celebs-networth.com

Moglie, Marito, Famiglia, Stato, Wikipedia

10 cose che mi hanno sorpreso di avere un cesareo

Manodopera E Consegna
10 cose che mi hanno sorpreso di avere un cesareo

Steve Debenport / iStock



Sono entrata per la prima volta in travaglio a 35 settimane e mi sono guadagnata un pernottamento in ospedale, durante il quale le mie contrazioni si sono bloccate e sono rimasta dilatata a 4 centimetri. Due settimane e nessun progresso dopo (anche se sentivo che i gemelli stavano per cadere da me sul pavimento di BabiesRUs), ho sopportato altre 12 ore di orribili contrazioni. E anche se completamente dilatato, non riuscivo a spingere fuori i bambini, così sono finito nel cesareo. E mentre mi ero documentato sulla procedura e sulle sue conseguenze, alcuni aspetti mi hanno comunque sorpreso.

1. Ho dimenticato come fare pipì.

Quando abbiamo tolto il catetere dopo il taglio cesareo, io e le infermiere abbiamo pensato di... fare pipì quando dovevo fare pipì come qualsiasi adulto perfettamente funzionante. Sei ore avanti veloce e la mia vescica, piena della soluzione salina che veniva ancora pompata nel mio corpo, era pericolosamente piena, e non avevo ancora la sensazione di aver bisogno di una visita al bagno. Ho dovuto reinserire il catetere (ahi).





Le 24 ore successive sono state di pee-watch e le infermiere mi hanno svegliato a intervalli regolari in modo che potessi provare ad andare. Per lo più, questo ha comportato che aprissero il rubinetto nella speranza che sarei stato ispirato dal suono dell'acqua che scorreva e si aggiravano fuori dalla porta alle 4 del mattino mentre cercavo di distrarmi con Facebook. C'è ancora una parte di me che vuole dire a qualcuno quando ho fatto pipì e farli essere davvero, davvero colpiti dai miei sforzi.

2. Non potevo assolutamente alzarmi dal letto facilmente.

Cercare di alzarsi è stato più intenso di quanto mi aspettassi. Dovevo padroneggiare questa mossa in cui rotolavo a destra, spostavo un po' il sedere in avanti, spingevo in alto con le braccia e poi cadevo in avanti. Se qualcuno mi stava aiutando, era essenziale che non mi tirassero su. Riuscivo a malapena a camminare, e si scopre che i muscoli addominali fanno molto di più di quanto gli attribuissi.

3. Non ho mai avuto così sete...

...e non mi lasciavano bere acqua dopo l'intervento. Il pensiero era che se mi fossi ammalato o anche solo tossito, avrei fatto gravi danni a me stesso. Ma ero disperato. Alla fine ho convinto un'infermiera a farmi avere delle scaglie di ghiaccio, e mentre mio marito crollava, esausto, accanto a me, rimasi sdraiata al buio a succhiare una scaglia di ghiaccio dopo l'altra, per ore. Quando avessi finito, avrei chiesto di più. Ricordo il momento in cui finalmente mi è stato permesso di avere l'acqua come una delle più felici della mia vita.

4. I frullati erano pessimi.

Sapevo di aspettarmi tremori dopo che i bambini erano stati rimossi, ma non avevo idea che sarebbe stato così intenso. Il mio tremore è iniziato a metà del cesareo e non si è fermato per ore. Era uno spasmo in tutto il corpo. Eravamo solo io, i miei cubetti di ghiaccio e il mio vigoroso tremore al buio dopo la procedura.

5. Mi hanno dato così tante droghe diverse che ho perso le tracce.

Ero un po' fuori di testa, ma ricordo che mi è stato detto poco prima che mi venisse iniettata ogni sostanza misteriosa. Uno a sinistra, uno a destra, uno sotto la lingua. Ripetere. Dubiterei della mia memoria di questo se mio marito non fosse stato lì, lucido, a testimoniare la follia. È una buona cosa che ho lasciato andare le mie speranze per un parto libero dalla droga ore prima. Facevo già parte di uno studio di ricerca sui gemelli; forse facevo anche parte di uno chiamato Let's See What This Stuff Does.

