissero, mi sostenessero e mi dicessero che andava bene andarsene. Ma nessuno l'ha fatto. Tutti pensavano che fossimo così felici.

Ero imbarazzato e spaventato, quindi sono rimasto.

Abbiamo avuto un grosso e brutto litigio una notte su settimana a dicembre. Era l'una di notte ed entrambi dovevamo alzarci e andare al lavoro la mattina. Era esasperato con me perché non sarei rimasto sveglio a bere (di più) con lui. Mentre mi sedevo sul bordo del nostro letto, lo pregai di lasciarmi in pace e di lasciarmi dormire. Il disaccordo aumentò rapidamente, e mi afferrò per le caviglie e mi trascinò fuori dal letto, rompendomi il coccige sul pavimento di cemento. Mi sono arrampicato di nuovo sul letto, mi ha immobilizzato. Mi sono liberato e mi sono alzato, mi ha spinto a terra. Le successive due ore e mezza sono state piene di urla, urla, minacce e circa 25-30 spinte da parte sua mentre mi inseguiva per casa nostra. Nel tentativo di respingerlo, l'ho colpito indietro, una volta. Un forte schiaffo sul lato sinistro del viso. Alla fine ha lasciato l'appartamento intorno alle 3:30 e ho iniziato a preparare le mie cose.

Il giorno dopo, ero livido e dolorante. E lui era dispiaciuto. Ha mostrato un'enorme quantità di rimorso. Ha promesso di smettere di bere. Si è impegnato ad andare a una consulenza di coppia (lo pregavo di andare da mesi).

Avevo speranza, quindi sono rimasto.

Abbiamo trascorso il Natale con la mia famiglia e il capodanno con gli amici più cari. Non stava bevendo, ma c'era ancora qualcosa che non andava. Era irritabile, infelice e non disposto ad assumersi la responsabilità delle sue azioni. (Più tardi, un terapeuta fidato mi avrebbe detto che è molto più difficile convivere con gli alcolisti quando sono aridi e non stanno effettivamente seguendo i passaggi della sobrietà. Questo non avrebbe potuto essere più vero.)

Ho cercato nella mia anima e nel suo account di posta elettronica, e quando ho finito, sapevo nel mio cuore che non sarebbe cambiato.

Sapevo che se fossi rimasta con lui, la violenza e la rabbia sarebbero solo peggiorate. Sapevo che alla fine mi avrebbe ucciso.

Ho iniziato a elaborare un piano di fuga e il 28 gennaio 2017 ho finalmente lasciato il mio aggressore.

Dopo che me ne sono andato, la mia vita si è aperta in modi che non avrei mai immaginato.

Mi rendo conto ora che nessuno avrebbe potuto dirmi di andarmene. non avrei ascoltato. Dovevo prendere la decisione da solo, e dovevo farlo nel mio tempo, quando il mio cuore era pronto. La mia testa era pronta molto prima, molto tempo fa, quando ho scritto quella voce nel diario di ottobre 2015. Una parte di me vorrebbe aver ascoltato il mio sé intuitivo allora. Mi avrebbe risparmiato un anno di atroce dolore, paura ed esaurimento. Ma questa è la mia storia. Non posso tornare indietro e cambiare il passato. Posso solo guardare al futuro ed essere grato per le lezioni che ho imparato e la saggezza che devo condividere.

ora capisco che sono una vittima e sopravvissuto di violenza domestica. La mia missione è educare, potenziare e aiutare gli altri nel loro viaggio di guarigione.

Ascolta il tuo sé intuitivo. Appoggiati a quell'istinto, a quella sensazione viscerale. E allo stesso tempo, abbi compassione di te stesso, sapendo che anche il tuo sé emotivo è coinvolto.

Se ti sei collegato a questo articolo, metti mi piace alla nostra pagina Facebook, È personale , uno spazio all-inclusive per discutere di matrimonio, divorzio, sesso, appuntamenti e amicizia.