10 motivi per cui odiavo l'allattamento al seno

Bambini
odiato-allattamento al seno

Odiavo l'allattamento al seno. LO ODIAVA.

L'ho odiato dal momento in cui mio figlio si è attaccato dolorosamente per la prima volta fino al momento, 57 lunghi giorni dopo, quando ho deciso che ne avevo avuto abbastanza e sono passato alla bottiglia. Odiavo ogni secondo di ogni poppata di ogni giorno. Che modo di sprecare i primi due mesi di vita di mio figlio.

L'allattamento al seno è diventato in qualche modo una sorta di qualificazione per essere una buona madre, o anche decente. Il perdono è dato a quelle mamme che tentano di allattare, ma non sono in grado... ma il resto di noi? Quelli che scegliere nutrire la nostra prole con il latte prodotto in fabbrica piuttosto che fornire il nostro? Siamo cattivi per questo. Almeno così si sente.



Per me, la maternità ha iniziato a essere piacevole solo quando ho smesso di forzare qualcosa che, ironia della sorte, sembrava la cosa meno naturale del mondo. Solo allora, ho iniziato ad assaporare il tempo che lo cullava per farlo addormentare, o apprezzare il suono del suo respiro, o studiare le sue ciglia folte mentre mi guardava.

nomi divertenti che suonano come parole

Perché lo odiavo così tanto?

1. Allattamento al seno consumato IO. 24 ore su 24, 7 giorni su 7, era praticamente tutto ciò a cui pensavo, tutto ciò che avevo pianificato e tutto ciò che facevo. Come potrebbe non essere? Dovevo dare da mangiare a mio figlio ogni due ore, ogni poppata durava un'ora, e quando ho finito era già quasi ora di dargli da mangiare di nuovo.

2. Mi sentivo disgustoso. In qualche modo avrei pensato che guadagnare queste tette da pornostar mi avrebbe fatto sentire sexy e potente. Invece mi sentivo una mucca. Una mucca che perde, puzzolente e piagnucolona.

3. Santo Dio, faceva male! La sensazione di avere una parte tenera di me tirata fino a sanguinare è non la mia idea di un buon momento. Scusa, Christian Grey.

il marito non apprezza stare a casa mamma

Quattro. Il mio corpo era ancora non il mio. Al nono mese di gravidanza, desideravo riavere il mio corpo e contavo i secondi finché non fosse di nuovo mio. Ma mentre stavo allattando, è ancora non era mio. Ero semplicemente un camion delle consegne di cibo ricoperto di carne.

5. Pompaggio . Nessuna spiegazione necessaria.

6. Non sapendo quanto stava effettivamente mangiando . Mio figlio mangiava tutto il giorno, ma in realtà non so mai quanto stesse mangiando. Ne ha avuto abbastanza? Lo stavo facendo morire di fame? Non succhiava niente o latte? Non avevo idea.

7. I miei ormoni sono impazziti . Era come la sindrome premestruale sotto steroidi.

8. Ero da solo. Sono fortunata ad avere un marito che vuole essere il più coinvolto possibile, ma come unico produttore di latte, non potrebbe fare molto. La capacità del mio bambino di crescere dipendeva al 100% da me. La pressione era semplicemente troppa.

resta a casa mamma vs papà che lavora

9. Ero cosciente. Più potere alle donne che tirano fuori una tetta ovunque e ovunque, ma io non ero una di loro. Il che significava che nel momento in cui qualcuno veniva a trovarmi, mi precipitavo a cercare privacy. Non è la cosa migliore per una neomamma sola.

10. La colpa. Ogni pasto mi faceva sentire come se qualcosa non andasse in me: perché non mi stavo connettendo con lui? Perché non mi piaceva provvedere a lui? Cosa c'era di sbagliato in me? Mi ci è voluto un po' per rendermi conto che non ero una cattiva madre, semplicemente non eccellevo in quella parte della maternità. Fortunatamente per lui, e per me, lo faccio ad altri. Il mio ruolo di madre non era e non è definito da come ho scelto di nutrire il mio bambino. Difficilmente.

E nemmeno il tuo.