6. Ho avuto/ho un bel po' di pancia!

Parte di ciò è dovuto al fatto che ho portato a termine due gemelli grandi, ma mi è stato detto che le dimensioni della mia pancia dopo il parto erano dovute anche al gas rimasto intrappolato nel mio torso durante l'esecuzione del cesareo. E questo sembra essere comune quanto la sporgenza della pelle del taglio cesareo che deriva dall'avere una parte dell'addome cucita stretta, creando un po' di un rigonfiamento sopra di esso. In qualche modo non mi rendevo conto che tagliare i muscoli dello stomaco per il cesareo avrebbe portato a una tale difficoltà a stringere le cose laggiù. Sembro ancora incinta di tre mesi (con due gemelli) e non vedo che cambierà presto. Per fortuna, finora ho solo ucciso tre persone per aver chiesto se avrò altri bambini, e ho trovato una dolce mamma tankini.



7. Ci ho quasi dormito.

Ho il sonno leggero, voi tutti. Trovo difficile dormire russando dolcemente, figuriamoci se qualcuno fa a pezzi il mio corpo e tira fuori le persone. Ma ero così assonnato quando siamo entrati in sala operatoria. Era forse la stanza più luminosa in cui sia mai stato, e stavo solo lottando per tenere gli occhi aperti. Certo, a quel punto ero in piedi da 48 ore e sono stato medicato con il summenzionato non riesco a ricordare cosa, ma sono rimasto sorpreso dal fatto che durante momenti così intensi, volevo solo assopirmi. L'impulso era travolgente.

8. L'intera area rimane insensibile.

Mi è stato detto che questo può durare per un anno o più. Nel frattempo, quando sfrego la mia mano contro la mia zona pelvica, è solo strano non provare le stesse sensazioni che provo nel resto del mio corpo. Per qualche ragione, passo molto tempo davanti a uno specchio, frugando nell'area sopra la mia incisione. Lo faccio perché è cadente come la glassa fondente (così tanta pelle flaccida), ma anche perché il suo intorpidimento mi affascina.

9. Ha traumatizzato mio marito.

Sfortunatamente ha sbirciato dietro la tenda quando si è alzato per vedere i bambini. Lì vide cose che non potrà mai vedere. Avevo un'emorragia (cosa comune) e il mio utero era piuttosto enorme a causa del fatto che avevo in grembo due gemelli grandi. In realtà l'hanno tolto dal mio corpo per fermare l'emorragia. Almeno mio marito non è svenuto; i dottori avevano detto che lo avrebbero ignorato se lo avesse fatto.

10. Mio marito non poteva essere presente all'inizio.

Hanno dovuto sistemarmi tutto in sala operatoria prima di farlo entrare. Durante questo periodo, perché era quasi...23:00la notte prima di San Valentino, me ne stavo lì mezzo insensibile, ascoltando i medici, le infermiere e i tecnici chiacchierare delle loro date programmate. Continuavo ad allungare il collo per intravedere mio marito che entrava, ma lo avevano esiliato temporaneamente nel purgatorio del marito, una sala d'attesa grande quanto un armadio nelle vicinanze.

Se è probabile che tu abbia un taglio cesareo (cioè sei americano) o ne stai pianificando uno, non preoccuparti troppo. È davvero male solo per meno di una settimana. Imparerai di nuovo a camminare. Potrai tossire e ridere senza tenere un cuscino sullo stomaco (e quella risata finta e meno dolorosa che svilupperai si attaccherà solo in qualche modo). Ne ricaverai una cicatrice tosta, un'avventura con Vicodin e una pancia della consistenza di Cool Whip. Oh, e un bambino. Avrai almeno un bambino.

P.S. Ottenere un cesareo non ti salva dalla vescica che perde, gente. Se l'11 non fosse un numero imbarazzante, sarebbe il n. 11.